TeleFree.iT
lunedì 11 aprile 2011
Rifiuti plastici bloccati nel porto di Napoli: erano destinati alla Cina
Nei cinque container tonnellate di merce destinata allo smaltimento: ci avrebbero costruito nuovi giocattoli
letture: 5366
Napoli: 14:17 - La Guardia di Finanza di Napoli ha scoperto un traffico di rifiuti che ha portato al sequestro di cinque container con all'interno materiale destinato al recupero presso uno stabilimento cinese. Nei containers c'erano cascami, ritagli e avanzi di altre materie plastiche classificabili come rifiuti speciali non pericolosi destinati, probabilmente, alla realizzazione di giocattoli infrangendo la legge che ne prevede invece lo smaltimento.
Sarebbero stati trasformati, presumibilmente in giocattoli oppure in articoli elettronici, i rifiuti speciali sequestrati nel porto di Napoli e destinati alla Cina. Gli scarti, soprattutto materiali plastici derivanti da elettrodomestici o da immondizia domestica, erano diretti allo scalo di Qingdao, meglio conosciuta in Occidente come Tsingtao, città sub-provinciale nell'est della provincia di Shandong, sede di un importante porto, base navale e centro industriale.

Difficile, però, riuscire a capire se i rifiuti sarebbero rimasti lì oppure trasportati e trasferiti in altre città della Cina. E', comunque, certo che gli scarti pericolosi sarebbero finiti nuovamente nel ciclo produttivo.

"Non è la prima volta che operiamo sequestri di questo tipo - ha spiegato il capitano della Guardia di Finanza di Napoli, Alessio Iannone - è difficile, però, riuscire a capire la loro destinazione finale perché, non essendo Paese comunitario, è complesso estendere la nostra giurisdizione. Certamente i rifiuti che, nel corso del tempo, abbiamo rinvenuto nel porto partenopeo vengono reimpiegati e trasformati in altro che poi, a sua volta, viene rimesso sul mercato o sotto forma di giocattoli, o di articoli elettronici oppure in fibre sintetiche per abiti e maglieria. I rifiuti illeciti rinvenuti a Napoli provengono essenzialmente dal Napoletano e dal Basso Lazio e sono destinati principalmente in Cina e nel Sud est asiatico, soprattutto Malesia e Vietnam".
fonte: Tgcom24   postato da: Dolores  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=89271