TeleFree.iT
lunedì 10 gennaio 2011
Praeneste Labicana - Formia 31 a 15
letture: 3729
Rugby: Rugby Praeneste Labicana    31
Rugby Formia                        15

  Rugby Formia: Sanna, Bortone, Dell'Isola, Di Gregorio, Izzo, Toscano, Santo, Di Cicco, Setteposte, Brucale, Benedetto, D'Onorio De Meo, Cardillo, Pace, Agresti. Coach: Capodiferro
Marcatori: Cardillo (F., punizione) al 2'; Costantini (P) al 16', trasf. Coccia; Brucale (F) al 20'; Coccia (P) al 28', trasf. Coccia; Di Cicco (F) al 19's.t. trasf. Pace; Costantini (P) al 28's.t. trasf. Coccia; Coccia (P., punizione); Costantini (P), trasf. Arduini.

  Un'altra sconfitta esterna per il Rugby Formia, superato per 31-15 nell'ultima partita del girone di andata in casa del Rugby Praeneste Labicana. Presentatisi con una formazione estremamente rimaneggiata, i ragazzi di coach Capodiferro hanno disputato una gara molto combattuta e sono stati in partita fino alla fine. La vittoria è stata più volte accarezzata, ma negli ultimi dieci minuti è sfumata via.  La maggiore organizzazione dei labicani ha avuto ragione sul cuore dei formiani, a cui va dato atto di avercela messa tutta e di aver speso generosamente anche l'ultimo granello di energia.
Di Gregorio e compagni partono subito forte. Buona presenza della mischia nelle ruck, buoni i placcaggi iniziali, buone le ripartenze dai raggruppamenti. La pressione del Formia costringe i padroni di casa a commettere infrazioni e falli. Al 2' gli ospiti possono così portarsi in vantaggio con un calcio di punizione trasformato magistralmente da Cardillo.
Il Formia soffre sulla mischia chiusa ma domina le touche. Il quarto d'ora successivo è però tutto labicano. Si gioca praticamente nei 22 metri bianco-celesti. Al 10', da una mischia a ridosso dalla linea di meta si sviluppano varie fasi di gioco. Il raggruppamento verde-nero del Labico penetra in meta ma non riesce a schiacciare il pallone a terra, tenuto tenacemente alto dai difensori ospiti. La marcatura arriva però al 16'.  L'azione parte ancora da una mischia a 5 metri dalla linea. Il centro Costantini trova il varco e schiaccia. Il pilone Coccia trasforma: 7-3.
Al 20' l'estremo formiano Sanna recupera l'ovale e viaggia per 15 metri in velocità dribblando gli avversari. Si sviluppano due ruck successive. Il pallone viene aperto verso Brucale. La corpulenta terza linea di Castelforte, lanciata in corsa, si fa strada travolgendo i placcatori avversari e schiaccia in meta. La marcatura non è trasformata. Il punteggio va sul 7-8 per gli ospiti.
Il Formia continua a soffrire molto le iniziative labicane e continua a giocare nei propri 22 metri. La mischia chiusa soffre ancora ma riesce a organizzarsi, e trova una propria quadratura. Ottimo lavoro di Pace, schierato per la prima volta nel ruolo di tallonatore, il quale è molto abile ad arpionare i palloni introdotti e a farli uscire subito fuori il pack, dietro i piedi della terza linea centrale.
Al 28' il Praeneste si porta nuovamente in vantaggio. A seguito di un raggruppamente, il pilone Coccia riesce a crearsi un varco fra le linee difensive e ad andare in meta. Sarà lo stesso Coccia a trasformare. Al 33' un coast to coast del caparbio Costantini fa giungere il giocatore nell'area di meta. Il veloce centro viene però scaraventato fuori da Sanna, e non riesce a marcare.
La ripresa inizia con un Formia che manifesta un buon possesso di palla e che dispiega buone iniziative di gioco. Al 10' il Praeneste spreca una facile occasione per segnare dopo una mischia a 10 metri dalla linea.
Al 19' un'ottima manovra del Formia, con diverse ruck e fasi di gioco, libera la terza linea n°8 Di Cicco, il quale afferra il pallone e galoppa per dieci metri segnando una splendida meta. Pace trasforma e porta in vantaggio i tirrenici: 14-15.
Nei venti minuti finali gli ospiti perdono di lucidità e con essa, la partita. Al 28' il Praeneste apre il gioco verso Costantini, che sulla linea di destra, in posizione di ala, sguscia via e marca una segnatura. Lo stesso giocatore si ripete al 38' con una fantastica galoppata dalla propria difesa, resa però possibile da qualche mancato atterramento da parte dei placcatori formiani.
Le due trasformazioni alle mete (rispettivamente di Coccia e Arduini) e il calcio di punizione messo tra i pali da Coccia al 30', portano il risultato finale di 31-15.


di: TF Sport

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=87013