TeleFree.iT
mercoled├Č 07 giugno 2006
Fossa Joanna, il cerchio delle streghe
Una dolina meravigliosa al centro di molte leggende popolari
letture: 6813
Fossa Joanna
Fossa Joanna
Archeologia nella Natura: Forse non tutti conoscono la bellezza dei monti nostrani, gli Aurunci che prendono il nome dai nostri progenitori italici.
Forse non tutti sanno della loro natura carsica, delle foreste che si alternano alle pietraie, degli inghiottitoi che si trasformano in grotte e delle sorgenti di acqua purissima che, come per incanto, sgorgano dalle rocce.
I boschi nei dintorni della dolina
I boschi nei dintorni della dolina
Negli ambienti carsici la dolina si presenta come un improvviso avvallamento del territorio; spesso tale avvallamento Ŕ di dimensioni contenute, e finisce per trasformarsi, col cedimento del terreno, in un vero e proprio inghiottitoio (o foiba). A volte, per˛, tali zone assumono dimensioni ragguardevoli, presentandosi come delle vere e proprie radure. Questo Ŕ il caso di Fossa Joanna, una dolina magnifica ad oltre 1300 m di quota, in territorio di Spigno.
Alle falde del monte Petrella, lo spiazzo, di oltre 100 m di diametro, si apre tra le foreste; le dimensioni e l'altitudine sono tali che non si riescono neanche a vedere le cime delle montagne circostanti.
Varie leggende circondano questo luogo, non a caso chiamato anche "Fossa delle streghe". Si dice che qui vivesse una fattucchiera, dedita al culto del diavolo e capace di preparare pozioni maligne: il suo nome era, appunto, Joanna. Si dice che essa sia stata arsa viva da alcuni briganti, che vollero vendicarsi del fatto che avesse rivelato il loro nascondiglio.
Ma, c'Ŕ dell'altro... se si riesce a parlare con i pastori della zona, essi forse vi diranno di essere restii a lasciare i cavalli al pascolo in quella zona: nel caso rimangano lÓ di notte, vengono ritrovati la mattina seguente con le criniere annodate in fitte treccine. Si dice anche che non sia tanto consigliabile campeggiare nel luogo di notte e che, anzi, nessuno sia riuscito a resistervi per una notte intera. Del resto, a Spigno si sussurra che, ad inizio estate, lÓ ancora si riuniscano le streghe, dedicandosi alle loro danze magiche.

Una volta giunti nel cuore di questa stupenda dolina, ci si pu˛ guardare intorno, ed allora si avvertirÓ una strana sensazione, come se si fosse osservati, come se nei boschi circostanti qualcuno o qualcosa si stia nascondendo...

postato da: Muaddib  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=28855