TeleFree.iT
domenica 13 ottobre 2019
Svolta nel mondo del lavoro locale: i Lavoratori muovono azioni contro i padroni.
letture: 2073
Partito Comunista
Partito Comunista
Gaeta: Un'altra stagione balneare può dirsi chiusa. Come comunisti di Gaeta abbiamo già evidenziato tramite inchieste quali sono le condizioni lavorative nei vari settori locali che più operano in questo periodo. Oltre al 40% di lavoro "nero" che sussiste, nella maggioranza degli altri casi sono stipulati contratti che non coprono le eccessive ore effettive svolte e non retribuiscono in modo adeguato il lavoratore, spesso leso nella sua dignità. Questo quadro ad oggi risulta invariato, né nonostante le nostre denunce e sollecitazioni sono aumentati i controlli delle autorità competenti o le azioni amministrative e sindacali atte a contrastare questo sfruttamento tendente allo "schiavismo". Si constata invece come per tutto il tempo dell'anno tali condizioni vanno estendendosi nei vari settori ai lavoratori d'ogni età ed esperienza, sempre più precarizzati a causa anche delle normative nazionali concepite a totale favore dei "datori di lavoro".

Come ulteriore passaggio della nostra campagna permanente a difesa dei lavoratori, abbiamo lanciato un appello affinché si rivolgessero a noi per avere informazioni sui propri diritti e supporto per tutelarsi contro i soprusi subiti. Oggi prendiamo atto che questo appello non è caduto nel vuoto. Tanti ci stanno incontrando, diversi stanno avviando azioni contro i loro padroni e da determinati settori sono partite persino proposte associative. Sono passi da noi attesi che possono rappresentare una svolta nel mondo del lavoro locale. I lavoratori devono sapere che c'è chi da noi instradato sta muovendo richieste economiche per vie legali con buon esito e senza le temute conseguenze negative nel proprio futuro professionale. E' però importante che sappiano pure che in mezzo a loro c'è chi va coltivando l'idea di aggregarsi.

Come Partito Comunista abbiamo infatti il ruolo di sviluppare la loro coscienza di appartenere a una classe sociale che necessita di unità ed organizzazione per ottenere tramite la lotta conquiste generali. Le norme vigenti e le collusioni istituzionali a copertura dello sfruttamento da parte delle classi padronali indicano come queste battaglie non possono essere vinte con singole azioni legali in un sistema che conosce come unica vera legge quella del profitto. La lotta per la trasformazione della società a partire dal mondo del lavoro ha insomma carattere più politico e il nostro partito ha il compito di esserne rappresentante e guida.

Noi comunisti prospettiamo un altro sistema sociale non capitalista e al contempo abbiamo comunque proposte per il presente anche a livello locale per rafforzare la marcia dei lavoratori verso tale futuro: la costituzione di una azienda speciale comunale che gestisca vari settori della città, offrendo servizi accessibili a tutti e creando posti di lavoro stabili; concessioni ed appalti vincolati alle condizioni lavorative; incentivi per il recupero di terre abbandonate o di aziende in fallimento rilevate dagli operai. Non mancheranno ulteriori occasioni per esporre i nostri punti programmatici in tal senso, ma i lavoratori devono però intanto comprendere che senza la loro unione anche le richieste di solo carattere rivendicativo quali maggiori salari ad orari ridotti e condizioni dignitose rimarranno inesaudite.

Rilanciamo quindi il nostro appello ai lavoratori di ogni settore affinché continuino a rivolgersi a noi tutto l'anno e auspichiamo che oltre a muovere vertenze sostengano le nostre battaglie a partire dalle prossime iniziative sul tema del Lavoro. Nel frattempo li invitiamo a non firmare in alcuna sede carte di conciliazione proposte da terzi, spesso lettere di dimissioni o atti che comunque invalidano qualsiasi richiesta futura contro i datori di lavoro in questione. Purtroppo ci arrivano testimonianze di questa pratica volta ad ingannare i lavoratori con la complicità di singole figure che non adempiano al necessario ruolo sindacale che dovrebbero svolgere. Gli interessati in vario modo a questo e quanto altro qui detto e prospettato possono continuare a contattarci all'indirizzo comunistigaeta@gmail.com o raggiungerci al nostro sportello "Linea Rossa" aperto il martedì dalle 17 alle 19 nella nostra sede di Gaeta in via Indipendenza 206.


PARTITO COMUNISTA - GAETA - SEZIONE "MARIANO MANDOLESI".

di: Benedetto Crocco

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=124046