TeleFree.iT
sabato 09 marzo 2013
L'Italia si riprenda l'Italia, la politica buona lo faccia!
A Bersani, Berlusconi e Grillo: "in primis c'è il bene del Paese!"
letture: 4433
Gaetano Cerrito con Barbara Bouchet
Gaetano Cerrito con Barbara Bouchet
Baia Domitia: In una mia lettera inviata alla stampa nel 2010 denunciavo il "momento spettrale" che il Sud in primis e, più in generale, l'Italia attraversavano. Non mi sbagliavo e gli avvenimenti di quest'ultimo lasso di tempo non sono altro che la consecutio di una gigantesca degenerazione dei valori della politica, nella quale abbiamo creduto come cambiamento sostanziale di riscatto e di sviluppo della nostra terra e dell'Italia intera. Grillo docet.
Non volendo generalizzare, credo che questi intrecci perversi di malcostume dilagante e di indifferenza per la gente che ormai è stanca, delusa ed annichilita di fronte ad una politica lontana anni luce dai suoi bisogni e dai suoi sogni, ci facciano precipitare definitivamente nel buio di una notte senza fine.
La società ha capovolto i valori volando a ribasso e ha riposto i diversamente abili, i soggetti più fragili economicamente, gli anziani nell'anticamera della morte e questo è quanto di più vile una classe politica possa porre in essere. Non a caso oggi più che mai diciamo basta ai mercati, ai mercatisti, alla Merkel e comunque ai Paesi nordici; i nostri futuri governanti non dovranno essere più disposti ad accettare imposizioni finanziare che svalutano il made in Italy e rubano la dignità di donne e uomini in carne ed ossa.
Mi chiedo e chiedo a molti signori della politica e delle poltrone, e non solo a loro, cosa vogliono fare di questo Sud, di questa Italia che non ne può più della guerra senza fine tra i poteri dello Stato (caso Ilva, Finmeccanina ecc). Credo che necessiti un sussulto di dignità generale che affronti i problemi del Paese, gli affanni della gente, dei servizi, delle infrastrutture, della rivalutazione del turismo, della rieducazione ai valori della vita a partire dal Sud dove si registrano punte che superano il 50%, contro il 29,7% del Nord e il 39,3% al Centro a prova che esistono ancora due Italia non volendo sminuire il dramma Paese nel suo insieme con un tasso che ha sfiorato a Gennaio 2013 i 3 milioni di inoccupati.
Ora basta. E a Bersani, Berlusconi e Grillo quali attori principali dello scenario politico italiano, chiedo se vogliono continuare a tenerci nell'anticamera della morte.
Ai nuovi cittadini al Parlamento del Movimento 5 Stelle e al suo leader Grillo dico che necessita, e con urgenza, chiarezza di intenti ad evitare alibi che possano frenare la macchina amministrativa di un nuovo governo che ha il compito ed il dovere di guidare l'Italia verso la ripresa in maniera corretta e nel rispetto degli italiani.
Oggi, e non da oggi, tantissimi cittadini guardano al miglioramento di questa società, per uscire da una marginalità drammatica che è dura a morire. Bisogna che si incentivino le idee, i progetti ed i programmi di uomini che con spirito di abnegazione e di amore, possano essere finalmente protagonisti del tanto agognato e rincorso cambiamento.

Gaetano Cerrito, Presidente Ass.ne Amici de "L'Altra Italia"

postato da: laltraitaliatv  

Questa news proviene da: http://www.telefree.it
URL: http://www.telefree.it/news.php?op=view&id=102614