Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 21670
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 12660
dal 20/07 al 20/10 Roccasecca dei Volsci: ROCCASECCA dei VOLSCI (LT), per il 400° anniversario del Cardinale Massimo
letture: 2589
26/09 Roma: "Adotta un amico" all'oasi felina di Portaportese
letture: 119
03/10 Pomezia: Le Parole di Lavinia, Festival e Premio Letterario al femminile
letture: 94
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.627
visitatori:350
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
24
settembre
S. Pacifico m.
Compleanno di:
sex Batman
sex Cerevisia
sex GrilloFormia
sex hammer
sex housemarco
sex peppy
sex percoca
nel 1961: A Perugia si svolge la prima marcia della pace. L'ha ideata il filosofo Aldo Capitini.
nel 1993: Giovanni Parisi conquista a Milano la corona mondiale dei pesi leggeri (Wbo) battendo ai punti il portoricano Rivera.
dw

Home » News » Webzine » Note a Sentenza » Solleciti per canone RAI già p...
domenica 15 agosto 2010
Solleciti per canone RAI già pagato
L'ansia derivatane non è risarcibile
letture: 3618
.
.
Note a Sentenza: La peculiarità del danno non patrimoniale viene individuata nella sua tipicità, avuto riguardo alla natura dell'art. 2059 c.c., quale norma di rinvio ai casi previsti dalla legge (e quindi ai fatti costituenti reato o agli altri fatti illeciti riconosciuti dal legislatore ordinario produttivi di tale tipo di danno) ovvero ai diritti costituzionali inviolabili presieduti dalla tutela minima risarcitoria, con la precisazione in quest'ultimo caso, che la rilevanza costituzionale deve riguardare l'interesse leso e non il pregiudizio conseguentemente sofferto e che la risarcibilità del pregiudizio non patrimoniale presuppone, altresì, che la lesione sia grave (e cioè superi la soglia minima di tollerabilità, imposta dai doveri di solidarietà sociale) e che il danno non sia futile (vale a dire che non consista in meri disagi o fastidi o sia addirittura meramente immaginario).

Cassazione, Sez. Un., 19 agosto 2009, n. 18356
Non sono risarcibili i danni c.d. bagattellari, consistenti in disagi, fastidi, disappunti, ansie ed in ogni altro tipo di insoddisfazione.
La RAI radiotelevisione Italiana S.p.A. invia tre solleciti di pagamento nei confronti di una signora che aveva già pagato il canone.
La sig.ra si rivolge al giudice di pace di Benevento adducendo "che la ricezione continua di detti solleciti, nonostante le risposte inviate, le creava danni da disagio, discredito, ansia e stress".
Chiedeva pertanto, la condanna della RAI al risarcimento danni al pagamento della somma ritenuta di giustizia, anche entro l'importo di Euro 1.000,00.
Tra i motivi di ricorso spicca il punto della decisione che ha riconosciuto il risarcimento a titolo di danno esistenziale identificato nella costrizione indotta ripetutamente ad occuparsi delle problematiche attinenti all'obbligatorietà dell'abbonamento alla televisione e nel turbamento della quiete e tranquillità psichica della ricorrente, destinataria di immotivate diffide, con prospettazione reiterata di accertamenti e sanzioni, produttiva di un clima di intimidazione arbitraria, causa di disagio, ansia e stress.
La Corte ricostruito il dibattito sul danno non patrimoniale alla luce delle ultime posizioni pretorie osserva che nella specie, non sussiste un'ingiustizia costituzionalmente qualificata, tantomeno si verte in un'ipotesi di danno patrimoniale, risultando, piuttosto, la ritenuta lesione della "quiete e tranquillità psichica" insuscettibile di essere monetizzata siccome inquadrabile in quegli sconvolgimenti della quotidianità "consistenti in disagi, fastidi, disappunti, ansie ed in ogni altro tipo di insoddisfazione" (oggetto delle c.d. liti bagatellari) ritenuti non meritevoli di tutela risarcitoria.
Questo non significa che lo stesso non sia risarcibile: lo è quando si accerti un'ingiustizia costituzionalmente qualificata, cosa che non accade con l'invio di tre solleciti di pagamento.

Cassazione, Sez. Un., 19 agosto 2009, n. 18356
(Pres. Carbone - Rel. Mensitieri)


Svolgimento del processo

Con citazione notificata il 9 novembre 2004 C.C. conveniva in giudizio dinanzi al giudice di pace di Benevento la RAI Radiotelevisione Italiana spa deducendo che in data 21.10.2004 le era stato inviato da tale società sollecito di pagamento del canone televisivo; che tale sollecito era stato preceduto da altri due inviati il 29 aprile e il 3 maggio dello stesso anno ai quali era stato risposto compilando questionario - cartolina specificandosi che il suo nucleo familiare già provvedeva a pagare annualmente il canone il cui abbonamento era intestato ad uno dei componenti effettivi e conviventi della famiglia;che la ricezione continua di detti solleciti, nonostante le risposte inviate, le creava danni da disagio, discredito, ansia e stress.
Chiedeva pertanto, previa declaratoria di infondatezza della richiesta inoltratale dalla convenuta, la condanna della medesima a titolo di risarcimento danni al pagamento della somma ritenuta di giustizia, anche facendo ricorso all'art. 1226 c.c., oltre interessi e rivalutazione, il tutto da contenersi entro l'importo di Euro 1.000,00 e comunque entro i limiti di competenza per valore del giudice adito.
Instauratosi il contraddittorio la RAI, deducendo la natura di imposta del canone di abbonamento alla televisione di Stato, eccepiva preliminarmente il difetto di giurisdizione del giudice adito in favore del giudice tributario, l'incompetenza per materia e per territorio in favore della competenza esclusiva della Commissione Tributaria di Torino, il proprio difetto di legittimazione passiva per essere gli importi del canone destinati all'Amministrazione finanziaria dello Stato e contestava nel merito la fondatezza della pretesa avversaria perchè non provata e per l'insussistenza comunque dei presupposti risarcitori di cui all'art. 2059 c.c..
Con sentenza del 22 settembre 2005 il giudice di pace, dichiarata la propria competenza, dichiarava la società convenuta responsabile del danno esistenziale strettamente connesso alle ripetute e arbitrarie diffide di pagamento indirizzate all'attrice e la condannava al pagamento in favore della predetta della somma di Euro 199,20 a titolo di risarcimento danni, oltre rivalutazione ed interessi dalla domanda al soddisfo e alle spese processuali distraende in favore del procuratore antistatario.
Avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione la RAI Radiotelevisione italiana spa sulla base di cinque motivi, il primo dei quali attinente alla giurisdizione.
Non ha spiegato attività difensiva in questa sede l'intimata.
Motivi della decisione
Con il primo motivo di ricorso si denunzia, in riferimento all'art. 360 c.p.c., nn. 1 e 5, difetto di giurisdizione del giudice ordinario nonchè omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione.
Osserva la ricorrente che avendo la C. proposto la domanda risarcitoria, previa declaratoria di infondatezza della richiesta inoltrata dalla convenuta, quella domanda in tanto poteva essere scrutinata dal giudice di pace in quanto fosse stata previamente accertata dal giudice "competente" vale a dire dal giudice tributario (essendo il canone di abbonamento un'imposta) l'insussistenza dell'obbligo di pagamento del canone medesimo da parte della nominata C. e la conseguente illegittimità delle relative richieste di pagamento.
La doglianza è infondata giacchè correttamente il giudice "a quo" ha ritenuto la propria giurisdizione avendo la C. proposto un'azione risarcitoria fondata sull'illegittimità dei solleciti di pagamento del canone televisivo dopo che vi erano state già comunicazioni di non essere tenuta al detto pagamento.
Del resto in fattispecie del tutto analoga la Sezione Terza di questa Suprema Corte, con sentenza n. 12885 del 4 giugno 2009, ha ritenuto la propria giurisdizione, implicitamente rigettando l'eccezione della RAI di difetto di giurisdizione del giudice ordinario.
Con il secondo mezzo si deduce, in riferimento all'art. 360 c.p.c., n. 2, l'incompetenza per materia, e territorio del giudice adito, nonchè omessa, contraddittoria e/o insufficiente motivazione sul punto.
Rileva parte ricorrente la immotivata reiezione da parte del giudice "a quo" delle proposte eccezioni di incompetenza per materia e per territorio.
Assume che vertendosi in tema di imposta la competenza apparteneva alla Commissione Tributaria di Torino, luogo dove era sorta e doveva eseguirsi l'obbligazione di pagamento del canone da parte delle C..
Il motivo è infondato stante la testè ritenuta giurisdizione del giudice ordinario "in subiecta materia".
Con il terzo motivo si denunzia, in riferimento all'art. 360 c.p.c., nn. 3 e 4, violazione e falsa applicazione di norme di diritto e omessa motivazione in ordine all'eccezione di difetto di legittimazione passiva.
Rileva la ricorrente che il soggetto legittimato ad incassare le somme relative al canone televisivo è l'Amministrazione Finanziaria dello Stato e precisamente l'Agenzia delle Entrate-Ufficio di Torino.
Non aveva alcun rilievo, ai fini della legittimazione passiva sull'istanza risarcitoria, la circostanza che l'invito al pagamento provenisse da essa RAI, giacchè tali inviti venivano inoltrati ai soggetti inseriti nell'elenco stilato e tenuto dall'Agenzia delle Entrate, con la quale essa ricorrente collaborava per la riscossione del tributo.
Con il quarto mezzo si deduce, in riferimento all'art. 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, violazione e falsa applicazione degli artt. 100, 101, 102 e 113 c.p.c., art. 24 Cost., e art. 111 Cost., comma 6, e dell'art. 2043 cc da cui desumere il principio dell'ordinamento applicabile anche in sede di giudizio di equità, nonchè omessa e contraddittoria motivazione su un punto decisivo della controversia.
Osserva parte ricorrente che essendo l'A.F. sostanzialmente destinataria degli effetti della sentenza del giudice di pace essa doveva assumere nel giudizio il ruolo di necessario contraddittore.
In realtà l'A.F. era il vero ed effettivo soggetto titolare del rapporto d'imposta mentre la RAI, mera "longa manus" era priva di legittimazione sostanziale.
L'A.F. doveva considerarsi pertanto parte necessaria del giudizio in cui si verteva sulla legittimità o meno dell'invio di comunicazioni che facevano parte del procedimento tributario di accertamento della debenza di un'imposta che andava a beneficio diretto del bilancio dello Stato. Mentre essa RAI, recapitando gli avvisi in parola, dai quali peraltro nessun obbligo o sanzione scaturiva a carico dei destinatari, si limitava a svolgere un'attività doverosa, di carattere materiale e meramente strumentale rispetto alle funzioni di accertamento e riscossione del canone di abbonamento televisivo, di esclusiva competenza dell'A.F..
I due motivi, da esaminarsi congiuntamente stante la loro stretta connessione, sono inammissibili. Essi, invero, pur formalmente deducendo violazione di norme processuali e di principi informatori del diritto, esulano dalle censure consentite in sede di legittimità avverso le sentenze emesse secondo equità dal giudice di pace.
Merita puntualizzare che non è in discussione la "legitimatio ad causam", che è istituto processuale ricollegabile al principio di cui all'art. 81 c.p.c., e riferibile al soggetto che ha il potere di esercitare l'azione in giudizio ovvero nei cui confronti tale azione può essere esercitata, bensì si eccepisce l'effettiva titolarità passiva della pretesa risarcitoria, sul presupposto dell'estraneità al fatto dedotto in giudizio. Trattasi di una questione che comporta una disamina e una decisione attinente al merito della controversia e non alle regole procedurali, con la conseguenza che, in relazione ad essa, non è esperibile il ricorso per cassazione, ammesso - avverso le sentenze pronunciate, come quella in esame, dal giudice di pace secondo equità - oltre che per violazione delle regole procedurali, solo per violazione di norme costituzionali e comunitarie di rango superiore alle norme ordinarie o dei principi informatori della materia e per carenza assoluta, mera apparenza o radicale ed insanabile contraddittorietà della motivazione e non anche per violazione o falsa applicazione di legge ex art. 360 c.p.c., n. 3, (vedi sul punto la citata sentenza n. 12885/2009).
Con il quinto motivo si denunzia, infine, in riferimento all'art. 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5, violazione del principio del "neminem laedere" desumibile dall'art. 2043 c.c., come principio dell'ordinamento applicabile anche in sede di giudizio deciso secondo equità.
Osserva la ricorrente che essendo assorbenti i rilievi svolti attinenti a questioni meramente processuali doveva considerarsi superflua una dettagliata analisi della gravata sentenza nella parte relativa al merito della controversia, dovendo questa Suprema Corte cassare senza rinvio. Rileva, comunque, nel merito che il giudice "a quo" avrebbe potuto qualificare in termini di illiceità anche ex art. 2043 c.c., o sulla base di un più generale principio equitativo al quale tale norma si riporta, la comunicazione di essa RAI soltanto qualora avesse motivatamente dimostrato che tale comunicazione avesse caratteristiche tali da integrare un"aggressione alla sfera psico-fisica di una persona normale".
Sotto tale profilo era intuitivo, ad avviso della RAI, che una mera comunicazione (dalla quale non conseguiva alcun effetto giuridicamente rilevante) non aveva nè un carattere obbligante nè tanto meno coercitivo e quindi per definizione non costituiva molestia.
Il motivo di ricorso riguarda il punto della decisione che ha riconosciuto il risarcimento a titolo di danno esistenziale identificato nella costrizione indotta ripetutamente ad occuparsi delle problematiche attinenti all'obbligatorietà dell'abbonamento alla televisione e nel turbamento della quiete e tranquillità psichica della C., destinataria di immotivate diffide, con prospettazione reiterata di accertamenti e sanzioni, produttiva di un clima di intimidazione arbitraria, causa di disagio, ansia e stress. Il motivo è fondato nei termini che seguono. Come è noto queste Sezioni Unite, con quattro contestuali sentenze di contenuto identico (nn. 26972, 26973, 26974 e 26975 in data 11 novembre 2008)hanno di recente proceduto ad una rilettura in chiave costituzionale del disposto dell'art. 2059 cc, ritenuto principio informatore del diritto, come tale vincolante anche nel giudizio di equità, da leggersi - non già come disciplina di un'autonoma fattispecie di illecito, produttiva di danno non patrimoniale, distinta da quella di cui all'art. 2043 c.c. - bensì come norma che regola i limiti e le condizioni di risarcibilità dei pregiudizi non patrimoniali (intesa come categoria omnicomprensiva, all'interno della quale non è possibile individuare, se non con funzione meramente descrittiva, ulteriori sottocategorie) sul presupposto dell'esistenza di tutti gli elementi costitutivi dell'illecito richiesti dall'art. 2043 c.c., e cioè: la condotta illecita, 'ingiusta lesione di interessi tutelati dall'ordinamento, il nesso causale tra la prima e la seconda, la sussistenza di un concreto pregiudizio patito dal titolare dell'interesse leso.
In tale prospettiva la peculiarità del danno non patrimoniale viene individuata nella sua tipicità, avuto riguardo alla natura dell'art. 2059 c.c., quale norma di rinvio ai casi previsti dalla legge (e quindi ai fatti costituenti reato o agli altri fatti illeciti riconosciuti dal legislatore ordinario produttivi di tale tipo di danno) ovvero ai diritti costituzionali inviolabili presieduti dalla tutela minima risarcitoria, con la precisazione in quest'ultimo caso, che la rilevanza costituzionale deve riguardare l'interesse leso e non il pregiudizio conseguentemente sofferto e che la risarcibilità del pregiudizio non patrimoniale presuppone, altresì, che la lesione sia grave (e cioè superi la soglia minima di tollerabilità, imposta dai doveri di solidarietà sociale) e che il danno non sia futile (vale a dire che non consista in meri disagi o fastidi o sia addirittura meramente immaginario).
Ciò precisato, si osserva che, nella specie, non sussiste un'ingiustizia costituzionalmente qualificata, tantomeno si verte in un'ipotesi di danno patrimoniale, risultando, piuttosto, la ritenuta lesione della "quiete e tranquillità psichica" insuscettibile di essere monetizzata siccome inquadrabile in quegli sconvolgimenti della quotidianità "consistenti in disagi, fastidi, disappunti, ansie ed in ogni altro tipo di insoddisfazione" (oggetto delle c.d. liti bagatellari) ritenuti non meritevoli di tutela risarcitoria (vedi la citata sentenza n. 12885/2009, nonchè Cass. Sez. 3^ n. 8703/2009 .

In conclusione, rigettati i primo quattro motivi, il quinto va accolto e, ai sensi dell'art. 384 c.p.c., comma 2, la sentenza impugnata va cassata senza rinvio, posto che, non essendo necessari accertamenti di fatto, va pronunciato nel merito e - in applicazione dei principi affermati da queste Sezioni Unite sopra richiamati - la domanda di risarcimento della C. va rigettata.
Le spese dell'intero processo vanno integralmente compensate tra le parti avuto riguardo al rigetto dei primi quattro motivi nonchè alla relativa novità e alla natura delle questioni trattate con il quinto.

P.Q.M.

La Corte, accoglie il quinto motivo del ricorso, rigetta gli altri;cassa, in relazione al motivo accolto l'impugnata sentenza e decidendo nel merito rigetta la domanda di risarcimento danni proposta da C.C..
Compensa tra le parti le spese dell'intero giudizio.
Così deciso in Roma, il 26 maggio 2009.
Depositato in Cancelleria il 19 agosto 2009.

di: Costantino D'Onorio De Meo


Dalla Cassazione 'no' all'educazione rigida dei figli: è violenza privataNote a Sentenza: Dalla Cassazione 'no' all'educazione rigida dei figli: è violenza privata
letture: 2127
07 novembre 2012 di SteveRogers
Cancro al cervello dopo anni di cellulareNote a Sentenza: Cancro al cervello dopo anni di cellulare. Cassazione: "C'è legame, sì all'invalidità" (1)
letture: 2371
18 ottobre 2012 di SteveRogers
Cassazione: 'Lei non sa chi sono io...', è frase minatoriaNote a Sentenza: Cassazione: 'Lei non sa chi sono io...', è frase minatoria Annullata assoluzione di chi l'aveva pronunciata in una banale lite tra vicini (1)
letture: 2848
07 luglio 2012 di SteveRogers
TotòNote a Sentenza: Chi è stato tradito va risarcito. La Cassazione dice sì ai "danni da corna"
letture: 2479
09 giugno 2012 di SteveRogers
Nulla multa eccesso velocità superstrada se fatta da municipaleNote a Sentenza: Nulla multa eccesso velocità superstrada se fatta da municipale Giudice di pace: vigili non legittimati a fare il verbale (4)
letture: 2919
16 maggio 2012 di SteveRogers
Arsenico nell'acquaNote a Sentenza: Arsenico nell'acqua, risarcimento di 100 euro Tar condanna ministeri Ambiente e Salute (1)
letture: 2763
22 gennaio 2012 di Capitan
Vietato sputareNote a Sentenza: Lo sputo finisce alla sbarra, per giudici della Cassazione se è singolo non è reato (1)
letture: 3282
09 dicembre 2011 di Capitan
ConfconsumatoriNote a Sentenza: Per errore era finito nella lista dei "pagatori insolventi": ottiene 5000 euro di risarcimento Non era stata cancellata l'ipoteca sulla casa estinta, un importante precedente: "sempre più frequenti le segnalazioni illegittime presso le Centrali Rischi"
letture: 2814
07 novembre 2011 di ConfconsumatoriFormia
MarijuanaNote a Sentenza: La Cassazione: una pianta di marijuana sul terrazzo non costituisce reato
letture: 3123
28 giugno 2011 di Capitan
 Note a Sentenza: CASSAZIONE. Rumori e musica molesta: scatta il risarcimento per danni morali da movida (1)
letture: 4468
27 giugno 2011 di moscovscaia








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
.
Intercettazioni: Le regole matte della legge-bavaglio
letture: 2846
05 settembre 2010
.
Risarcimento del terzo trasportato e massimale (1)
letture: 3099
03 settembre 2010
.
Prescrizione Mills: "cosa" significa giuridicamente...
letture: 3468
01 settembre 2010
.
Il reato di diffamazione meriterebbe una modifica...
letture: 2919
30 agosto 2010
.
Portabilità del numero: la Corte di Giustizia Europea dice la sua
letture: 3522
21 agosto 2010
.
Codici, biliardo e tarocchi storia di un demolitore di miti
letture: 3892
19 agosto 2010
Prof. Franco Cordero
Le parole della nuova destra e l'arte dell'arrembaggio
letture: 3295
17 agosto 2010
.
Deontologia forense fai da te (2)
letture: 3652
16 agosto 2010
.
Solleciti per canone RAI già pagato
letture: 3619
15 agosto 2010
Il \
l Transito di Maria nella tradizione siro-occidentale
letture: 3615
15 agosto 2010