Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 11231
dal 03/10 al 03/02 Roma: Al Vittoriano arriva il mondo di "Andy Warhol
letture: 8111
dal 30/11 al 30/06 Scuola e società: Progetto del MIUR "Fisco e Scuola" con l'Ag. delle Entrate all'IIS Fermi-Filangieri di Formia
letture: 1794
dal 07/12 al 13/01 Minturno: Alunni della scuola media di SCAURI accolti nella rassegna d'arte "100 Presepi in VATICANO" (1)
letture: 1394
dal 15/12 al 12/01 Golfo di Gaeta: I concerti di solidarietà "I cuori battono ancora"
letture: 618
20/12 Golfo di Gaeta: Mons. Luigi Vari incontrerà pazienti e personale del Servizio di Oncologia del "Dono Svizzero" di Formia (2)
letture: 415
dal 23/12 al 05/01 Spigno Saturnia: "La Casa di Babbo Natale" a Spigno Saturnia - V edizione
letture: 293
dal 27/12 al 28/12 Napoli: "O' Presepe e Pullecenella"
letture: 866
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici 1
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.553
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
18
dicembre
S. Graziano V.
Compleanno di:
sex gfgaeta
sex joepass
sex kate1900
sex Nico68
sex Raf1979
sex tastiera45
nel 1865: Con il 13esimo emendamento della Costituzione gli Stati Uniti abolisce la schiavitù.
nel 1993: Il rugby italiano festeggia il primo storico successo su una squadra britannica:Italia-Scozia 18-15.
dw

Home » News » Webzine » Cinema e Teatro » Amarcord - Arancia meccanica
lunedì 19 ottobre 2009
Amarcord - Arancia meccanica
letture: 3538
Arancia meccanica
Arancia meccanica
Cinema e Teatro: Arancia meccanica (A Clockwork Orange) è un film del 1971, diretto da Stanley Kubrick.

Tratto dall'omonimo romanzo distopico (che potrebbe tradursi letteralmente Un'arancia ad orologeria) scritto da Anthony Burgess nel 1962, prefigura - appoggiandosi ad uno stile fantascientifico - una società votata ad una esasperata violenza (giovanile, ma non solo) e ad un condizionamento del pensiero.

Quando fu distribuita sul circuito cinematografico, all'inizio degli anni Settanta, la pellicola destò scalpore (con una schiera di ammiratori pronti a gridare al capolavoro ma anche con una forte corrente di parere contrario) per il taglio originale e visionario adottato nella narrazione, che faceva ricorso in maniera iperrealistica, ma anche senza indugi speculativi, a scene di violenza.
Forte di 4 nomination agli Oscar del 1972 come miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura non originale e miglior montaggio, presentato lo stesso anno alla Mostra di Venezia, Arancia meccanica è rimasto nella storia del cinema - oltre che come fonte di citazioni letterarie e iconografiche - anche grazie al contributo, nella parte non originale, della colonna sonora. Essa recuperava, fra le altre, musiche classiche molto conosciute di Rossini e Beethoven, accentuando la chiave visionaria e onirica del film. Decisivo per la riuscita del film, anche l'apporto di Malcolm McDowell nel ruolo di Alex, pronto e disponibile a tutto, al punto che s'incrina una costola e subisce l'abrasione delle cornee durante le riprese del film.

Il doppiaggio della versione italiana del film venne supervisionato dallo stesso regista e diretto da Mario Maldesi, che curerà da quel momento in avanti tutte le versioni italiane dei film di Kubrick assieme all'autore dei dialoghi Riccardo Aragno.

Trama

Alex è il capo dei Drughi, una banda di teppisti che trascorre le notti a rapinare e torturare persone nelle loro case, a pestare barboni e a scatenare feroci lotte con bande rivali. Alex vive con i genitori, ed è seguito da un Ispettore Giudiziario Minorile che controlla disperatamente le sue mosse. Due sono le cose che adora: l'«esercizio dell'amata ultraviolenza» e Beethoven, che chiama affettuosamente «il Ludovico Van».

Alex ed i suoi drughi amano ritirarsi di tanto in tanto al Korova Milk Bar, dove viene servito il "Latte Più", cioè latte rafforzato con droghe come la mescalina; il quale accentua la loro voglia di violenza e barbarie. I modi di fare di Alex sono crudi ed egoisti, talmente egoisti che i suoi compagni iniziano a sentirsi troppo comandati a bacchetta e si domandano cosa veramente rimanga loro in mano dopo le loro scorribande.

I compagni di Alex, dopo un loro tentativo di ribellione, vengono fisicamente puniti dal loro leader, che non intende perdere la propria posizione di supremazia.

Poco dopo la punizione inferta, George, uno dei drughi, parla ad Alex di una sua idea, e cioè effettuare una rapina nella casa di un'eccentrica collezionista d'arte (ufficialmente direttrice di un "centro dimagrante", più plausibilmente maitresse di una casa d'appuntamenti). Alex si presenta alla porta di ingresso chiedendo di poter entrare per usare il telefono, dato che un suo amico è stato vittima di un incidente stradale (trucco utilizzato anche in una precedente scorribanda). Questa scusa non convince l'eccentrica, la quale non gli apre la porta ed avverte la polizia. Il giovane Alex si fa strada entrando attraverso una finestra aperta al primo piano, fino a sorprendere la vecchia. Inizia una buffa scena di lotta tra i due, dove la vecchia tenta di difendersi con un soprammobile e Alex la minaccia divertito con un grosso pene di ceramica, curiosa opera d'arte, trovata su un mobile. Alex uccide la donna con quello inusuale strumento, sbattendoglielo in faccia. Alex tenta la fuga. I suoi drughi sono fuori ad aspettarlo, ma uno di loro lo ferisce al volto spaccandogli una bottiglia di latte in faccia, facendolo cadere a terra e accecandolo temporaneamente. La polizia arriva e lo arresta con l'accusa di omicidio.

Portato in carcere, Alex si sente come una preda tra predatori, tra uomini più violenti di lui, ecco che cerca di rigare dritto accaparrandosi le simpatie del prete della prigione, imparando a memoria versi della Bibbia. Lì viene a conoscenza dell'iniziativa del nuovo Governo in carica, che promette la scarcerazione immediata, a patto che ci si sottoponga ad un innovativo programma di "rieducazione", il Programma Ludovico. Senza fare troppe domande, accetta tutte le condizioni e viene trasferito in un luogo popolato di medici in cui viene costretto a vedere scene di violenza su uno schermo, mentre gli effetti di una sostanza iniettata poco prima cominciano a fargli provare un dolore fortissimo ed una sensazione di «morte da soffocamento», come puntualizza il conduttore dell'esperimento. In questo modo, nel giro di due settimane viene completamente condizionato a provare quella stessa sensazione di soffocamento e dolore di fronte a qualsiasi stimolo evocato nei film che aveva visto: violenza, sesso e la Nona Sinfonia di Beethoven che faceva casualmente da sottofondo in un documentario nazista.

Alex viene liberato ed il Governo esalta il Programma Ludovico, salutandolo come soluzione ai problemi della criminalità violenta e del conseguente affollamento delle prigioni. Ma Alex non ha cambiato la sua natura: è semplicemente condizionato, prova nausea e dolore quando tenta anche solo di reagire ad una violenza, e si ritrova in una società estranea: i genitori hanno affittato la sua stanza, i suoi vecchi compagni sono diventati poliziotti («per dei vecchi Drughi come noi, il lavoro più adatto è questo»), e le sue vittime si vendicano. Al centro ormai di un caso politico, e trasformato nella vittima perfetta, incapace di esercitare il libero arbitrio, lo sfortunato Alex, dopo essere stato torturato dai suoi vecchi "drughi", bussa alla porta dello scrittore torturato da lui stesso anni prima. Egli, avendo capito chi si era presentato alla sua porta, chiama dei cospiratori politici che pongono al giovane ex capo drugo delle domande per far cadere il governo attuale (a riguardo della Cura Ludovico) e, dopo aver avuto le risposte desiderate, lo inducono al suicidio attraverso la tanto amata Nona Sinfonia di Beethoven.

Malconcio, e di nuovo tra i medici, si risveglia da un sonno profondo nel quale, si lascia intendere, qualcuno ha tentato di de-condizionarlo («quand'ero tutto a pezzi, mezzo sveglio e inconscio, quasi...facevo quel sogno, sempre: tutti questi dottori che pasticciavano pensosi con il mio Gulliver, il mio cervello...»). Riceve la visita del Ministro dell'Interno che, preoccupato per lo scandalo causato dalla sua storia, si assicura che il ragazzo stia dalla sua parte. Alex torna a promettere, ad accettare tutte le condizioni, stringe la mano al Potere e viene colto da una visione: di nuovo sesso, di nuovo la sua adorata Nona e, stavolta, una Società che lo approva.

Video: Arancia Meccanica - Il Ministro imbocca Alex

Colonna sonora

- Il film utilizza brani di musica classica molto conosciuti: di Rossini è utilizzata l'ouverture dal "Guglielmo Tell" e le note della sua famosa opera "La gazza ladra", di Beethoven il secondo movimento e - quale leitmotiv del film destinato a rimanere celeberrimo - il quarto movimento - "Inno alla gioia" - dalla Nona sinfonia.

- In un'intervista televisiva Malcolm McDowell racconta che l'utilizzo della canzone "Singin' in the Rain" nel film fu del tutto casuale. Durante le riprese della scena del pestaggio e dello stupro a casa dello scrittore, Kubrick, non riuscendo a girare la scena in maniera convincente, chiese a McDowell di provare a cantare e ballare. McDowell improvvisò "Singin' in the Rain"; Kubrick ne rimase così entusiasta che dopo solo tre ore aveva già acquistato i diritti della canzone.

- Modellato su un romanzo nel quale è già postulata la centralità della musica, convalidata dall'estensione da presenze musicali per circa tre quarti della durata complessiva, "Arancia meccanica" offre a Kubrick (1928 - 1999) l'opportunità di interrogarsi e proporre spunti di riflessione, proprio, sul valore della musica nella società, sul suo ruolo nella cultura di massa, sulle sue presunte virtù educative così come sugli impulsi "negativi" che, imprevedibilmente, essa riesce invece a coagulare e portare alla luce.

La dimensione dominante di questa colonna sonora è lo sbeffeggiamento, il sarcasmo, l'irrisione e nelle tracce trovano posto la Nona di Beethoven stravolta al synthetizer da Wendy Carlos (1939), maestra in queste trascrizioni poi una versione accelerata, poi, dell'ouverture del Guglielmo Tell rossiniano che commenta la sequenza, accelerata anch'essa, dell'orgia di Alex con le due fanciulle del Chelsea Drugstore, infine, troviamo la Musica per il funerale della regina Maria di Purcell. Il cineasta collega le musiche ad un'espressività musicale, platealmente, negativa e "degenerata" come quella di un rock satanico o ad una qualunque forma d'arte sospettabile di pregiudizio. Kubrick propone una meditazione sulla musica "alta", quella assoluta e intangibile dei Beethoven, Purcell e Rossini, qui dissacrata da atteggiamenti impertinenti, da "baffi alla Gioconda" ben diversi dall'ossequiosa riverenza ad essa tributata in 2001: Odissea nello spazio (1968). Simmetricamente, poi Kubrick trasferisce questa riflessione circa la natura ambigua ed indisciplinabile della musica anche su una pagina ben più recente e leggera, ma anch'essa "esemplare", a suo modo, in termini di morale: la cinematografica e fortunatissima "Singin' in the rain". Il brano viene caricato di valenze bizzarre e sconcertanti, al punto che lo scandalo musicale, e relativi dibattiti con feroci polemiche finiranno per focalizzarsi quasi più su questa popolarissima e virtuosa pagina che sui numerosi capitoli di musica colta di quale il lungometraggio è gremito. Le pagine classiche di Arancia meccanica sono sottoposte all'"appetibilizzazione", procedura che permette l'avvicinamento e la demistificazione del protagonista dalle violenze perpetuate. Proprio quest'ultimo brano compare nell'incipit del film ad accompagnare l'auto rappresentazione di Alex e si ripresenterà in altre sequenze sempre associate al Korova Milk Bar, luogo di ritrovo della banda dei drughi, di cui diventa una sorta di tema associato.

Wendy Carlos

Wendy (all'epoca all'anagrafe Walter) Carlos era reduce nel 1971, anno di esordio di Arancia meccanica, dal successo planetario dei suoi due album d'esordio, "Switched-on Bach" e "The Well-Tempered Synthesizer", nei quali aveva sottoposto pagine bachiane a rielaborazioni puramente timbriche avviando e via via avvalorando il fraintendimento della musica elettronica come "genere" commerciale e di facile godibilità. Carlos si pone a ponte tra rigorosa ricerca elettronica e musica pop: adotta aromi strumentali che dell'elettronica utilizzano l'ampio strumentario, come il sintetizzatore Moog, e non certo i linguaggi sperimentali, oggetti di riforma negli studi fonologici. Il compositore non si spinge oltre ad elementi coloristici ed a suggestioni timbriche, però Kubrick ne resta estasiato dalla capacità della musica di Carlos d'offrire punti di vista proiettati verso un futuro tecnologico, con prospettive d'inquietudine. Le soluzioni proposte da Carlos sembrano offrire a Kubrick un'elettronica moderatamente innovativa tanto da donare nuovi punti di vista, o di ascolto, inediti e non ortodossi su tesi musicali carichi di secoli. Questo modo di fare e di usare la tecnologia, chiamata da Bernardi "progressismo al rallentatore", colpisce il regista inglese, che si fida della tecnologia ma che è segretamente inquieto di fronte a distacchi bruschi dalla terraferma della tradizione. Al primo impatto con il pubblico la presunta lesa sacralità beethoviana di Arancia meccanica scatena un autentico vespaio finendo per addebitare al film una trasgressività, rivelatasi fittizia.

Timesteps

L'unico brano originale è "Timesteps" ed è frutto turbinoso della tastiera Moog di Walter / Wendy Carlos; la pagina è stata scritta prima della stesura del film ed è stata ispirata dal romanzo di Burgess (1917 - 1993). Questa composizione la troviamo quando Alex viene sottoposto alla visione forzata di brutalità ed orrori assortiti. In questo passaggio, vengono messe in evidenza le voci trasfigurate dal vocoder dove si dà consistenza fonica alla sgradevolezza del trattamento clinico, trasponendo così in una diversa sfera sensoriale le tormentose conseguenze di quella terapia. Questo brano produce una indefinita e sensibile immedesimazione anche senza che la regia carichi di tinte della ripugnanza, lo spettatore condivide con nausea alle atrocità cui assiste.

Musica classica

Il gioco dei contrari tipicamente kubrickiano, s'innesta soprattutto sull'amore di Alex verso la musica classica: nella distorta visione del mondo e dei rapporti sociali, Beethoven viene assunto come summa di contenuti ed ideologie e come tale attaccato e trasgredito. È possibile tracciare una duplice partizione tra la figura di Alex e la musica. Nella prima, la versione di Alex come "capo drugo", istintivo e pieno di pathos ingovernabile è affidato alle pagine di Rossini, con l'eccezione dell'Andante dalla Overture del Guglielmo Tell. Alex ripulito dalle pulsioni violente è associato alle pagine beethoviane, che nel film troviamo unite alle sue fantasie ad occhi aperti così come alle visioni dei film "teraupetici" sul nazismo.

Beethoven

Le note beethoviane sono il palinsesto principale su cui poi Kubrick plasma le immagini e gli stacchi di montaggio, come sui dettagli dei crocefissi oltraggiosi di Alex, che seguono pedissequamente le scansioni ritmiche del secondo tempo (Molto vivace). Il significato generalmente connesso alla Nona Sinfonia (ed in particolare al conclusivo Inno alla gioia, ode alla concordia, all'amicizia e all'ordine) viene ribaltato ed il brano finisce per fare da sfondo e da stimolo alle scene di violenza più bestiali. Nella gioia di Alex non troviamo più nulla della gioia ma semmai il suo uso distorto e riscontrabile nelle diverse sequenze in cui il pezzo è utilizzato, associato alle immagini atroci delle parate naziste durante la "cura Ludovico" sia come sottofondo della vendetta di Mr. Alexander.

Rossini

L'ouverture della Gazza ladra assume, fin dall'inizio, la funzione di vero e proprio leitmotiv della violenza: s'ascolta il ritmo danzante e la vitalità di questo brano durante lo scontro con la banda di Billy Boy nel teatro abbandonato, durante il viaggio sulla Durango verso la casa di Mr. Alexander, nella colluttazione con la signora dei gatti o provenire da un posto imprecisato e suggerire al protagonista atti brutali. I rilanci sempre più caricati nel crescendo, l'artificio del ribattuto e la ripetitività tematica, caratteristiche rossiniane, sono qui tutte funzionali con naturalezza ed esattezza di tempi e gesti. Le scene di violenza acquisiscono così un aspetto gioioso e, quasi, liberatorio. L'allegro vivace del "Guglielmo Tell", ancora di Rossini, è in versione molto accelerata e ben si sposa in virtù del dinamismo irrefrenabile e della carica ironica che pervade il rapporto di Alex con due ragazze abbordate in un negozio di dischi: qui troviamo l'elemento ritmico del crescendo, progressivamente più frenetico ed incalzante, viene qui spinto ad una esasperata eccitazione emotiva, in sintonia con il visivo, finché il ritmo da martellante si fa sovraeccitato, mitragliante, ad evocare l'inesauribilità di energie e l'ingordigia animalesca. L'Andante della Overture del "Guglielmo Tell", affidato a cinque violoncelli, è pervaso da una atmosfera di rassegnata, dolente meditazione in cui viene ad essere una caricatura sonora di una afflizione teatrale e stucchevole. L'Overture to the Sun è un brano dal sapore medioevale, in cui viene molto fuori il tamburello, che viene utilizzato nella prima parte post esperimento, per verificare in pubblico la guarigione dalle pulsioni violente.

Singin' in the rain (Cantando sotto la pioggia, 1952)

Questo brano è reso insostenibile ed oltraggioso dalla combinazione con le immagini del feroce pestaggio; una sintesi inaccettabile, a detta di molti, tanto per la messa in scena traumatizzante per sé che per l'indisponente formulazione audiovisiva. Alex intona, con disumana euforia questa canzone durante l'aggressione ai danni dello scrittore Alexander e di sua moglie, facendo sì che le pause ritmiche del brano siano cadenzate (e sottolineate) "a tempo" dai calci e dalle bastonate che egli sferra ai due malcapitati. In questo passaggio si riconosce l'ironia kubrickiana giocata sulla contraddizione tra l'evento messo in scena e l'innocenza evocativa: è impossibile non andare con la memoria alle evoluzioni festose di Gene Kelly (1912 - 1996) sotto l'acquazzone. La scena del musical è l'emblema dell'amore e della gioia di vivere; in Arancia meccanica la stessa canzone alimenta e ratifica una lucidità aggressiva, che incanala in senso distruttivo gli impulsi che Kelly aveva risolto in senso positivo. L'analogia tra i due lungometraggi è nella danza: palese quella del musical, quella, nel film di Kubrick, è, invece, una macabra marcia di violenza, le cui movenze sembrano le cadenze di un balletto, seppur brutale. L'uso incongruo ed irriverente della musica che possiamo riscontrare almeno in altre due situazioni: nell'utilizzo di "I want to marry a lighthouse keeper" (voglio sposare il custode di un faro) di Erika Eigen associato al ritorno a casa di Alex, che è tutto fuorché un'illuminazione e nell'ouverture del "Guglielmo Tell" (rielaborata al sintetizzatore da Wendy Carlos) di Rossini (1792 - 1868) che accompagna la sequenza dell'orgia, giocata sia visivamente che musicalmente su l'accelerazione. Il gioco grottesco che si innesta è valorizzato dal fatto che il brano è comunemente conosciuto come la "cavalcata del Guglielmo Tell". La revisione attuata da Kubrick, a carico del motivetto di "Singing in the rain", è meno eccessiva e stravagante di quanto pare, sussiste in realtà una coerenza, occulta ma ferrea, che è quella dell'antagonismo, inconciliabile solo in apparenza tra i poli del dualismo apollineo / dionisiaco. Alex è esuberanza animale, energia vitale allo stato puro ed affrancato da codici morali, ma è anche prodotto di una società e di una cultura persuasiva e pervasiva. Nulla di più naturale, quindi, che per un individuo come Alex, formato a dosi energiche di cultura massificata e privo di riferimenti alternativi, l' "Inno alla gioia" dalla Nona Sinfonia beethoviana, "Sheherazade" di Rimskij-Korsakov (1844 - 1908) e "Singin' in the Rain" coincidano con espressioni di gioia incontrollata. Non sembra sussistere la gratuità logica nella soluzione che affida a Singin' in the rain le truci cadenze del pestaggio: anche i conti della pertinenza sembrano tornare, giacché il giovanotto è prodotto della cultura del suo tempo cui attinge a proposito e sproposito. Dal momento che la pratica ed il compiacimento della violenza gratuita allontanano emotivamente lo spettatore da Alex, è indispensabile riportare lo spettatore a coordinate più "normali e universali, condivise e condivisibili, quindi Kubrick opta per l'individuazione e valorizzazione di un punto di contatto. Con questa operazione, il cineasta americano sceglie "Singin' in the rain" e l' "Inno alla gioia" come punto di contatto tra il pubblico ed Alex, visto che quest'ultimo risulta figlio di un'alterità sociale, queste pagine, infatti, avvicinano il protagonista, attraverso l'accessibilità del linguaggio sonoro, al pubblico (pratica non nuova nei lavori di Kubrick). La ricerca di capisaldi musicali (e non) di estrema notorietà e di effetto collaudato sono riconducibili anche a quella che Ghezzi chiama la popolarità della comunicazione, ovvero l'attrattiva ed accessibilità di linguaggi e modelli su cui Kubrick non ha l'abitudine di lesinare e che non disprezza l'impiego di cavalli di battaglia, come in "Eyes Wide Shut" (1999) con "Strangers in the night", impiegati con intenzioni allusive e simboliche.

Censura

Se al giorno d'oggi le violenze di "Arancia meccanica" possono dirsi poca cosa in confronto a quanto mostrato da cinema e televisione, all'inizio degli anni '70 erano un sicuro pugno nello stomaco. Nonostante Kubrick intendesse condannare la violenza invece di fomentarla, lettere minatorie dalla Gran Bretagna arrivarono a Kubrick e alla sua famiglia, tanto da indurre il regista stesso a chiedere e ottenere dalla Warner Bros il ritiro della pellicola dalle sale locali. Nella maggior parte dei Paesi del mondo (Italia compresa) il film fu vietato ai minori di 18 anni e divenne uno dei bersagli preferiti della censura e del perbenismo popolare. Anche in Italia il film divise, e il provvedimento di divieto ai minorenni durò fino al 1998, quando una sentenza del Consiglio di Stato lo abbassò ai minori di 14 rendendolo così il film utilizzabile anche al piccolo schermo. Ma per nove anni, né RAI né Mediaset si mostrarono interessate a sfatare quello che da un quarto di secolo era considerato "tabù televisivo": a parte un unico passaggio (1999) nella TV a pagamento (Tele+), "Arancia meccanica" rimase invenduto fino a quando Telecom Italia Media non ne acquisì i diritti per poi trasmetterlo finalmente in chiaro su La7. Il 25 settembre 2007, preceduto dal documentario "La meccanica dell'arancia" condotto dal regista Alex Infascelli, il film ruppe questo tabù dopo le ore 22,30 (come previsto per le pellicole vietate ai minori di 14 anni), 35 anni dopo la sua uscita cinematografica.

Nadsat

Il Nadsat è uno slang artificiale derivato dall'inglese con numerose influenze russe. Inventato dallo scrittore Anthony Burgess, è usato da Alexander DeLarge e dai suoi Drughi. Lo stesso titolo inglese del film (A Clockwork Orange) sarebbe riconducibile a questa lingua. "Orange" infatti in Nadsat signfica "uomo" e il titolo tradotto quindi diventerebbe "Uomo ad orologeria", cioè presumibilmente pronto ad "esplodere" in qualunque momento.

Kubrick e Platone

Da non trascurare l'ipotesi che la "cura Ludovico" costituisca una citazione esplicita dell'allegoria del "Mito della caverna" di Platone, Alex è sostituito agli uomini incatenati e costretti a guardare le ombre proiettate sulla parete dagli artefici, e come l'ipotetico uomo dell'allegoria che venga liberato Alex non è poi in grado di interagire con la realtà esterna e di conseguenza ne diviene vittima.

« È buffo come i colori del vero mondo divengano veramente veri soltanto quando uno li vede sullo schermo. »
(Alex, durante la cura)

Infine c'è da considerare che lo spettatore del film vede sullo schermo raffigurata, in maniera allegorica, la sua stessa condizione (anch'egli nella "Caverna" buia a guardare fisso delle ombre sullo schermo) in un infinito gioco di specchi.

Arancia meccanica nella cultura popolare

- Il batterista dei Led Zeppelin, John Bonham, in alcuni concerti nel 1975 indossava un vestito da drugo, bianco con la bombetta nera.

- Il nome Drughi Bianconeri è usato da una frangia della tifoseria della squadra italiana di calcio della Juventus. Il nome originario del gruppo stesso era proprio "Arancia Meccanica".

Cinema

- Le scritte murarie nel Korova Milk Bar vengono citate in una scena di un altro bar nel film "Trainspotting".

- Nel film del 1998 "Batman & Robin", diretto da Joel Schumacher, c'è una citazione quasi letterale dal film di Kubrick: durante un inseguimento tra le vie di un quartiere di Gotham City appare una banda di giovani vestiti esattamente come i Drughi; l'unica evidente differenza è che il sospensorio che portano sul basso ventre e le bretelle non sono bianchi come nell'originale, bensì neri.

- Nel film di "South Park" un trattamento similare al metodo Ludovico viene realizzato con Cartman reo di essere troppo sboccato. Solo che al posto di un condizionamento psicologico gli viene impiantato un chip che gli infligge una scossa elettrica ogni volta che pronuncia una parolaccia. Alla fine del film Cartman sarà in grado di distruggere il chip semplicemente pronunciando una lunghissima serie di improperi.

- Nel film "Tenacious D e il destino del rock", Jack Black viene aggredito per strada da una banda di teppisti vestiti (anche se con alcune variazioni nelle maschere e negli accessori) da drughi che scimmiottano gli originali persino nel tono della voce.

- Heath Ledger, in un'intervista sul suo ruolo di Joker nel film "Il cavaliere oscuro", ha sostenuto di essersi ispirato all'amoralità del film "Arancia Meccanica".

- Nel film "Le iene" di Quentin Tarantino, Mr. Blond tortura un poliziotto sfergiandogli la faccia e tagliandogli un orecchio con un rasoio, tutto sotto le note di "Stuck in the middle with you". Il regista ha dichiarato in un'intervista di essersi ispirato alla scena di "Arancia meccanica" dove Alex violenta i due coniugi intonando "Singing in the Rain".

- Un omaggio al film è presente nella pellicola "Goodbye Lenin": la stessa impostazione di ripresa a scatti e la stessa colonna sonora della scena in cui Alex fa sesso con le due ragazze vengono riprese nel momento in cui Alex (protagonista curiosamente omonimo a quello di "Arancia meccanica"), coadiuvato dal suo amico Denis, rimette i mobili della camera della madre nella disposizione da lei conosciuta al momento di riportarla a casa dopo la degenza dovuta al coma.

- Nel film "Halloween - The Beginning" di Rob Zombie la scena del dottore che tiene una conferenza sul suo libro è ripresa dalla scena di "Arancia Meccanica" col primo piano degli occhi di Alex.

Televisione

- Nell'episodio della serie televisiva "I Simpson - Le ragazze vogliono solo sommare" - Homer chiede a Marge «se vuole fare un po' di su e giù»: l'espressione era utilizzata in "Arancia meccanica" dai drughi per indicare il sesso. Sempre in questa puntata, quando Lisa entra nella scuola per ragazzi, sentiamo di sottofondo un tema molto simile al tema che Walter Carlos compose per la pellicola di Kubrick. Inoltre, durante una festa di Halloween, Bart Simpson si traveste proprio da Alex. In un'altra puntata dei Simpson vediamo Lisa fare esperimenti su Bart mettendo delle pinze elettricamente cariche su dei dolci che Bart, dopo aver cercato una prima volta invano di prenderli prendendo la scossa, rivedendoli allunga le mani verso di essi come fa Alex dopo la cura verso i seni della ragazza e, come lui, contorcersi a terra agonizzante.

- Tra le numerosissime citazioni presenti nella serie televisiva I Simpson, ce n'è una in cui il Signor Burns rieduca il cane di Bart (Il Piccolo Aiutante Di Babbo Natale) utilizzando il trattamento Ludovico. In quella stessa scena, inoltre, il sottofondo musicale è l'Inno alla gioia di Beethoven. Inoltre, nell'episodio "Homer lo Smithers", il signor Burns, dopo essere caduto dalla finestra del suo ufficio, si fa imboccare e coccolare dal signor Smithers, smettendo di parlare e aspettando che gli venisse presentanto il cibo, proprio come Alex e il Ministro dell'Interno.

- Tra i personaggi della serie televisiva I Simpson si può ricordare la Gattara che è una interpretazione ironica dell'"Amica dei Gatti" del libro di Anthony Burgess. Infatti, il carattere della Gattara rispecchia il personaggio da Alex ucciso durante la sua ultima notte di libertà prima che venisse tradito dai suoi cosiddetti "amici", i Drughi.

- In un episodio promozionale degli "Happy Tree Friends", cartone animato rinomato per le scene di violenza, Nutty, scoiattolo drogato di zucchero, viene curato dai medici dalla sua dipendenza venendo chiuso in una stanza da manicomio. Dopo una lunga sofferenza per la mancanza di zucchero egli viene rimesso in libertà, pettinato e vestito come Alex una volta finito il lavaggio del cervello. Inoltre, durante la scena della presentazione del nuovo Nutty si sente in sottofondo un accenno a "Music for the funeral of Queen Mary", musica che si sente spesso in "Arancia meccanica".

- Un cartone della serie "Nick Carter" vede il trio investigativo alle prese con dei teppisti vestiti esattamente come i Drughi, facenti parte della "Banda della Mela Idraulica". Il detective ironizza sul titolo del romanzo definendosi capo della "Ciliegina ad orologeria".

- Uno spot televisivo francese su una campagna per il consumo di latte vede dei figuranti fare il verso ai Drughi con il proverbiale bicchiere di latte.

- Nella puntata "Intercettatore" della sitcom camera café dopo aver pestato il padre di Alex con una mazza da baseball, mentre esce dall'ascensore Luca fischietta "Singin'in the rain".

Video musicali

- Nel video "Authority" della band Biohazard si può notare che il cantante/chitarrista Billy Graziadei esegue il "Programma Ludovico".

- Il videoclip del singolo "The Universal" dei Blur, diretto da Jonathan Glazer, è un esplicito omaggio al film di Kubrick. La scenografia è liberamente ispirata alle location del film (soprattutto il "Korova Milk Bar") e il video ritrae i musicisti britannici nei panni dei famosi drughi, con tanto di un Damon Albarn provvisto di ciglia finte e bombetta, proprio come Alex.

- Il video musicale della canzone "Never Gonna Stop Me" di Rob Zombie è un esplicito omaggio ad "Arancia Meccanica". Infatti nel video Rob Zombie è vestito come Alex, mentre gli altri componenti del gruppo sono vestiti da drughi e tutti sono seduti al Korova Milk Bar, con in mano un bicchiere di Latte Più, e con i piedi poggiati su tavoli a forma di donne nude.

- Il bassista della cartoon band dei Gorillaz molto spesso indossa vestiti simili a quelli di Billy Boy, in particolare il cappello.

- Nel video di "Welcome to the Jungle" dei Guns n' Roses, il cantante Axl Rose viene sottoposto alla cura Ludovico.

- Nei video del gruppo punk inglese The Adicts, tutti i componenti della band sono vestiti da "Drughi".

Nella cronaca

- La finzione sfora nella realtà con alcuni fatti di cronaca nera a cavallo tra gli anni settanta ed ottanta, i cosiddetti colpi della Banda dell'Arancia Meccanica. Un gruppo di ex poliziotti e balordi di periferia, compivano incursioni notturne nelle abitazioni di alcuni VIP romani, sottoponendoli a violenze e sevizie, un gioco che durò fintanto funzionò l'arma del ricatto in cambio dell'omertà. Da questi fatti è stato tratto il libro di Dido Sacchettoni "Le notti dell'arancia meccanica" e a sua volta un film di Claudio Caligari, "L'odore della notte" (1998).

- Il Massacro del Circeo dell'ottobre 1975 è stato accostato, anche da titoli di quotidiani, al film "Arancia meccanica".

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

postato da: Capitan  


locandina Lazio ti porta al cinemaCinema e Teatro: La Regione Lazio ti porta al cinema Cinema scontato e biglietti omaggio
letture: 1522
03 ottobre 2018 di simonilla
 Cinema e Teatro: I racconti di Bronx Film alla Casa del Cinema Rassegna di documentari e cortometraggi
letture: 927
10 gennaio 2017 di accordieDISACCORDI
Cinema e Teatro: Chi è Stefano Simondo? Un personaggio in cerca d'autore...
letture: 1438
01 settembre 2016 di matoo
 Cinema e Teatro: Stefano Simondo intervista Tg3 Rai Regione L'attore Romano d'adozione su Rai Basilicata parla del film sulla tragedia di Balvano (Potenza)
letture: 1287
03 gennaio 2016 di matoo
Locandina dello spettacolo ChocolatCinema e Teatro: La Compagnia Teatrale dell'ITS Bianchini di Terracina mette in scena CHOCOLAT Il 3 di Giugno alle ore 20,30 presso l'Aula Magna del Liceo Scientifico L. Da Vinci di Terracina
letture: 3410
24 maggio 2015 di philleas
Cinema e Teatro: SENZA SIPARIO IL MALATO IMMAGINARIO al Teatro Remigio Paone Formia 20 Dicembre ore 20:30 21 Dicembre ore 18:00
letture: 3144
18 dicembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
Cinema e Teatro: 10 E LODE: Il teatro per le scuole "Santa Claus e la maledizione del Faraone" 4 dicembre 2014 Teatro Ariston, Gaeta
letture: 3145
02 dicembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
Cinema e Teatro: Stagione senza sipario: In fondo agli occhi 15 Novembre ore 20:30 16 Novembre ore 18:00 Teatro Remigio Paone, Formia
letture: 3343
13 novembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
De Sica leggenda del Neorealismo. L'artista che reinventò il cinemaCinema e Teatro: De Sica leggenda del Neorealismo. L'artista che reinventò il cinema Ricordo del regista a 40 anni dalla morte
letture: 2630
13 novembre 2014 di TF Press
Il brindisi di Leo DiCaprio nel film Cinema e Teatro: Il "Bloody Mary" compie 80 anni. Segnò la fine del probizionismo New York festeggia la bevanda ispirata alla feroce Maria Tudor. Il primo brindisi fu al King Cile Bar dell'hotel Saint Regis. Poi il boom nei ristori jazz club
letture: 2546
13 ottobre 2014 di TF Press








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Pagella elettronica
Dai video sui social network alla pagella elettronica, le regole del Garante privacy
letture: 3503
06 settembre 2012
Paperone
Ecco i 10 paperoni d'Italia che posseggono quanto i tre milioni più poveri (2)
letture: 3827
02 aprile 2012
Energie rinnovabili
Con le energie rinnovabili tagli alla bolletta degli italiani per 400 milioni di euro (2)
letture: 3529
02 aprile 2012
FIAT
Mercato auto, tonfo in Italia a marzo, -26,7%
letture: 3415
02 aprile 2012
Karima El Mahroug (Ruby)
Processo Ruby va avanti, Consulta respinge ricorso delle Camere (2)
letture: 3562
14 febbraio 2012
Guardia di Finanza
Sequestrati 300mila barattoli cibo scaduto, arrugginiti e forati poi rietichettati (2)
letture: 3768
14 febbraio 2012
Karima El Mahroug (Ruby)
Agente: Ruby disse che Berlusconi sapeva che non era egiziana (4)
letture: 3650
13 febbraio 2012
Whitney Houston
Morta regina soul-pop Whitney Houston (7)
letture: 4169
12 febbraio 2012
11 Febbraio: Giornata Mondiale contro ACTA
Dietro il risiko dell'ACTA minaccia globale alla libertà
letture: 3913
11 febbraio 2012
Concordia, un nuovo video mostra il caos
Concordia, un nuovo video mostra il caos "Passeggeri da soli nelle lance... Vabbuò" (4)
letture: 3856
11 febbraio 2012


Commenti: 1

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2018 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2018 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it