Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.636
visitatori:417
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
martedì
21
settembre
S. Matteo Ap.
Compleanno di:
sex BiVi
sex deregibus
sex Emilio
sex gaiardo
sex lordByron
sex toto78
nel 1903: Viene proiettato il primo film western. La pellicola si intitola "Kit Carson".
nel 1958: Nel Milan esordisce in serie A Josè Altafini, in quel campionato segnerà 28 reti vincendo subito lo scudetto.
dw

Home » News » Latina » Ecce bomba! L'avvocato Tibadi...
venerdì 06 febbraio 2004
Ecce bomba! L'avvocato Tibadi non demorde: "Il nucleare è devastante"
letture: 6623
L
L
Latina: Mentre le ipotesi sul futuro della centrale nucleare del Garigliano e sul suo probabile smantellamento si fanno più stringenti, il fronte antinuclearista non demorde. L'avvocato Marcantonio Tibaldi, 85 anni, presidente del Comitato di salute pubblica Garigliano, da quarant'anni in prima linea contro la centrale di Sessa Aurunca che - continua a ripetere - ha contaminato tutto il golfo di Gaeta, conferma le sue accuse. E le ribadisce in questa ulteriore intervista per il portale Telefree. Nelle sue parole c'è rabbia ma anche una sorta di ineluttabile rassegnazione di fronte alle decisioni che si dovranno prendere.
«I lavori per la costruzione della centrale del Garigliano iniziarono nella primavera del 1959. Io gettai l'allarme perché mi era capitato di leggere degli interventi sulla prima centrale costruita al mondo, in Francia, dove era capitato che tutti i cittadini abitanti nei pressi della centrale venivano colpiti da cancro per le radiazioni uscite dalla centrale. Mi recai dai sindaci per impedire la costruzione della centrale ma questo loro non lo intesero, non recepirono la gravità della situazione, e quindi venne costruita».

La storia della centrale del Garigliano è una storia travagliata e sempre border-line dal punto di vista della sicurezza. Entrò in funzione nel 1964 e durò per soli quattordici anni. Funziono a singhiozzo, almeno dodici furono i guasti che riguardarono il reattore. Nel dicembre del 1976 (atti processuali pretura di Sessa Aurunca, 1980) l'acqua del Garigliano in piena penetrò nel locale sotterraneo della centrale dove erano "stoccate" le scorie radioattive e, ritirandosi, si trascinò dietro nel fiume, nella campagna e nel mare, più di un milione di litri di acqua contaminata dai radionucleidi. Nel 1979 accadde un analogo incidente però non menzionato dalla magistratura o dall'Enea, e di nuovo nel 1980 (telegramma del Comitato nazionale energia nucleare) piogge, infiltrazioni e riflusso verso il fiume di cesio 137 radioattivo. Intanto nel 1978, dopo i primi incidenti, la centrale venne fermata e, vista l'impossibilità di miglioramenti, il governo firmò la delibera di disattivazione nel 1982, cinque anni prima del referendum che mise al bando il nucleare in Italia.

«Siamo in una situazione di estrema e oggettiva drammaticità, e di fronte a ciò c'è stata negligenza e disattenzione universale» dice il vecchio Tibaldi, che spesso è stato tacciato di catastrofismo ma finora mai completamente smentito con dati certi. Anzi era un documento dell'Enea, finito venti anni fa nelle sue mani, a parlare di "contaminazione" di 1700 kmq di mare tra Volturno e Circeo per Cesio 137 e Cobalto 60. E quando chiedo a Tibaldi ulteriori dati lui fornisce anche le elaborazioni realizzate su dati Istat che rilevano una notevole media in eccesso delle morti nella zona per tumori e leucemie. «Questa centrale è stata costruita nel peggiore dei modi, noi ci ritroviamo nel posto in cui la quota della piana è minore, e sulla strada argine che contiene l'acqua quando esonda il fiume Garigliano».

Ma ora che la centrale è disattivata, resta il problema delle scorie nucleari. Tibaldi non lancia soluzioni e proposte, ma si limita a denunciare la gravità della situazione. «Innanzitutto non è esatto dire che siccome la centrale non è in funzione allora non è pericolosa». «Da quel camino che è altro 91,50 metri sono fuoriuscite effluenze areiformi di una potenza tossico-letale spaventosa. Ci sono trincee sotterranee in cui sono stati depositati e stoccati pessimamente i rifiuti di prima e seconda categoria, cioè quelli di bassa e media radioattività. Questa zona è contaminata, come detto dall'Enea. Ma non esiste nessuna centrale che sia immune da questi effetti devastanti».

Ma se anche gli errori del passato reclamano chiarezza, sul futuro della centrale è necessario prendere delle decisioni, e farlo nella massima linearità e trasparenza possibile. Le invettive apocalittiche rischiano di creare un alibi alla non-azione allo stesso modo dei punti di vista integrati e perfettamente rassicuranti.

di: Luca Di Ciaccio


Itri, denunciata una 27enneItri: Ventisettenne di Itri denunciata per omissione di soccorso
letture: 274
19 settembre 2021 di simonilla
Carabinieri arrestano due persone per rapinaCisterna: Due arresti per rapina
letture: 259
19 settembre 2021 di simonilla
GDF di LatinaLatina: Sequestro gasolio
letture: 537
16 settembre 2021 di simonilla
Spiaggia di SerapoGaeta: L'estate sta finendo e un anno se ne va............ Critiche , piuttosto amare, sull'estate gaetana che volge al termine. (2)
letture: 907
08 settembre 2021 di enrico90
Strisce blu a Gaeta.Gaeta: Solidarietà del PC ai lavoratori Blu Service. Sostegno a chi lotta per il lavoro.
letture: 4045
14 agosto 2021 di Benedetto Crocco
Partito ComunistaGaeta: Andiamo avanti, vergognoso resta il silenzio dell'Amministrazione Comunale.
letture: 5000
02 agosto 2021 di Benedetto Crocco
Partito ComunistaGaeta: Il "giardino della cremazione" non da frutti. Gara deserta e prima vitoria dei cittadini.
letture: 4993
30 luglio 2021 di Benedetto Crocco
Gennaro e PeppinoGaeta: PUNTI DI VISTA La riqualificazione.... (1)
letture: 6713
24 luglio 2021 di Kocis
LocandinaVentotene: Torna il Ventotene Film Festival Dal 23 luglio al 1 agosto 2021
letture: 5614
22 luglio 2021 di simonilla
Ponza d'AutorePonza: Ponza d'Autore
letture: 6137
21 luglio 2021 di simonilla








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News correlate:

letture:
01 gennaio 1970
Plastico della Centrale Nucleare del Garigliano (foto: Agenzia Press LiveWeb.it)
Ecce bombaaaa! - Le parti sbagliate del nucleare e il futuro delle centrali.
letture: 3584
23 gennaio 2004

News dello stesso autore:
il libro
Perché ho scritto il "Catalogo dei gaetani"
letture: 2856
16 dicembre 2020
locandina compromessi sposi
I compromessi paesani
letture: 4192
30 gennaio 2019
gaeta
Luminarie e scion scion (1)
letture: 4052
06 gennaio 2019
sciuscio con nino granata
Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie
letture: 5751
31 dicembre 2018
gaeta
"Storie di un paese di mare", la Gaeta minima che tutti sanno ma nessuno vede
letture: 2946
25 ottobre 2018
scimmie
La via formiana allo spinello (5)
letture: 2875
18 ottobre 2018
antonio ciano
La verità su TMO e il Masaniello dell'etere
letture: 5168
05 ottobre 2018
scissure
Famiglie, nudisti e rave party: la doppia vita di una spiaggia
letture: 7888
28 settembre 2018
gaeta
L'estate del nostro scontento
letture: 3205
06 settembre 2018
Sdoganiamo Gigione! (2)
letture: 3109
04 settembre 2018