Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 11418
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 4273
19/01 Sezze: L'"ODISSEA" in scena a Sezze
letture: 73
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.608
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
19
gennaio
S. Mario m.
Compleanno di:
sex 19loro
sex cascarino
sex larosabianca
nel 1915: George Claude brevetta la lampada al neon.
nel 1977: 12.700.000 persone si radunano per il festival religioso indiano.
nel 1984: a Città del Messico,Francesco Moser polverizza il record dell'ora di Eddy Merchx,che resisteva da 12 anni. Moser percorre 50,808 km.
dw

Home » News » Latina » Pontinia » Oggi consiglio provinciale sul...
lunedì 16 febbraio 2009
Oggi consiglio provinciale sulle centrali a turbogas di Pontinia e Aprilia
l'applicazione del protocollo di Kyoto sempre più distante
letture: 2930
Pontinia: Tra improbabili centrali elettriche e il protocollo di Kyoto
La provincia di Latina e il comune di Pontinia sono l'oggetto del desiderio di alcune società che vorrebbero installarvi improbabili centrali elettriche, perché escluse dal piano energetico della Regione Lazio e dell'amministrazione provincia di Latina.
Speriamo se ne ricordino i 31 componenti il consiglio provinciale di domani che affronterà il tema delle centrali a turbogas di Pontinia ed Aprilia.
La data della convocazione del consiglio (non so se chi ha convocato il consiglio lo sa, spero di sì) coincide con l'anniversario del protocollo di Kyoto del 16 febbraio 2005, che non è stato certo rispettato dall'Italia, visto che anziché tagliare le emissioni del 6,5% queste sono cresciute del 9,9%.
Percentuali che aumenterebbero con le centrali, non solo a turbogas, ma anche a biomasse, entrambe aumentano le emissioni già troppo elevate.
Speriamo anche che il consiglio provinciale di domani assuma, invece, atteggiamenti, iniziative per contrastare i dati sulle malattie dell'apparato respiratorio del comune di Pontinia e del distretto di Latina che sono allarmanti.
E che necessitano una risposta, vera non solo elettorale.
Pontinia 15 febbraio 2009 Ecologia e territorio Giorgio Libralato


CLIMA: KYOTO;ASSOCIAZIONI,ITALIA IMMOBILE SU IMPEGNI ASSUNTI
(ANSA) - ROMA, 14 FEB - ''L'Italia rischia un autentico suicidio per la propria credibilita' internazionale se continuera' a non fare nulla per attuare gli impegni previsti dal primo periodo di azione del protocollo di Kyoto entrato in vigore il 16 febbraio 2005''. Questo l'allarme lanciato da Wwf, Legambiente e Greenpeace in una nota congiunta, alla vigilia del quarto compleanno del protocollo salva-clima. Per le associazioni, rispetto all'impegno di un taglio delle emissioni del 6,5%, queste sono cresciute del 9,9% e ''il nostro Paese non solo non ha una strategia valida, ma sta dando indicazioni contraddittorie con un rilancio del carbone e del nucleare, a danno dello sviluppo di rinnovabili ed efficienza energetica. Inoltre - proseguono gli ambientalisti - si pensa di compensare le mancate riduzioni con un massiccio ricorso a 'progetti di sviluppo pulito', con l'impiego di risorse pubbliche, progetti spesso di dubbia efficacia''. Insomma, per le associazioni l'Italia ''ha solamente adottato provvedimenti spot, che peraltro sono stati puntualmente disattesi'', come ''il finanziamento di 200 milioni di Euro del 'Fondo rotativo' per Kyoto, annunciato dal ministro dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo'', poi ''scomparso''. Infine, il rischio e' che il nostro Paese non faccia ''dell'emergenza climatica un'occasione di rilancio dell'economia''.

Comunicati stampa
14/02/2009 01:16 Clima ed energia: l'Italia rischia il suicidio
Italia immobile nel primo anno di azione del protocollo di Kyoto
Comunicato congiunto Greenpeace Legambiente Wwf
L'Italia rischia un autentico suicidio per la propria credibilità internazionale se continuerà a non fare nulla per attuare gli impegni previsti dal primo periodo di azione del protocollo di Kyoto entrato in vigore il 16 febbraio 2005. E' passato il primo anno di effettiva validità degli impegni previsti dal protocollo (2008-2012), che per l'Italia prevedono un taglio complessivo delle emissioni del 6,5%, e il nostro Paese non solo non ha una strategia valida - le emissioni sono invece cresciute del 9,9% dal 1990 ad oggi - ma sta dando indicazioni contraddittorie con un rilancio del carbone e del nucleare a danno dello sviluppo di rinnovabili ed efficienza energetica; inoltre si pensa di compensare le mancate riduzioni con un massiccio ricorso a "progetti di sviluppo pulito" (CDM), con l'impiego di risorse pubbliche, progetti spesso di dubbia efficacia.
L'Italia non ha una strategia vera e propria (1) ma ha solamente adottato provvedimenti spot che peraltro sono stati puntualmente disattesi. Ultimo in ordine di tempo il finanziamento di 200 milioni di Euro del "Fondo rotativo" per Kyoto, annunciato dal Ministro Prestigiacomo e scomparso dal testo finale della Finanziaria 2009. Gli stessi fondi per organizzare il registro degli assorbimenti forestali, previsto da una delibera CIPE dell'allora governo Berlusconi del 2002, sono spariti dall'ultima Finanziaria.
Circa 42 milioni di euro sono invece stati destinati a sostenere progetti all'estero, così come permesso dai meccanismi flessibili del Protocollo di Kyoto, che tuttavia lasciano irrisolte alcune importanti questioni (2) e che non permetteranno di rientrare negli obiettivi di riduzione delle emissioni in assenza di misure concrete a livello nazionale. Paradossalmente, mentre negli Stati Uniti il Presidente Obama annunciano un "Green New Deal" di rilevanza storica, l'Italia torna al passato con una politica energetica fondata sul rilancio del carbone e del nucleare, le fonti più sporche e più pericolose. Recentemente il Senato USA ha cancellato dal "pacchetto di stimolo" per l'economia 50 miliardi di dollari in prestiti a tasso agevolato a nucleare e "carbone pulito".
C'è dunque il rischio che il nostro Paese, senza una strategia concreta per sostenere gli investimenti nelle fonti rinnovabili e nel settore dell'efficienza energetica perda ancora una volta il treno per fare dell'emergenza climatica un'occasione di rilancio dell'economia e fronteggiare la crisi finanziaria.
NOTE:
(1) La strategia tracciata dalla delibera CIPE del 2002 è infatti abbondantemente superata e sia l'ex ministro all'ambiente Pecoraro Scanio che l'attuale ministro Prestigiacomo hanno annunciato una revisione che non è mai arrivata.
(2) Non è chiaro se i beneficiari dei crediti derivanti dai progetti che il Governo intende finanziare all'estero siano le aziende o lo Stato. Nel primo caso vorrebbe dire che saranno i contribuenti a sostenere i costi per la compensazione delle emissioni di gas serra delle aziende private, in completa contraddizione del principio "chi inquina paga" del Protocollo di Kyoto. Inoltre, non vi sono garanzie che i progetti finanziati dal Governo siano progetti in grado di soddisfare gli standard emissioni ambientali e sociali.

«Emissioni zero al 2050
per evitare la catastrofe»
Avviare un circolo virtuoso che tenda a portare a zero, per il 2050, le emissioni di CO2 del sistema elettrico. La proposta di Paolo Frankl, a capo dell'Unità per l'energia rinnovabile dell'Iea, al convegno organizzato a Roma dal Kyoto Club
Nella produzione di energia elettrica entro il 2050 bisognerà mirare all'obiettivo di emissioni zero, se si vuole scongiurare una catastrofe ambientale. Lo ha detto Paolo Frankl, a capo dell'Unità per l'energia rinnovabile dell'Agenzia internazionale per l'energia (Iea), parlando al convegno organizzato ieri a Roma dal Kyoto Club. Frankl ha fatto un quadro della situazione attuale e degli obiettivi a medio e lungo termine da raggiungere. Con un innalzamento di 6 gradi della temperatura del pianeta entro la fine del secolo, andremo incontro a una catastrofe ambientale se non si metterà in moto un 'circolo virtuoso' che tenda a portare a zero, per il 2050, le emissioni di CO2 della produzione di energia per il sistema elettrico, dove - ha spiegato - si può intervenire più facilmente che in altri settori come i trasporti o i cicli di trasformazione industriale.
La riduzione delle emissioni responsabili dell'effetto serra può avvenire - ha spiegato Frankl - per ben il 54% con un uso più efficiente delle risorse, per un 23% attraverso l'uso delle energie rinnovabili, e per il resto con altri metodi di produzione come il nucleare. Per l'Europa l'obiettivo è del 60% dell'energia prodotta da fonti rinnovabili entro il 2050. L'Iea rivolge un appello - ha detto Frankl - per un 'New Deal' dell'energia pulita, perché l'attuale rallentamento economico globale sia visto come "un'opportunità e non come una distrazione dagli sforzi per combattere i cambiamenti climatici", sottolineando come investire nell'efficienza energetica e nelle tecnologie pulite può essere un utile stimolo alle economie nazionali

di: Giorgio Libralato


Raffaele TranoPontinia: Rifiuti interrati, plauso alle forze dell'ordine ed agli attivisti
letture: 2661
14 giugno 2019 di Raffaele Trano Portavoce M5S
Pontinia compie 80 anni e presenta 'La terra promessa'Pontinia: Pontinia compie 80 anni e presenta 'La terra promessa'
letture: 1827
05 dicembre 2014 di TF Press
Pontinia Rock & Blues Festival XV edizione 18,19 e 20 luglio 2014Pontinia: Pontinia Rock & Blues Festival XV edizione 18,19 e 20 luglio 2014
letture: 2205
10 luglio 2014 di TF Press
Giuseppe SimeonePontinia: Occupazione, Simeone: "Crisi Sapa, Regione al fianco dei lavoratori per combattere la crisi"
letture: 2089
16 maggio 2014 di TF Press
I rifiuti segnalati da Pontinia ecologia e territorio ( Foto: h24notizie )Pontinia: Pontinia, rifiuti abbandonati in centro
letture: 1987
14 aprile 2014 di TF Press
Accademia pontiniaPontinia: Costituzione di nuova Accademia delle Idee di Pontinia (LT) "Accademia delle Idee" si espande su Pontinia la voglia di cambiare.
letture: 3471
19 marzo 2014 di pinopress
Il maestro PerilliPontinia: Festival "Folk a metà" al Teatro Fellini L'evento a Pontinia. Domenica 9 a Frosinone.
letture: 3100
28 febbraio 2014 di Michele Ciorra
Di qui e d'altrovePontinia: La patria sospesa dell'emigrante, nella musica narrata di Angel Luis Galzerano Tappa a Pontinia per lo scrittore cantautore uruguayano, domenica 22 luglio ore 19
letture: 4716
21 luglio 2012 di Rosa Manauzzi
Pontinia: "Le tele della Saltarelli e il pathos del TangoArgentinoLatina" Prima serata al Fellini della rassegna "Ottobre in Musica"
letture: 3167
22 ottobre 2011 di Comunicatistampa
Pontinia: Programma Ottobre in Musica 2011 La rassegna, organizzata da Paola Sangiorgi, Direttrice Organizzativa del Teatro Fellini di Pontinia. (1)
letture: 3680
21 ottobre 2011 di Comunicatistampa








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
pericolo rifiuti radioattivi
Discarica Borgo Montello Latina infrazione europea conferimento tal quale
letture: 2727
16 settembre 2012
Festa del clima e del lavoro globale - global work party
letture: 2787
09 ottobre 2010
Incontro su nucleare e incidente Chernobyl con professor Bandazhevsky
letture: 3163
08 settembre 2010
Contro le centrali nucleari e per l'indipendenza dell'OMS, da Chernobyl
letture: 2720
07 luglio 2010
Come si vive in uno stato dove non c'è libertà di informazione? (1)
letture: 2816
05 giugno 2010
Incontro sulle centrali energetiche
letture: 3292
05 giugno 2010
Io supporto il Fatto Quotidiano di Marco Travaglio
letture: 2861
05 giugno 2010
Manifestazione unitaria contro gli impianti nocivi
letture: 3371
29 maggio 2010
Turbogas Pontinia udienza 4 giugno al consiglio di stato
letture: 3229
29 maggio 2010
Pontinia, Fontana di Muro, Gricilli e l'atlante delle sorgenti della provincia di Latina
letture: 3684
29 maggio 2010