Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 15/07 al 07/10 Gaeta: Passioni e Camminanti.... l'estate nei borghi delle città del Golfo e delle Isole Ponziane
letture: 8200
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 6571
dal 22/07 al 09/10 Gaeta: Renato Barisani, sperimentatore nel tempo... in Mostra
letture: 6962
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 1407
dal 13/09 al 06/10 Golfo di Gaeta: Comincia il nuovo anno del Laboratorio "Il Respiro dei Sogni"
letture: 1349
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 3381
dal 22/09 al 25/09 Fondi: "Fonderie delle Arti - Signor Keuner"
letture: 2552
dal 29/09 al 30/09 Itri: "GIUDITTA, ovvero le quattro stazioni di una guerra"
letture: 282
dal 30/09 al 02/12 Golfo di Gaeta: Dal 30 settembre il Concorso Teatrale Deviazioni Recitative
letture: 289
30/09 Gaeta: La responsabilità politica nella gestione di Acqualatina
letture: 280
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.504
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
25
settembre
S. Nicolao de Flue
Compleanno di:
sex agians
sex alpino
sex benedetta
sex dimilleagost...
sex modosadi
sex robertaspine...
nel 1493: Cristoforo Colombo salpa dalla Spagna con 17 navi, per il suo secondo viaggio a Ovest.
nel 1998: Viene presentato un farmaco in grado di battere il virus dell'influenza, si chiama "GS4104".
nel 1998: Andrea Gaudenzi batte Gambili 6-2, 0-6, 7-6, 7-6 e dà all'Italia il primo punto nella semifinale di Coppa Davis negli USA. Gli Azzurri si imporranno 3-0 e sfideranno la Svezia in finale.
dw

Home » News » Webzine » Cinema e Teatro » Nati oggi - Marilyn Monroe
domenica 01 giugno 2008
Nati oggi - Marilyn Monroe
1926 - Nasce Marilyn Monroe, attrice statunitense
letture: 15800
1926 - Nasce Marilyn Monroe, attrice statunitense
1926 - Nasce Marilyn Monroe, attrice statunitense
Cinema e Teatro: Il primo giugno è il 153° giorno del calendario gregoriano. Mancano 213 giorni alla fine dell'anno.
Nati oggi

- 1076 - Mstislav I di Kiev, sovrano russo (1132)

- 1180 - Berenguela di Castiglia, sovrana spagnola (1246)

- 1567 - Carlo di Lorena-Vaudémont, religioso francese (1607)

- 1599 - Elisabetta Lucrezia di Teschen (1653)

- 1675 - Scipione Maffei, storico e drammaturgo italiano (1755)

- 1727 - Francesco Casanova, pittore italiano (1803)

- 1754 - Ferdinando d'Asburgo-Este (1806)

- 1771 - Ferdinando Paer, compositore italiano (1839)

- 1776 - Giuseppe Zamboni, abate e fisico italiano (1846)

- 1780 - Carl von Clausewitz, generale e scrittore prussiano (1831)

- 1790 - Ferdinand Raimund, drammaturgo austriaco (1836)

- 1796 - Nicolas Léonard Sadi Carnot, fisico e ingegnere francese (1832)

- 1801 - Brigham Young, profeta statunitense (1877)

- 1804 - Michail Ivanovic Glinka, compositore russo (1857)

- 1811 - Nicola De Luca, politico italiano (1885)

- 1815 - Ottone I di Grecia (1867)

- 1819 - Francesco V d'Asburgo-Este, sovrano italiano (1875)

- 1828 - Cesare Scarinci, patriota italiano (1849)

- 1830 - Carmine Donatelli Crocco, brigante italiano (1905)

- 1831 - John Bell Hood, militare statunitense (1879)

- 1860 - Domenico Oliva, giornalista, politico e critico letterario italiano (1917)

- 1871 - Alberto Bergamini, giornalista e politico italiano (1962)

- 1884 - Eduard Helly, matematico austriaco (1943)

- 1888 - Imre Payer, calciatore e allenatore di calcio ungherese

- 1890 - Frank Morgan, attore statunitense (1949)

- 1892 - Raffaele Paolucci, chirurgo e politico italiano (1958)

- 1893 - Giovanni Carignani, politico italiano (1961)

- 1896 - Renato Ricci, politico italiano (1956)

- 1898 - Dina Bertoni Jovine, scrittrice e giornalista italiana (1970)

- 1900 - Noburo Ofuji, regista, disegnatore e animatore giapponese (1961)

- 1901 - Iolanda Margherita di Savoia, principessa italiana (1986)

- 1907 - Frank Whittle, ingegnere e aviatore britannico (1996)

- 1911 - Francesco Pasinetti, regista, sceneggiatore e critico cinematografico italiano (1949)

- 1914 - Modesto Dedò, matematico italiano (1991)

- 1915
- Enzo Omiccioli, militare e aviatore italiano (1941)
- Giuseppe Perego, autore di fumetti italiano (1996)

- 1916 - Jean Jérome Hamer, cardinale belga (1996)

- 1917 - William Standish Knowles, chimico statunitense

- 1918 - Mieczyslaw Warmus, informatico e matematico polacco (2007)

- 1921 - Nelson Riddle, compositore statunitense (1985)

- 1922 - Lucio Libertini, politico italiano (1993)

- 1925 - Licio Giorgieri, generale italiano (1987)

- 1926
- Luigi Bommarito, arcivescovo cattolico italiano
- Marilyn Monroe, attrice statunitense (1962)

- 1928 - Georgij Timofeevic Dobrovol'skij, cosmonauta sovietico (1971)

- 1934 - Pat Boone, cantante statunitense

- 1935 - Norman Foster, architetto e designer britannico

- 1936
- Bekim Fehmiu, attore bosniaco
- José Manuel Pesudo, ex calciatore spagnolo

- 1937
- Sandra Bonsanti, giornalista, scrittrice e politica italiana
- Morgan Freeman, attore statunitense
- Colleen McCullough, scrittrice australiana
- Ezio Pascutti, ex calciatore e allenatore di calcio italiano

- 1938
- Carlo Caffarra, cardinale e arcivescovo cattolico italiano
- Paolo Carbone, giornalista e conduttore radiofonico italiano (2007)

- 1940
- René Auberjonois, attore statunitense
- Barbara Lass, attrice polacca (1995)
- Joze Pirjevec, storico sloveno

- 1941 - Dean Chance, giocatore di baseball statunitense

- 1943
- Alberto Radius, chitarrista, cantante e produttore discografico italiano
- Gustavo Zagrebelsky, giurista italiano

- 1944 - Robert Powell, attore inglese

- 1945
- Marino Basso, ex ciclista italiano
- Orietta Berti, cantante italiana

- 1946 - Brian Cox, attore scozzese

- 1947
- Ron Dennis, imprenditore e dirigente sportivo britannico
- Jonathan Pryce, attore teatrale e attore cinematografico britannico
- Ron Wood, chitarrista britannico

- 1948 - Powers Boothe, attore statunitense

- 1950
- Gennadij Michajlovic Manakov, cosmonauta russo
- Tom Robinson, musicista, cantante e disc jockey britannico

- 1951
- Dodi Battaglia, chitarrista e cantante italiano
- Giuseppe Bruscolotti, ex calciatore italiano

- 1952
- Massimo Cialente, politico e medico italiano
- Giancarlo Dotto, giornalista e scrittore italiano
- Senol Gunes, ex calciatore e allenatore di calcio turco

- 1953 - Caspar Memering, ex calciatore e allenatore di calcio tedesco

- 1954 - Bartolo Fazio, ingegnere italiano

- 1955
- Anna La Rosa, giornalista italiana
- Dusan Savic, ex calciatore jugoslavo

- 1957
- Tullio Avoledo, scrittore italiano
- Yasuhiro Yamashita, judoka giapponese

- 1958
- Barry Adamson, musicista britannico
- Nambaryn Enchbajar, politico mongolo

- 1959 - Martin Brundle, pilota automobilistico britannico

- 1960
- Simon Gallup, bassista britannico
- Mikael Hafstrom, regista e sceneggiatore svedese
- Vladimir Krutov, hockeista su ghiaccio russo

- 1961
- Jasmin Repesa, ex cestista e allenatore di pallacanestro jugoslavo
- Pasquale Rodomonti, arbitro di calcio italiano

- 1963
- Marco Calonaci, ex calciatore italiano
- Baby Pozzi, attrice pornografica italiana

- 1965
- Larisa Lazutina, ex fondista russa
- Nigel Short, scacchista britannico

- 1966 - Abel Balbo, ex calciatore argentino

- 1967 - Gerson Candido de Paula, ex calciatore brasiliano

- 1968
- Jason Donovan, cantante e attore australiano
- William Stravato, chitarrista e compositore italiano

- 1969
- Roberto Deriu, politico italiano
- Luis García Postigo, ex calciatore messicano

- 1970
- Alexi Lalas, ex calciatore statunitense
- Alessandro Orlando, ex calciatore italiano

- 1971
- Armando Pantanelli, calciatore italiano
- Ghil'ad Zuckermann, linguista, glottologo e filologo israeliano

- 1972 - Ascanio Celestini, attore teatrale, scrittore e drammaturgo italiano

- 1973
- Frederik Deburghgraeve, nuotatore belga
- Adam Garcia, attore australiano
- Heidi Klum, modella, stilista e conduttrice televisiva tedesca

- 1974
- Alanis Morissette, cantautrice canadese
- Michael Rasmussen, ciclista danese
- Akis Zikos, calciatore greco

- 1976
- Lorenzo Bertini, canottiere italiano
- Lars Conrad, nuotatore tedesco
- Marlon Devonish, atleta britannico

- 1977
- Sarah Wayne Callies, attrice televisiva statunitense
- Dion Mays, slamballer statunitense

- 1978
- Antonietta Di Martino, atleta italiana
- Aleksandar Sapic, pallanuotista serbo

- 1980 - Lee Byrne, rugbysta gallese

- 1981 - Smush Parker, cestista statunitense

- 1982 - Justine Henin, tennista belga

- 1983
- Abderrazzak Jadid, calciatore marocchino
- Moustapha Salifou, calciatore togolese

- 1984 - Taylor Handley, attore statunitense

- 1985 - Elena Perino, attrice e doppiatrice italiana

- 1986 - Alessio Puccio, doppiatore italiano

- 1987 - Zoltán Harsányi, calciatore slovacco

- 1988 - Romain Maitre, motociclista francese

Feste e ricorrenze

Religiose

Cristianesimo:

- Sant'Annibale Maria Di Francia, sacerdote, fondatore
- San Crescentino (Crescenziano) di Città di Castello, martire
- San Fermo, martire, venerato a Vienna
- San Giustino, martire
- San Procolo, martire
- San Teobaldo Roggeri
- San Agapij di Pecerska, medico e monaco ortodosso

Religione romana antica e moderna:

- Calende
- Carnaria o Fabaria
- Natale di Carna sul Celio
- Natale di Marte fuori della Porta Capena
- Natale di Giunone Moneta

Laiche

- Giornata internazionale del latte

-----------------------------------------------------------------

Marilyn Monroe

Marilyn Monroe , nome originale Norma Jeane Mortensen, (Los Angeles, 1 giugno 1926 - Los Angeles, 5 agosto 1962) è stata un'attrice statunitense.

Il mito di Marilyn Monroe supera di gran lunga il pur apprezzato (e spesso sempre più rivalutato) talento artistico di un'attrice sicuramente fuori dal comune, un sogno proibito per milioni di appassionati di cinema.

L'appeal che emanava dal grande schermo e dalle copertine in carta patinata ha contribuito a farne un sex symbol fuori da ogni tempo; la fragilità che ha contraddistinto la sua esistenza (per molti versi tumultuosa e culminata in una morte tanto prematura quanto misteriosa) l'ha resa una vera e propria icona della cultura pop.

È stata anche una cantante dalle doti non particolarmente eccelse ma con un timbro vocale in grado di affascinare l'ascoltatore. Fra i suoi successi, quasi tutti inseriti nel contesto dei film da lei interpretati, vi è anche la celeberrima "My Heart Belongs To Daddy" di Cole Porter. Altri grandi successi canori di Marilyn furono "Bye Bye Baby", cantata nel film "Gli uomini preferiscono le bionde", e "I Wanna Be Loved by You", cantata nel film "A qualcuno piace caldo". La Marilyn cantante sarà tuttavia ricordata più che altro per l'intervento canoro - immortalato in un enigmatico quanto affascinante filmato video in bianco e nero con l'artista illuminata da un semplice occhio di bue - al party di compleanno del presidente Kennedy, quando intonò - con fare malizioso ed ammiccante - Happy Birthday, Mister President.

Biografia

img

I primi anni

Nacque Norma Jeane Mortensen e fu battezzata Norma Jeane Baker nel reparto dell'ospedale della contea di Los Angeles, California, riservato agli indigenti. La madre era Gladys Pearl Monroe. I biografi concordano che l'uomo indicato come il padre nel certificato di nascita, Martin Edward Mortensen, il secondo marito di Gladys, non fosse in realtà il suo vero padre. La sua paternità non è mai stata definita in modo chiaro. Sembra più probabile che il padre fosse Charles Stanley Gifford, un impiegato delle vendite dello studio cinematografico dove la madre lavorava al montaggio. Il neodivorziato Gifford non volle legami e lasciò Gladys non appena lei lo informò della sua gravidanza.

Gladys era la figlia di Otis Elmer Monroe (1865-1909) e Della Hogan (1876-1927). Dapprima sposò John Newton Baker, che rapì i loro due figli, Robert Jasper "Jackie" Baker (16 gennaio 1918-16 agosto, 1933) e Berniece Inez Gladys Baker (nata il 30 luglio 1919), quando la coppia si separò. In seguito sposò Mortensen, ma i due si separarono prima che Gladys rimanesse incinta di Norma Jeane.

Non riuscendo a persuadere la madre Della ad occuparsi della bambina, Gladys si risolse ad affidare Norma Jeane a Wayne e Ida Bolender, a Hawthorne, una località a sud-ovest di Los Angeles. Norma Jeane visse con loro fino all'età di sette anni. I Bolender erano una coppia religiosa ed integravano le loro magre entrate prendendo bambini in affido. Nella sua autobiografia, My Story, scritta con Ben Hecht, Marilyn disse che era convinta che loro fossero i suoi genitori finché Ida, piuttosto brutalmente, non la corresse. Dopo la sua morte Ida disse che rimasero sempre in contatto e che avesse avuto la seria intenzione di adottarla, cosa che non poté fare senza il consenso di Gladys.

Gladys veniva in visita ogni sabato, ma non abbracciò né baciò mai Norma Jeane, nemmeno mai le sorrise. Un giorno Gladys le disse di aver comprato una casa per loro due. Qualche mese dopo il trasloco Gladys soffrì di un esaurimento nervoso. Marilyn ricordò la madre "urlare e ridere" mentre veniva portata di forza all'ospedale psichiatrico statale di Norwalk. Tra il mobilio della casa dove Norma Jeane e sua madre vissero insieme, se pur per breve tempo, c'era un pianoforte bianco. Una volta divenuta famosa, Marilyn assunse un investigatore privato per ritrovare quel pianoforte, e da allora non se ne separò mai più. "I momenti più felici della mia infanzia furono intorno a quel pianoforte," disse. Nel 2000, molti beni di Marilyn furono messi all'asta da Christie's e quel pianoforte bianco fu comprato dalla cantante Mariah Carey.

Norma Jeane fu presa in custodia dalle autorità statali. La migliore amica di Gladys, Grace McKee, poi Goddard, divenne la sua tutrice. Dopo il matrimonio di Grace con il signor Goddard nel 1935, Norma Jeane fu mandata prima all'orfanotrofio di Los Angeles e poi affidata a ben dodici diverse famiglie, dove subì violenze e trascuratezza. Quindi, nel settembre del 1941, Grace McKee Goddard la riprese con sé. Norma Jeane conobbe il figlio di un vicino, James Dougherty, che divenne poi il suo primo marito. I Goddard stavano per trasferirsi sulla costa orientale degli Stati Uniti e ritennero che il matrimonio fosse una buona cosa per l'ormai teenager Norma Jeane. Era una ragazza con poca stima di sé, ma anche con un lato aggressivo ed opportunistico. Era molto più intelligente ed infelice di quanto possa far pensare l'immagine che il cinema diede poi di lei.

img

L'inizio della carriera

Nel 1945 il lavoro di Norma Jeane consisteva nell'ispezionare paracaduti, mentre il marito era nella marina mercantile. Un giorno un fotografo la notò e le chiese di poterla fotografare per alzare il morale del paese impegnato nella guerra. Poco dopo Norma Jeane si trasferì dalla suocera e firmò un contratto con un'agenzia di modelle, che le fruttò il suo primo contratto con la 20th Century Fox.

In My Story racconta come venne scelto il suo nome d'arte. Quando Norma Jeane disse a Grace che un impiegato della Fox aveva suggerito "Marilyn", Grace rispose che stava bene con il nome da nubile di sua madre, Monroe, poi le disse che conservava documenti in grado di provare che Gladys fosse una diretta discendente del presidente James Monroe. Quei documenti non sono mai venuti alla luce. Il nonno materno di Marilyn, Otis Monroe, era figlio di Jacob Monroe (1831-1872), pertanto una tale ascendenza è piuttosto improbabile.

Gli anni seguenti furono difficili. La madre Gladys, durante il suo ricovero all'ospedale psichiatrico, sposò il suo ultimo marito, John Stewart Eley, che morì nel 1952. I biografi raccontano che Marilyn frequentava il "giro delle feste" quando il 31 dicembre 1948 incontrò Johnny Hyde, un associato dell'agenzia William Morris, ad una festa data dal produttore Sam Spiegel. Anche Hyde, come Grace Goddard, credeva che Marilyn fosse destinata a diventare una grande stella ma, a differenza di Grace, aveva i mezzi per aiutarla in questo senso. Hyde aveva già scoperto Lana Turner ed annoverava Rita Hayworth tra le sue clienti. Benché sposato e vecchio a sufficienza per essere suo padre, Hyde si innamorò follemente di lei. Con la sua insistenza, la fece inserire nei cast di "Giungla d'asfalto" e "Eva contro Eva".

img

La fama

Posò nuda per il fotografo Tom Kelley il 27 maggio 1949 e venne pagata 50 dollari. Nel calendario Miss Golden Dreams la fotografia venne riprodotta senza citare il suo nome. Nel 1952 un ricattatore la minacciò di rendere il fatto di pubblico dominio, ma lei gli rovinò i piani annunciandolo lei stessa. Quando i reporter le chiesero perché l'avesse fatto, lei fece spallucce e disse "avevo fame". Hugh Hefner comprò il diritto di usare quella fotografia per il primo numero della sua nuova rivista, Playboy.

Hyde invecchiando le chiese ripetutamente di sposarlo, assicurandole che sarebbe stata una vedova ricca. Ma lei rifiutò. Gli voleva bene, spiegò in My Story, ma non lo amava. Secondo la biografia di Donald Spoto, Marilyn rinnovò il contratto con il produttore Joseph Schenk, ignorando Hyde per settimane. Ma quando Hyde ebbe un attacco di cuore fatale a Palm Springs il 18 dicembre 1950, Marilyn si incolpò della sua morte. Fu cacciata dalla sua casa dalla moglie e il giorno successivo al suo funerale tentò il suicidio. Subito prima di morire Hyde le aveva garantito il futuro professionale procurandole un contratto settennale alla Fox col compenso di 750 dollari alla settimana. A partire dal gennaio 1951 girò una serie di film in parti secondarie sempre più consistenti, il migliore dei quali lo realizzò quando fu data in prestito alla RKO, lo studio in cui la madre lavorava come montatrice negli anni '20.

Verso la fine del 1951, la Fox fu convinta del suo potenziale e le diede un buon lancio pubblicitario. Nell'aprile del 1952 apparve per la prima di numerose volte sulla copertina del prestigioso e popolarissimo settimanale "Life". Entro il 1953 diventò la più grande star del mondo, ma era stanca dei ruoli di oca bionda che Darryl F. Zanuck le affidava. Ruppe il suo contratto e si trasferì a New York per studiare all'Actor's Studio; creò una sua società di produzione con il fotografo Milton H. Greene. Questi cambiamenti le valsero il dileggio dell'industria del cinema. Tuttavia, quando Jayne Mansfield e Sheree North non raccolsero i successi di pubblico attesi, Zanuck si arrese. Il nuovo contratto che Marilyn stipulò le lasciava maggior margine creativo, il diritto di approvazione del regista e la possibilità di fare un film all'anno con case di produzione diverse dalla Fox. Il primo lavoro di questo nuovo periodo fu "Fermata d'autobus" (Bus stop). In quegli anni recitò, tra gli altri, con Cary Grant, Clark Gable, Laurence Olivier, Joseph Cotten, Richard Widmark, Jane Russell, Lauren Bacall, Ethel Merman, Charles Laughton, Tony Curtis, e Yves Montand, col quale ebbe una breve relazione durante le riprese di "Facciamo l'amore" (Let's make love).

I matrimoni

Sposò James Dougherty il 19 giugno 1942. Grace, traslocando col marito, volle che Norma Jeane si sposasse in modo da non dover tornare in orfanotrofio. Nei libri The Secret Happiness of Marilyn Monroe e To Norma Jeane With Love, Jimmie Dougherty afferma che erano innamorati e che avrebbero vissuto felici se i sogni di successo non l'avessero allontanata da lui. Al contrario, la Monroe ha sempre affermato che fosse un matrimonio di convenienza organizzato da Grace, che pagava Dougherty perché le desse appuntamento. Divorziarono nel 1946.

Nel 1951 Joe DiMaggio vide una fotografia di Marilyn con due giocatori dei Chicago White Sox, ma aspettò fino al suo ritiro per chiedere di organizzare un appuntamento con lei. Lei non volle incontrarlo, temendo che si rivelasse un tipo abbastanza convenzionale. Il 14 gennaio 1954, la loro fuga al municipio di San Francisco fu il culmine di due anni di corteggiamenti che, tramite i rotocalchi, avevano tenuto in sospeso l'intera nazione.

La loro unione fu difficile, a causa delle loro personalità in conflitto. La gelosia di DiMaggio mal si conciliava con la vita mondana della Monroe. Richard Ben Cramer, il biografo di DiMaggio, afferma inoltre che lui era violento. Si racconta che scoppiò una lite dopo la celeberrima scena della gonna alzata dall'aria della metropolitana in "Quando la moglie è in vacanza" (The Seven Year Itch), filmata in Lexington Avenue a New York davanti a centinaia di fans. Il regista Billy Wilder ricordò l'espressione di rabbia sul volto di DiMaggio mentre assisteva alla scena.

Quando Marilyn annunciò il suo divorzio, adducendo la causa della crudeltà mentale, i giornali riportarono una sua dichiarazione alla 20th Century Fox in cui diceva che "le nostre carriere sembrano ostacolarsi l'un l'altra".

Successivamente sposò il commediografo Arthur Miller con cerimonia civile il 29 giugno 1956 e con cerimonia ebraica due giorni dopo. Tornati dall'Inghilterra, dopo aver completato "Il principe e la ballerina" (The Prince and the Showgirl), scoprirono che lei era incinta. Sfortunatamente lei soffriva di endometriosi, la gravidanza era a rischio e lei la interruppe per non rischiare la propria vita. Una seconda gravidanza si concluse con un aborto spontaneo.

Nel 1958 la Monroe manteneva entrambi, oltre a pagare gli alimenti all'ex moglie di Miller. Lui si comprò una Jaguar mentre erano in Inghilterra, la spedì negli Stati Uniti ed addebitò il tutto alla casa di produzione della moglie. La sua sceneggiatura "Gli spostati" (The misfits) voleva essere un regalo di San Valentino per lei, ma, quando le riprese ebbero inizio, il matrimonio era già naufragato. Il comportamento di Marilyn - a causa delle droghe e dell'alcol - era piuttosto instabile, lei era particolarmente malvagia verso il marito. Marilyn ottenne il divorzio a Ciudad Juarez in Messico il 24 gennaio 1961.

Nel documentario del 2003 Marilyn's Men, ritirato dalla polizia di Los Angeles, Dougherty afferma di essere stato il creatore di Marilyn Monroe. Nessun biografo ha tuttavia trovato prove né di questa affermazione né del presunto obbligo a divorziare da lui che la Fox avrebbe imposto a Marilyn, nonostante il quale sarebbero rimasti amici fino alla sua morte. Il fatto che nel 1953 la Monroe reagì furiosamente alle dichiarazioni di Dougherty alla rivista Photoplay in cui lui dichiarò che lei l'amava sembrano smentire completamente queste affermazioni. Dougherty ha vissuto nel Maine con la sua terza moglie fino alla sua morte nel 2003.

DiMaggio ritornò nella vita di Marilyn mentre il suo matrimonio con Miller stava finendo. Il 7 febbraio 1961 Marilyn venne ricoverata in una clinica psichiatrica, in un reparto per casi di una certa gravità. Lui riuscì a farla uscire e a trasferirla in un'altra clinica. Dopo che fu dimessa, lo raggiunse in Florida, dove lui era impegnato come allenatore della sua vecchia squadra, i New York Yankees. Il loro dichiararsi "solo amici" non impedì che sulla stampa scandalistica circolasse la voce di un secondo matrimonio. Persino Bob Hope dedicò loro la sua canzone "The Second Time Around", nominata come miglior canzone per un Oscar nel 1960. Secondo il biografo di DiMaggio, Maury Allen, lui lasciò un lavoro da 100.000 dollari l'anno nelle forniture militari per tornare in California e chiedere a Marilyn di risposarlo.

Il 17 febbraio 1962 Miller sposò Inge Morath, una dei fotografi della Magnum che avevano documentato le riprese de Gli spostati. Nel gennaio 1964 debuttò il suo lavoro After the Fall, in cui compariva una bella ma tremenda bisbetica dal viso di bambina chiamata Maggie. Il personaggio fece arrabbiare tutti gli amici della Monroe. Il suo più recente lavoro in scena a Broadway, Finishing the Picture, è basato sulla realizzazione de Gli spostati.

La morte e gli sviluppi successivi

Marilyn Monroe è stata trovata morta nella camera da letto della sua casa di Brentwood, California, all'età di trentasei anni a causa di un'overdose di barbiturici. Le circostanze della sua morte hanno indotto molti a pensare che sia stata uccisa, anche a causa del suo coinvolgimento con la famiglia Kennedy. L'allora presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy aveva di recente interrotto la relazione con l'attrice. Tuttavia questo non sembra essere un motivo sufficiente, dato che altre amanti attribuite a Kennedy (tra queste, Judith Campbell Exner, che segretamente faceva anche da tramite tra il presidente ed il gangster Sam Giancana) gli sono sopravvissute.

Il cadavere di Marilyn fu scoperto dalla signora Eunice Murray, un'infermiera assegnata a Marilyn dal suo psichiatra, il Dr. Ralph Greenson. C'è chi ritiene che, la notte della sua morte trascorsero cinque ore dal momento del decesso a quando furono avvisate le autorità. Durante quelle ore Marilyn sarebbe stata portata all'ospedale St. John di Santa Monica, ma l'ospedale rifiutò di accettare il caso, per l'eccessiva notorietà della vittima. Questa incerta ricostruzione, unita all'arrivo della polizia solo in piena notte, ha lasciato aperto negli anni uno strascico di speculazioni secondo cui la Murray potesse aver saputo più di quanto abbia poi raccontato.

È da notare che qualche giorno dopo la morte della Monroe, la Murray tentò di incassare un assegno da ventimila dollari datole dalla stessa Marilyn. La City National Bank di Beverly Hills rifiutò di pagare la Murray, dato che la notizia della morte della Monroe era da giorni di pubblico dominio. Inoltre la Murray, una vedova dai mezzi piuttosto modesti, partì due mesi dopo per una crociera in Europa a bordo della Queen Mary. La Murray mantenne negli anni l'amicizia con l'agente di Marilyn, Pat Newcomb. Successivamente, la Murray (con la scrittrice Rose Shade) diede la sua versione del decesso di Marilyn nel libro Marilyn, The Last Months, pubblicato nel 1970.

Un'indagine formale nel 1982 del procuratore generale della contea di Los Angeles si concluse senza nessuna credibile evidenza di un complotto, ma le storie persistono. Il Dr. Thomas Noguchi, che seguì l'autopsia (oltre alla sua, anche quelle di altri personaggi celebri, tra cui Robert Kennedy, Natalie Wood e William Holden) scrisse nel suo libro Coroner che la morte di Marilyn era con alta probabilità un suicidio.

DiMaggio si occupò dei funerali. Secondo quanto riferì la sorellastra di Marilyn, Berniece Baker Miracle, che prese un aereo per la West Coast non appena ricevette la notizia, DiMaggio volle prendersi cura di tutte le pratiche e lei acconsentì. Per vent'anni, DiMaggio fece recapitare sulla tomba di Marilyn una dozzina di rose rosse tre volte alla settimana. A differenza degli altri uomini che la conobbero intimamente (o dissero di averla conosciuta), non parlò mai pubblicamente di lei e non scrisse mai un libro sulla loro relazione.

Marilyn è sepolta in un loculo al Westwood Village Memorial Park Cemetery. Aveva fatto seppellire lì anche Grace Goddard perché vi era sepolta anche la zia di Grace - che si prese cura di Norma Jeane per un breve periodo. Quando la sua carriera stava decollando, Marilyn chiese al suo truccatore personale, Whitey Snyder, di prometterle che alla sua morte si sarebbe occupato del trucco. Snyder rispose scherzando che l'avrebbe fatto se il suo corpo gli fosse portato ancora caldo. Alcuni giorni dopo, ricevette dei soldi e una nota: "Caro Whitey, mentre sono ancora calda, Marilyn". Mantenne la sua promessa con l'aiuto di una bottiglia di whisky.

In uno dei periodi in cui Gladys non era in un ospedale psichiatrico, sposò quello che sarebbe stato il suo ultimo marito, John Stewart Eley, che morì nel 1952. Nel frattempo le era stata diagnosticata una forma di schizofrenia. Uscì definitivamente dalla casa di cura nei primi anni Settanta e si trasferì in Florida, dove sua figlia, Berniece, la venne a prendere all'aeroporto. Morì di insufficienza cardiaca congestiva l'11 marzo del 1984, presso una casa di riposo. Ossessionata dalle credenze dei Cristiani Scientisti, si rifiutava di parlare di Norma Jeane o Marilyn Monroe, forse per incapacità di ricordare il passato. A quanto pare, una donna che era stata così affascinata dalle stelle del cinema da dare a sua figlia il nome di un'attrice, Norma Talmadge, non seppe mai di aver avuto come figlia una delle donne più famose della storia.

A distanza di anni vi sono ancora parecchi lati oscuri circa la ricostruzione della morte dell'attrice. L'insolito essersi chiusa a chiave nella camera, la scomparsa delle fotografie dell'inchiesta e dei tabulati telefonici, il ritardo dei soccorsi. Anche il mistero che avvolge la sua prematura morte ha contribuito alla costruzione del suo mito.

img

Filmografia

- The Shocking Miss Pilgrim, non accreditata, regia di George Seaton e, non accreditato, Edmund Goulding (1947)
- Dangerous Years, regia Arthur Pierson (1947)
- Scudda Hoo! Scudda Hay!, regia di F. Hugh Herbert (1948)
- Orchidea bionda (Ladies of the Chorus), regia di Phil Karlson (1948)
- Una notte sui tetti (Love Happy), regia di David Miller e, non accreditato, Leo McCarey (1949)
- La figlia dello sceriffo (A Ticket to Tomahawk), non accreditata, regia di Richard Sale (1950)
- Giungla d'asfalto (The Asphalt Jungle), regia di John Huston (1950)
- Eva contro Eva (All About Eve), regia di Joseph L. Mankiewicz (1950)
- Lo spaccone vagabondo (The Fireball), regia di Tay Garnett (1950)
- Il messicano (Right Cross), non accreditata, regia di John Sturges (1950)
- Home Town Story, regia di Arthur Pierson (1951)
- L'affascinante bugiardo (As Young as You Feel), regia di Harmon Jones (1951)
- Le memorie di un Don Giovanni (Love Nest), regia di Joseph M. Newman (1951)
- Mia moglie si sposa (Let's Make It Legal), regia di Richard Sale (1951)
- La confessione della signora Doyle (Clash by Night, regia di Fritz Lang (1952)
- Matrimoni a sorpresa (We're Not Married!), regia di Edmund Goulding (1952)
- La tua bocca brucia (Don't Bother to Knock), regia di Roy Ward Baker (1952)
- Il magnifico scherzo (Monkey Business), regia di Howard Hawks (1952)
- Il poliziotto e il salmo (The Cop and the Anthem), episodio di La giostra umana (O. Henry's Full House), regia di Henry Koster (1952)
- Niagara (Niagara), regia di Henry Hathaway (1953)
- Gli uomini preferiscono le bionde (Gentlemen Prefer Blondes), regia di Howard Hawks (1953)
- Come sposare un milionario (How to Marry a Millionaire), regia di Jean Negulesco (1953)
- La magnifica preda (River of No Return), regia di Otto Preminger e, non accreditato, Jean Negulesco (1954)
- Follie dell'anno (There's No Business Like Show Business), regia di Walter Lang (1954)
- Quando la moglie è in vacanza (The Seven Year Itch), regia di Billy Wilder (1955)
- Fermata d'autobus (Bus Stop), regia di Joshua Logan (1956)
- Il principe e la ballerina (The Prince and the Showgirl), regia di Laurence Olivier (1957)
- A qualcuno piace caldo (Some Like It Hot), regia di Billy Wilder (1959)
- Facciamo l'amore (Let's Make Love), regia di George Cukor (1960)
- Gli spostati (The Misfits), regia di John Huston (1961)
- Something's Got To Give, incompleto, regia di George Cukor (1962)

Gli uomini preferiscono le bionde
img

Curiosità

- Marilyn è nata bruna, si fece bionda ossigenata dietro consiglio di un fotografo secondo il quale in tal modo avrebbe avuto più fama.
- Marilyn è stata doppiata in italiano da Rosetta Calavetta nei seguenti film: Niagara, A qualcuno piace caldo, Come sposare un milionario, Fermata d'autobus, Facciamo l'amore, La magnifica preda, Gli spostati, Quando la moglie è in vacanza, Il principe e la ballerina, Orchidea bionda. Ne Gli uomini preferiscono le bionde è stata doppiata in italiano da Miranda Bonansea. In Eva contro Eva è stata doppiata in italiano da Zoe Incrocci.
- La canzone Candle in the wind (1973), scritta da Bernie Taupin ed interpretata da Elton John era dedicata a lei. Elton John l'ha successivamente riscritta per il funerale di Lady Diana Spencer.
- Tra gli improbabili fans di Marilyn si annoverano Albert Einstein e Ayn Rand.
- Marilyn fu proposta al principe Ranieri III di Monaco come possibile moglie. Lui poi sposò Grace Kelly, la cui fama si fuse con quella del principato stesso.
- Le immagini di Marilyn sono proprietà del suo fondo è non ne è permessa la copia integrale.
- L'assegno da ventimila dollari che Eunice Murray tentò di incassare dopo la morte della Monroe è in mostra allo Hollywood Entertainment Museum a Hollywood.
- Hugh Hefner ha acquistato una tomba accanto a quella di Marilyn per 85.000 dollari; l'altra tomba adiacente è stata venduta per 125.000 dollari. Non vi sono altre tombe disponibili accanto alla sua.
- Da alcune fotografie di Joseph Jasgur pubblicate nel 1946 nacque il mito che Marilyn avesse sei dita per ogni piede. Due delle fotografie, pubblicate in The Birth of Marilyn: The Lost Photographs of Norma Jeane, possono farlo pensare, ma sembra che sia effetto della luce. Dato che non vi sono altre prove in merito, la storia è comunemente considerata una leggenda urbana.
- Marilyn vinse nel 1946 il concorso di bellezza per Miss Carciofo.
- Marilyn dovette indossare due paia di slip bianchi per girare la scena della grata della metropolitana in Quando la moglie è in vacanza, questo per impedire al regista di vedere troppo quando avrebbe visionato successivamente la scena.
- Il regista Billy Wilder (che con Marilyn ha diretto Quando la moglie è in vacanza e A qualcuno piace caldo) disse che Marilyn aveva un seno di granito ed un cervello di groviera. In altre occasioni ha detto che Marilyn era un genio, si può quindi dire che la loro relazione fosse piuttosto incostante.
- Il pubblico ha raramente guardato oltre l'immagine di scena di Marilyn, ma di lei si diceva che fosse piuttosto intelligente, ancorché nascosta dietro il cliché della bella bionda svampita. Lei rimpianse sempre di non aver potuto continuare gli studi, scrisse poesie e fu molto appassionata di letteratura.
- Il fotografo George Barris ha scattato le ultime fotografie di Marilyn in vita, ma ha rifiutato per molti anni di permetterne la pubblicazione.
- Pare che Marilyn Monroe, per mettere in risalto la propria andatura ancheggiante, calzasse scarpe con i tacchi di diversa altezza.
- Era solita dormire svestita, dimostrazione ne è l'espresione "Io dormo solo con due gocce di Chanel" da Marilyn pronunciata nella pubblicità tramite la quale sponsorizzava appunto il profumo Chanel n°5.

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

postato da: Capitan  


 Cinema e Teatro: I racconti di Bronx Film alla Casa del Cinema Rassegna di documentari e cortometraggi
letture: 418
10 gennaio 2017 di accordieDISACCORDI
Cinema e Teatro: Chi è Stefano Simondo? Un personaggio in cerca d'autore...
letture: 854
01 settembre 2016 di matoo
 Cinema e Teatro: Stefano Simondo intervista Tg3 Rai Regione L'attore Romano d'adozione su Rai Basilicata parla del film sulla tragedia di Balvano (Potenza)
letture: 827
03 gennaio 2016 di matoo
Locandina dello spettacolo ChocolatCinema e Teatro: La Compagnia Teatrale dell'ITS Bianchini di Terracina mette in scena CHOCOLAT Il 3 di Giugno alle ore 20,30 presso l'Aula Magna del Liceo Scientifico L. Da Vinci di Terracina
letture: 2853
24 maggio 2015 di philleas
Cinema e Teatro: SENZA SIPARIO IL MALATO IMMAGINARIO al Teatro Remigio Paone Formia 20 Dicembre ore 20:30 21 Dicembre ore 18:00
letture: 2648
18 dicembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
Cinema e Teatro: 10 E LODE: Il teatro per le scuole "Santa Claus e la maledizione del Faraone" 4 dicembre 2014 Teatro Ariston, Gaeta
letture: 2636
02 dicembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
Cinema e Teatro: Stagione senza sipario: In fondo agli occhi 15 Novembre ore 20:30 16 Novembre ore 18:00 Teatro Remigio Paone, Formia
letture: 2840
13 novembre 2014 di Teatro Bertolt Brecht
De Sica leggenda del Neorealismo. L'artista che reinventò il cinemaCinema e Teatro: De Sica leggenda del Neorealismo. L'artista che reinventò il cinema Ricordo del regista a 40 anni dalla morte
letture: 2048
13 novembre 2014 di TF Press
Il brindisi di Leo DiCaprio nel film Cinema e Teatro: Il "Bloody Mary" compie 80 anni. Segnò la fine del probizionismo New York festeggia la bevanda ispirata alla feroce Maria Tudor. Il primo brindisi fu al King Cile Bar dell'hotel Saint Regis. Poi il boom nei ristori jazz club
letture: 2022
13 ottobre 2014 di TF Press
Cinema e Teatro: Alessandro Izzi vince il XXXIX PREMIO CASENTINO Il critico cinematografico pontino si aggiudica lo storico riconoscimento letterario internazionale.
letture: 4093
09 giugno 2014 di Teatro Bertolt Brecht








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Pagella elettronica
Dai video sui social network alla pagella elettronica, le regole del Garante privacy
letture: 2956
06 settembre 2012
Paperone
Ecco i 10 paperoni d'Italia che posseggono quanto i tre milioni più poveri (2)
letture: 3093
02 aprile 2012
Energie rinnovabili
Con le energie rinnovabili tagli alla bolletta degli italiani per 400 milioni di euro (2)
letture: 2953
02 aprile 2012
FIAT
Mercato auto, tonfo in Italia a marzo, -26,7%
letture: 2854
02 aprile 2012
Karima El Mahroug (Ruby)
Processo Ruby va avanti, Consulta respinge ricorso delle Camere (2)
letture: 3054
14 febbraio 2012
Guardia di Finanza
Sequestrati 300mila barattoli cibo scaduto, arrugginiti e forati poi rietichettati (2)
letture: 3199
14 febbraio 2012
Karima El Mahroug (Ruby)
Agente: Ruby disse che Berlusconi sapeva che non era egiziana (4)
letture: 3096
13 febbraio 2012
Whitney Houston
Morta regina soul-pop Whitney Houston (7)
letture: 3604
12 febbraio 2012
11 Febbraio: Giornata Mondiale contro ACTA
Dietro il risiko dell'ACTA minaccia globale alla libertà
letture: 3314
11 febbraio 2012
Concordia, un nuovo video mostra il caos
Concordia, un nuovo video mostra il caos "Passeggeri da soli nelle lance... Vabbuò" (4)
letture: 3268
11 febbraio 2012