Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/11 al 30/03 Gaeta: Torna "Un ponte di parole"
letture: 10721
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.634
visitatori:83
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
25
febbraio
Compleanno di:
sex amopene
sex Brunodj
sex FEBBRAIO
sex romas
nel 1836: Samuel Colt riceve il brevetto per una pistola a cilindro rotante, che contiene polvere da sparo e pallottole in 6 differenti tubi.
nel 1963: "Please please me" dei Beatles è il loro secondo disco pubblicato in America. Ma per la fretta alcune etichette contengono un errore di stampa: c'è scritto "The Beattles", e scatta la caccia dei collezionisti.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » Gigione, la calata del Trash d...
mercoledì 01 agosto 2007
Gigione, la calata del Trash divide l'estate gaetana
Città divisa sul concerto del cantante della "Campagnola". Difesa dell'esemplare più genuino della bassa provincia italiana.
letture: 7099
gigione
gigione
Gaeta: A cosa si aggrappa uno sventurato villeggiante d'agosto nell'estate gaetana dei vorrei ma non posso? Sullo sfondo dei cantieri amministrativi del Partito Democratico e dei cantieri in muratura con cui l'intraprendente neosindaco promette di saziare la ridente cittadina tirrenica, ecco che si staglia minacciosa la figura apparentemente impresentabile di Gigione.

Direttamente dal basso impero della canzone e dal basso ventre della provincia italiana, l'arrivo in concerto - nel campo sportivo al centro cittadino - di Luigi Ciavarola da Boscoreale, provincia di Napoli, universalmente conosciuto agli esegeti del trash come Gigione, e di suo figlio di seme e d'arte Jò Donatello, fa saltare in aria i pudori culturali e fa impensierire gli assessori liricamente ispirati.
Ebbene noi ci aggrappiamo a Gigione, e lo facciamo senza incertezze, di più, lo facciamo con orgoglio assoluto, quasi militante o militare. Quest'uomo riempie da oltre un ventennio le piazze di centinaia di paesi dell'Italia del centrosud, spopola sulle tv locali più sgarubbate dell'etere e più sperdute del satellite, entusiasma le viscere ciociare che albergano in ognuno di noi. Arrivato al successo, come si legge in una sua biografia, "col sudore della fronte" e traducendo "a modo suo" canzoni di Madonna e successi dance. Autore di dischi e titoli rimasti come autentiche perle del trash sottoregionale, bollati nei neuroni di una moltitudine di utenti, spesso insospettabili come ogni adoratore di oscenità che si rispetti, magari amanti al tempo stesso di Otis Redding o Chopin. Cantore dell'amor poco cortese. Da "La Campagnola" (che è un po' la sua My Way) a "La Famiglia", da "Madonnina dai riccioli d'oro" a "La figlia de Zi' Cuncetta", da "Te piace o' biscotto" a "Te si magnata la banana" (salace versione della hit dance "The Rhythm of the Night" dei Corona), da "Giovanna a' Minigonna" (favolosa cover di "Gimme Hope Joanna" di Eddy Grant) a "Padre Pio Padre Buono" che ha segnato l'apice della sua svolta mistica, effettuata pur senza abbandonare il suo leggendario (e quasi mimico) movimento di bacino con cui doma le più rustiche platee, come il miglior Elvis, ma molto più Pelvis.

Il suo stile è divenuto riconoscibilissimo dal pubblico: con jeans, maglietta, zazzera e immancabile cappellino, sempre mettendosi sullo stesso piano dei suoi fans. E' arrivato finanche negli States e in Germania, trionfalmente accolto dalle nostalgiche comunità di emigranti. Si dice, e qui siamo davvero nei territori della leggenda, che si sia intrattenuto con Madonna (nel senso della cantante) in persona. Noi puristi di vecchia data abbiamo sempre saputo invece che il figlio che si porta dietro, tale Donatello, tipico neomelodico scontato e untuosamente capelluto, con canzoni di amori telefonici e lacrimose ragazze gravide, non regge il confronto. Solo recentemente ha tentato di cambiare corda, con la canzone "Ti piace il gelatino" dove è chiara l'ispirazione di Gigione che probabilmente l'avrà egli stesso composta e suggerita all'erede, magari intimandogli di darsi una svegliata. Perché Gigione, in fondo, è brutto, un po' stonato, parecchio burino, ma è di sicuro più vero di tanti burattini plastificati che popolano le nostre classifiche e playlist.

Eppure Gigione è così genuinamente brutto che non ha ancora goduto degli stessi sdoganamenti trash che sono spettati a certi neomelodici partenopei o a Tony Tammaro o al suo simile Leone di Lernia o all'intramontabile "Arrapaho" degli Squallor. Consegnato quasi unicamente allo zapping di vecchie zie dell'entroterra molisano o al passaparola tra i loro nipoti pipparoli e fuorisede. Nella discografia di Gigione si intravede un percorso che è metafora di molte realtà esistenziali della provincia italiana: dalle visioni erotico-agresti della Campagnola al filone "trash-godereccio" tra fregnoni di paese e figlie da maritare, carciofe e biscottini, fino alla redenzione per opera di una religiosità popolare e molto "cheap" fatta di padri pii e madonnine piangenti. Morbosette caricature nelle quale tuffarsi come in una sbronza. Sul sito "vavatten.com" (che se ne intende) è definita "una linea cantautorale genuina, ormonale e verace". Gigione non fa presa sulle aree urbanizzate ma piuttosto sul centromeridione profondo, tra il frusinate, l'abruzzo-molisano e il tavoliere pugliese. Solleva qualche gonna ma è più puro di molti opachi neomelodici che campano di incerti favoreggiamenti. Quante volte ci ha stupito la sua minuziosa conoscenza geografica di paesi, provincie, frazioni, borghi, sfoggiata nelle telefonate in diretta sulle tv locali o nella pianificazione delle sua fittissime tournée. "Da dove mi chiami? Da Bustasecca? Ho capito, la frazione di Piumarola in provincia di Frosinone, basso Lazio sì! Un saluto al ristorante da Anna e Pino là sulla provinciale, un bacione forte".

Dunque la venuta di Gigione sul palco dell'estate gaetana non ci scandalizza. Più che altro sono i prezzi del biglietto a destare perplessità, meglio sarebbe stata una piazzata gratuita come nelle migliori tradizioni patronali. Si dice che pure il sindaco Raimondi, che pure non si fa mancare un evento, sia indeciso se andarci o meno. Tuttavia solo l'ecumenismo del nostro nuovo sindaco, civico e politico al tempo stesso, di chiara marca veltroniana, può riuscire a tenere insieme in una sera il folk-chic dei Briganti di Frontiera con il bifolk-pop di Gigione e Donatello, le passeggiate sul Molo e le cartapeste dozzinali del Serapo Village. Come si sa, la "bella politica" è quella capace di mettere insieme le malinconie del jazz con le virulenze di Giovannona Coscialunga. Anzi Raimondi potrebbe salire sul palco e regalarci qualche contaminazione memorabile, come qualche anno fa fece il suo predecessore Magliozzi facendosi prendere a buffetti sulla guancia dal compianto Mario Merola sul palco della festa di Portosalvo. Ci fanno venire l'orticaria, invece, quelli che vedono nel concerto di Gigione il segno della calata dei barbari su Gaeta e nella scelta tra un evento e l'altro la linea di confine tra civiltà e degrado. Rimane pur vero che se l'evento clou dell'estate gaetana è solamente la venuta di Gigione allora il problema non crediamo sia di Gigione quanto dei gaetani che si organizzano così la loro estate. "Stu' munno è arruvinato" asseriva miseramente un refrain del Nostro già qualche anno fa. Ma guai a dimenticare che l'ignobile talvolta ha un potere liberatorio capace di mettere tra parentesi ogni buonsenso altrimenti paralizzante per il progresso intellettuale.


[www.ludik.it]

di: Luca Di Ciaccio


la copertinaGaeta: Rinasce la Gazzetta di Gaeta Dopo oltre 25 anni ritorna la storica rivista culturale gaetana, fondata nel 1860. Ogni numero un tema: il primo dedicato agli assedi.
letture: 944
16 febbraio 2021 di mn
La copertina di Gaeta: Il nuovo libro di Pasquale Vaudo dedicato al personaggio del Cireneo Recensione di Claudia Manildo pubblicata su Avvenire/Gaeta7 del 14 feb 2021
letture: 1261
14 febbraio 2021 di Sandra Cervone
On. Raffaele TranoGaeta: Porto di Gaeta e Zls, incontro con il presidente dell'Authority Musolino
letture: 1753
09 febbraio 2021 di RaffaeleTrano_press
Partito ComunistaGaeta: Gaeta sotto i 20 mila residenti dopo 60 anni: il fallimento del governo delle destre e del PD.
letture: 1762
26 gennaio 2021 di Benedetto Crocco
On. Raffaele TranoGaeta: Torrente Pontone, più vicino lo Stato d'Emergenza La protezione civile regionale sta raccogliendo le schede di dettaglio
letture: 1758
14 gennaio 2021 di RaffaeleTrano_press
ITE Gaeta: Istituto Tecnico Economico Fermi di Gaeta: Open Day 2020 Una scuola aperta al territorio, all'Europa, al futuro.
letture: 1641
14 gennaio 2021 di Sandra Cervone
Il Liceo Scientifico FermiGaeta: Il Liceo Scientifico "Enrico Fermi" di Gaeta amplia l'offerta formativa Tutte le informazioni sono reperibili sul sito www.iisfermigaeta.edu.it
letture: 1773
13 gennaio 2021 di Sandra Cervone
 Gaeta: Carmen Moscariello Vince il Premio della Critica a Iesi. Concorso: "L'arte in versi"
letture: 1424
11 gennaio 2021 di computer
Gaeta: Carmen Moscariello: "Pizia non dà più oracoli" Pubblicata dicembre 2020 Accolta con entusiasmo dalla critica togata l'ultima opera in versi di Carmen Moscariello, Gangemi Editore
letture: 1485
11 gennaio 2021 di computer
Tato IllianoGaeta: "Ti sveglio alle 6" : con Tato Illiano su Radio Spazio Blu intervista al batterista/conduttore
letture: 1881
07 gennaio 2021 di Sandra Cervone








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
il libro
Perché ho scritto il "Catalogo dei gaetani"
letture: 2587
16 dicembre 2020
locandina compromessi sposi
I compromessi paesani
letture: 3915
30 gennaio 2019
gaeta
Luminarie e scion scion (1)
letture: 3773
06 gennaio 2019
sciuscio con nino granata
Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie
letture: 5359
31 dicembre 2018
gaeta
"Storie di un paese di mare", la Gaeta minima che tutti sanno ma nessuno vede
letture: 2664
25 ottobre 2018
scimmie
La via formiana allo spinello (5)
letture: 2613
18 ottobre 2018
antonio ciano
La verità su TMO e il Masaniello dell'etere
letture: 4811
05 ottobre 2018
scissure
Famiglie, nudisti e rave party: la doppia vita di una spiaggia
letture: 7542
28 settembre 2018
gaeta
L'estate del nostro scontento
letture: 2874
06 settembre 2018
Sdoganiamo Gigione! (2)
letture: 2806
04 settembre 2018


Commenti: 40

i commenti alle news sono visionabili solo dagli utenti registrati


Copyright © 2002 - 2021 TeleFree.iT info: info@telefree.it
Web site engine's code (PML) is Copyright © 2003 - 2021 by LiveWeb.iT

powered by LiveWeb.it