Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 11812
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 4194
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.618
visitatori:308
utenti:3
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
04
aprile
Compleanno di:
sex cine
sex impallara
sex leslie
sex mazellan
sex PEPPE61
sex Pinolo
sex pulcinoeffe7...
nel 1932: Viene isolata la vitamina C. La scoperta ha richiesto 5 anni di ricerche.
nel 1983: La navetta spaziale Challenger, compie il viaggio inaugurale nello spazio.
dw

Home » News » Latina » Pontinia » il punteruolo rosso, dalla reg...
lunedì 18 dicembre 2006
il punteruolo rosso, dalla regione Lazio alcune informazioni
modello di segnalazione, cos'è, come intervenire
letture: 6480
Pontinia: Come altri comuni limitrofi anche nel nostro Comune sono presenti numerose piantagioni di palme esposte all'attacco del punteruolo rosso (parassita «Rhynchophorus ferrugineum»), sia nella proprietà pubblica che nella proprietà privata.Sicuramente la valida ed attenta
Amministrazione Comunale avrà già intrapreso tutte le azioni di monitoraggio, controllo ed esame previste dal caso, sia di intervento preventivo che di eventuale lotta all'infestazione nelle piante malate.
Come sempre l'informazione rappresenta il metodo necessario ed importante per dare la corretta informazione e per prevenire il propagarsi del contagio. A questo scopo si prega dare risalto all'importanza della segnalazione per eventuali piante nella proprietà privata, all'Area Servizio Fitosanitario e Risorse Genetico della Direzione Regionale Agricoltura della Regione Lazio che si può reperire all'indirizzo:


Ecologia e Territorio Giorgio Libralato

SCHEDA DI SEGNALAZIONE INFESTAZIONE DA PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Utilizzare una scheda per ogni singola Palma) Data (*) Identità segnalatore (*) IDENTIFICAZIONE PALMA Tipo botanico Tipo Phoenix, Jubea, ecc. (foglie pennate) Tipo Washingtonia, Chamaerops, ecc. (foglie palmate) Dimensioni Altezza tronco (stipite) cm.
Diametro medio tronco cm.
Sintomi osservati
Chioma collassata o essiccata o cimata di recente Accertata presenza dell'insetto (larve, bozzoli, adulti) Pianta isolata Pianta in gruppo le altre palme manifestano sintomi ? SI NO (se si, compilare altre schede) Ubicazione Comune (*) Località (*) Indirizzo (*) (Specificare Via, Strada, Piazza, ecc., Numero civico e CAP) Proprietario Cognome Nome Domicilio legale (Specificare Via, Strada, Piazza, ecc., Numero civico e CAP) Telefono Cellulare Fax e-mail Eventuali annotazioni:
Firma del segnalatore
(*)
(*) I campi contrassegnati dall'asterisco sono obbligatori per l'accoglimento della segnalazione La scheda deve essere inviata a mezzo Fax
(06.51686828)
all'Area Servizio Fitosanitario e Risorse Genetico

Invece all'indirizzo si possono trovare informazioni su: Biologia di Rhynchophorus ferrugineus, Guida al riconoscimento dei danni da Punteruolo ferruginoso delle palme, Mezzi di controllo e difesa.
Ecologia e Territorio Giorgio Libralato

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizio Fitosanitario Regionale e Risorse Genetiche Punteruolo rosso delle palme Rhynchophorus ferrugineus (Olivier) Il Rhynchophorus ferrugineus, conosciuto con il nome di Punteruolo rosso delle palme, è un coleottero Curculionide. La pericolosità del fitofago, non iscritto come organismo da quarantena per la UE, è stata comunque evidenziata nelle liste dell'EPPO (European and Mediterranean Plant Protection Organization) che lo classificano al livello "ALERT" in relazione al fatto che, nei paesi ove si è acclimatato, le sue infestazioni assumono i connotati di una vera e propria emergenza fitosanitaria provocando estese morie di palme.
Distribuzione geografica e piante ospiti La specie è diffusa in Asia sud orientale, dove è nota soprattutto per i notevoli danni arrecati alle piantagioni di palma da cocco.
Negli anni ྌ l'insetto è stato segnalato nella penisola araba e, a partire dal 1990, in Iran, Egitto, Giordania, Israele e territori palestinesi. Dal Medio oriente il passaggio in Europa è stato inevitabile a causa delle importazioni di palme ornamentali. Nel 1994 l'insetto è stato segnalato nel Sud della Spagna mentre in Italia la sua presenza è stata accertata nel 2004 e 2005 nelle regioni Toscana, Campania e Sicilia a cui si aggiunge il Lazio nel 2006.
Il R. ferrugineus è in grado di attaccare numerose Arecaceae: Phoenix canariensis, Phoenix dactylifera, Phoenix sylvestris, Washingtonia sp., Livistona decipiens, Areca catechu, Arengapinnata, Borassus flabellifer, Caryota maxima, Caryota cumingii, Corypha elata, Corypha gebanga,Elaeis guineensis, Metroxylon sagu, Roystonea regia, Sabal umbraculifera, Trachycarpus fortunei,Cocos nucifera.
Le segnalazioni in Italia riferiscono di infestazioni quasi esclusivamente a carico di esemplari del genere Phoenix.
________________________________________
Page 2
Descrizione di Rhynchophorus ferrugineus Adulto L'adulto di Rhynchophorus ferrugineus presenta un colore rosso ferruginoso a cui deve il nome. Sulle elitre sono evidenti striature nere di numero e forma variabili.
Il pronoto, visto dorsalmente si presenta liscio e con la base arrotondata.
La lunghezza dell'adulto può variare tra i 2 ed i 5 cm e la larghezza da 1 a 1,5 cm.
Il caratteristico rostro, che contraddistingue tutti i curculionidi, ha una base allargata su cui si inseriscono le antenne. Presenta una sezione cilindrica, forma molto allungata che, nella parte terminale, può essere più o meno arcuata. Sulla porzione distale del rostro dei maschi è presente unaserie di fitte setole erette Uova Le uova hanno una forma ovale allungata, generalmente più allargata alla base; il colore può variare dal bianco giallastro al marrone. L'uovo misura da 2,50 a 4,00 mm di lunghezza Larva La larva è apoda e di colore biancastro, presenta un capo fortemente sclerificato ed arrotondato, di colore scuro. Supera i 5 cm di lunghezza. Lo stadio larvale può durare anche 90 giorni ed è quello che determina i danni mortali alle piante, con l'escavazione di gallerie e cavità all'interno dello stipite e dei carnosi piccioli fogliari.

La larva a maturità si impupa in un bozzolo costruito con i filamenti fibrosi della pianta.
Trascorso un periodo variabile dai 15 ai 50 giorni dal bozzolo si libera l'adulto.
________________________________________
Page 3
Biologia di Rhynchophorus ferrugineus
R. ferrugineus si sviluppa tipicamente come endofita all'interno delle palme attaccate.
Generalmente gli adulti sono attratti da piante danneggiate o malate, ma è possibile anche l'infestazione di piante sane. Individuata una palma idonea, i maschi di R. ferrugineus producono un feromone di aggregazione capace di richiamare molti individui femminili e per accoppiarsi.
Le femmine depongono le uova in fori praticati con il rostro nelle parti che offrono meno resistenza, sia alla base delle foglie o dei giovani germogli, sia nelle ferite o nelle cicatrici presenti sulla pianta.
La femmina depone le uova piuttosto superficialmente all'interno dei fori o delle gallerie preesistenti e provvede poi a chiuderne l'apertura in modo da proteggerle.
Il numero di uova deposte da una femmina può variare da alcune decine a svariate centinaia.
Dopo circa 3 giorni le uova schiudono e le larve neonate cominciano a nutrirsi dei tessuti più teneri.
La larva scava gallerie anche molto profonde all'interno del peduncolo fogliare e dello stipite che riempie di rosura mescolata ad essudati della pianta. La presenza di numerose gallerie può minare la stabilità della palma fino a determinarne la caduta.
La durata del periodo larvale riportata in letteratura è molto variabile; da recenti studi svolti in Spagna risulterebbe che la larva raggiunga la maturità mediamente in 96 giorni, dopo avere effettuato 3-4 mute.
A maturità la larva cessa di alimentarsi e costruisce un bozzolo con le fibre della pianta; sulla superficie interna le fibre del bozzolo risultano molto serrate a formare uno strato impermeabile, costituito da una secrezione mucosa prodotta dalla prepupa. Il bozzolo così formato misura circa 6 - 8 x 2 - 3 cm, è ovale e allungato. Generalmente il bozzolo viene formato entro cavità scavate alla base dei peduncoli fogliari, oppure tra la sostanza organica all'ascella delle foglie.
Anche la durata della fase pupale indicata da diversi Autori è molto variabile, da 13 a 50 giorni.
________________________________________
Page 4
Guida al riconoscimento dei danni da Punteruolo ferruginoso delle palme Rhynchophorus ferrugineus (Olivier) In letteratura si evince come Rhynchophorus ferrugineus possa infestare diverse specie di palme, in Italia è stato segnalato quasi esclusivamente su piante del genere Phoenix.
I sintomi riscontrati su palme del genere Phoenix nella regione Lazio, tutti esemplari adulti e di considerevole altezza, mostrano un gradiente di danno sempre più intenso a partire dalla cima per estendersi poi all'intera chioma.
Stadio iniziale: notare nell'esemplare a dx, rispetto a quello di sx, la perdita di vigore della cima, lo squilibrio e la asimmetricità dell'intera chioma In altri esemplari osservati la cima si è mostrata piegata, appiattita e la pianta è apparsa a distanza come capitozzata Secondo stadio: una pianta che ha perso la cima, appare come capitozzata ________________________________________
Page 5
Altre piante hanno evidenziato una chioma con tutte le foglie ripiegate verso il basso, in una tipica forma ad ombrello. E' questo l'ultimo stadio prima del disseccamento totale Terzo stadio: una pianta con chioma ad ombrello in avanzato stato di disseccamento, a dx una Phoenix "apparentemente priva di danni"
A sinistra palma infestata e compromessa, a destra pianta asintomatica apparentemente sana.
________________________________________
Page 6
Mezzi di controllo e difesa
Le misure più efficaci per la difesa delle palme dal punteruolo sono quelle preventive. L'intervento curativo su piante già attaccate risulta problematico a causa del comportamento del fitofago e delle notevoli dimensioni delle piante colpite. Un ulteriore elemento di difficoltà deriva dalla scarsissima disponibilità di prodotti fitosanitari insetticidi e fungicidi autorizzati per l'impiego nel verde urbano e nei giardini domestici. La tempestiva eliminazione delle piante colpite al manifestarsi dei primi sintomi dell'attacco (asimmetrie a carico della cima della pianta ) può essere utile nel tentativo di isolare il fenomeno e contenere la diffusione dell'insetto.
Criteri generali di lotta
Le piante che presentano sintomi di infestazione vanno immediatamente abbattute e incenerite con tutto il materiale di risulta. Le piante contigue vanno sottoposte a misure di profilassi effettuando ripetuti trattamenti localizzati con insetticidi e fungicidi, avendo cura di bagnare a fondo la parte interna della corona apicale.
Nelle piante in buono stato vegetativo e non infestate, sono da evitare gli interventi cesori poiché le ferite costituiscono siti preferenziali per l'ovideposizione del fitofago e punti di ingresso di numerosi agenti patogeni.
Le tipologie di intervento vanno comunque distinte in base al campo di impiego.
a) Interventi di lotta in vivaio e in pieno campo Nel caso in cui venga accertata la presenza del fitofago bisogna procedere alla eliminazione delle palme infestate e adottare un attento programma di profilassi. Gli insetticidi autorizzati per l'uso su piante ornamentali e su coleotteri sono a base dei seguenti principi attivi: Azinfos metile, Carbaryl, Cartap, Dimetoato, Endosulfan, Fenitrotion, Fluvalinate, Fosalone, Malation in miscela con olio minerale, Metomil, Olii minerali, Piretrine, Triclorfon. E' opportuno aggiungere nella miscela un fungicida per prevenire possibili infezioni secondarie, utilizzando prodotti a base di Ziram (vivaio e pieno campo), Thiram, Tiofanato metile (solo in pieno campo). I trattamenti vanno ripetuti periodicamente, avendo cura di alternare i principi attivi impiegati.
b) Interventi di lotta nei giardini domestici Per le piante colpite si ritiene inevitabile l'adozione di misure di eradicazione, ai sensi della normativa vigente in materia fitosanitaria; in particolare e' necessario provvedere all'abbattimento e alla bruciatura delle piante infestate. Gli insetticidi da impiegare nei trattamenti contro il punteruolo, su piante sane, devono contenere uno dei seguenti principi attivi in formulati autorizzati per uso su pante ornamentali (PPO): Cipermetrina + Dicofol, Dicofol+ Dimetoato, Piretrine; il loro impiego deve avvenire nel rispetto delle norme di sicurezza. I fungicidi ammessi sono a base di Propiconazolo e Ossicloruro di rame. Anche in questo caso è necessario ripetere periodicamente i trattamenti.
c) Interventi di lotta nelle aree a verde pubblico e negli spazi ricreativi Per le piante colpite si ritiene inevitabile l'adozione di misure di eradicazione, consistenti nella eliminazione e bruciatura delle piante infestate. Le piante contigue vanno sottoposte a misure di profilassi effettuando ripetuti trattamenti localizzati. Si sottolinea, tuttavia, la difficoltà dell'intervento con prodotti chimici in ambienti destinati alla pubblica fruizione poiché, allo stato attuale, sono autorizzati soltanto prodotti fitosanitari a base di pietrine. Le piante sane vanno frequentemente ispezionate, controllandone gli apici vegetativi al fine di individuare precocemente la presenza del punteruolo.

di: Giorgio Libralato


Raffaele TranoPontinia: Rifiuti interrati, plauso alle forze dell'ordine ed agli attivisti
letture: 2739
14 giugno 2019 di Raffaele Trano Portavoce M5S
Pontinia compie 80 anni e presenta 'La terra promessa'Pontinia: Pontinia compie 80 anni e presenta 'La terra promessa'
letture: 1898
05 dicembre 2014 di TF Press
Pontinia Rock & Blues Festival XV edizione 18,19 e 20 luglio 2014Pontinia: Pontinia Rock & Blues Festival XV edizione 18,19 e 20 luglio 2014
letture: 2275
10 luglio 2014 di TF Press
Giuseppe SimeonePontinia: Occupazione, Simeone: "Crisi Sapa, Regione al fianco dei lavoratori per combattere la crisi"
letture: 2166
16 maggio 2014 di TF Press
I rifiuti segnalati da Pontinia ecologia e territorio ( Foto: h24notizie )Pontinia: Pontinia, rifiuti abbandonati in centro
letture: 2050
14 aprile 2014 di TF Press
Accademia pontiniaPontinia: Costituzione di nuova Accademia delle Idee di Pontinia (LT) "Accademia delle Idee" si espande su Pontinia la voglia di cambiare.
letture: 3540
19 marzo 2014 di pinopress
Il maestro PerilliPontinia: Festival "Folk a metà" al Teatro Fellini L'evento a Pontinia. Domenica 9 a Frosinone.
letture: 3166
28 febbraio 2014 di Michele Ciorra
Di qui e d'altrovePontinia: La patria sospesa dell'emigrante, nella musica narrata di Angel Luis Galzerano Tappa a Pontinia per lo scrittore cantautore uruguayano, domenica 22 luglio ore 19
letture: 4779
21 luglio 2012 di Rosa Manauzzi
Pontinia: "Le tele della Saltarelli e il pathos del TangoArgentinoLatina" Prima serata al Fellini della rassegna "Ottobre in Musica"
letture: 3235
22 ottobre 2011 di Comunicatistampa
Pontinia: Programma Ottobre in Musica 2011 La rassegna, organizzata da Paola Sangiorgi, Direttrice Organizzativa del Teatro Fellini di Pontinia. (1)
letture: 3741
21 ottobre 2011 di Comunicatistampa








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
pericolo rifiuti radioattivi
Discarica Borgo Montello Latina infrazione europea conferimento tal quale
letture: 2806
16 settembre 2012
Festa del clima e del lavoro globale - global work party
letture: 2844
09 ottobre 2010
Incontro su nucleare e incidente Chernobyl con professor Bandazhevsky
letture: 3232
08 settembre 2010
Contro le centrali nucleari e per l'indipendenza dell'OMS, da Chernobyl
letture: 2790
07 luglio 2010
Come si vive in uno stato dove non c'è libertà di informazione? (1)
letture: 2874
05 giugno 2010
Incontro sulle centrali energetiche
letture: 3359
05 giugno 2010
Io supporto il Fatto Quotidiano di Marco Travaglio
letture: 2919
05 giugno 2010
Manifestazione unitaria contro gli impianti nocivi
letture: 3426
29 maggio 2010
Turbogas Pontinia udienza 4 giugno al consiglio di stato
letture: 3284
29 maggio 2010
Pontinia, Fontana di Muro, Gricilli e l'atlante delle sorgenti della provincia di Latina
letture: 3755
29 maggio 2010