Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 10035
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 3132
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 1089
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.622
visitatori:361
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
sabato
30
maggio
nel 1431: Giovanna d'Arco, condannata per eresia, viene bruciata a Ruen in Francia.
dw

Home » News » Webzine » Narrativa e Poesia » Indelebile come un tatuaggio
mercoledì 11 settembre 2019
Indelebile come un tatuaggio
letture: 2348
Narrativa e Poesia: Indelebile come un tatuaggio di Francesco Testa
Rilettura dell'opera di Carmen Moscariello


Seminare la vita nei complicati percorsi della mente e del cuore.

I vagoni della storia sbuffano sui binari, sono ripieni di dolore e d'amore, viaggiano congiunti su focolari sbilenchi, lì la vita trascorre le sue stagioni quasi indipendenti dalla volontà dei protagonisti. Si è coinvolti e travolti e il treno non vagheggia, né sberleffa, è carico, troppo carico di vita. Il fato? La storia? Porteranno Uccio, uno dei protagonisti dell'opera. (Il più importante?) ancora bambino a migliaia di chilometri dalla sua casa. Così gli altri hanno voluto! Insieme alla sua famiglia deve abbandonare ogni cosa , la terra d'Istria e cercare asilo a Napoli presso un parente che ben presto lo butta fuori di casa insieme alla sua famiglia. La storia con la maiuscola si intreccia ben presto con quella di un bimbo, sembrerebbe, per questo aspetto, di essere di fronte a "La storia" Di Elsa Morante. Un bambino, una famiglia, vagano nella solitudine della disperazione, alla ricerca di un tetto in un mondo di amici del silenzio, persi in un un globo sconosciuto, povero, arcano. Sembrerebbe all'inizio che il covone di grano essiccato dalla guerra e reso difficile da restituire alla preghiera del pane quotidiano, nulla contenga se non la rabbia, la solitudine, il girare a vuoto verso un orizzonte che non esiste e che tutto sia attraversato da un'acqua torbida, maleodorante. Ma poi , sempre la sorte, vuole che Uccio faccia amicizia con un disertore americano e qui tutto è bello, il bambino ha una porta che si apre ai suoi rintocchi, ha qualcuno che lo prende per mano e lo guida in quella che dovrebbe essere la vita. Ma, la storia si contorce di nuovo e la morte ruba ogni cosa con la sua feroce ingordigia. Fin quando l'amore ( questo, sì, che è l'autentico protagonista dello splendido lavoro di Francesco Testa) non consente di nuovo di sperare, di chiedere, raccogliere. Per sfuggire al deserto, con istinto luminoso il fanciullo si affida ai luoghi di Napoli, ai vicoli del Tribunale, si parte inconsapevole alla scoperta della città. Dall'anfiteatro del chiostro di Santa Chiara piastrellato di sole e di luce, fino alla chiesa (incubo e presaga) delle Capuzzelle, una sosta all'ospedale delle bambole e perché no, un giro nella poesia dei presepi napoletani. Il percorso da storico si traduce in viaggio per la città,(ecco Napoli, nuova affabile protagonista, della quale l'autore non nasconde le molte sofferenze). Un treno con i suoi vagoni curiosi, a volte spaventati , ma che cercano la vita dove, ovunque, si nasconda. Avvolge il tutto un percorso di sacralità un senso cristiano della vita che nonostante tutto vada vissuta nella sua interezza, e nell'appartenenza a Dio e al prossimo. Impressionanti le pagine in cui Uccio, ormai divenuto un bel giovane, è abbandonato dall'amore, lì tutto trasborda, tutto potrebbe tragicamente finire , l'arcano prende i suoi spazi e si incatena alla ricerca di un fine , per un qualcosa che abbia il senso. Il romanzo tessuto in bellissime e delicate trasparenze è di bella lettura, segue tutti i grovigli della mente, li esplora come solo sa fare un esperto umanissimo viaggiatore.


Pubblicato da Carmen Moscariello

postato da: computer  


Il libro di Di MilleNarrativa e Poesia: I "Sogni vissuti" di Cosmo Di Mille E' uscito il nuovo libro di un "marinaio del '900"
letture: 2607
30 aprile 2020 di Sandra Cervone
DiavolagneloNarrativa e Poesia: Ho vissuto Ho vissuto tempi e luoghi che avevano un futuro inimmaginabile.
letture: 2258
23 aprile 2020 di Michele Ciorra
Caricatura di Luigi MausoliNarrativa e Poesia: Il bidone Racconto breve
letture: 2177
17 aprile 2020 di Michele Ciorra
Marta & ioNarrativa e Poesia: MARTA & IO La stessa drammatica storia
letture: 2019
16 aprile 2020 di Michele Ciorra
La mia caricatura opera di un noto disegnatore italianoNarrativa e Poesia: I miei "Racconti brevi" per i tipi di una nota e rampante casa editrice Fra non molto nelle edicole e nelle librerie della penisola. Almeno spero!
letture: 1738
09 aprile 2020 di Michele Ciorra
locandinaNarrativa e Poesia: "M'Illumino di poesia"rubrica dedicata ai poeti del passato e a quelli emergenti! su Radio Monte Altino!
letture: 2048
28 febbraio 2020 di Tonyr
 Narrativa e Poesia: Antonio Cosimo Stano. Manduria tra gogna mediatica ed ignominia. I Manduriani ed i loro giornalisti provano sulla loro pelle cosa sia la gogna della vergogna.
letture: 2307
29 aprile 2019 di CONTROMAFIE
RabatNarrativa e Poesia: Aamir Aamir, marocchino nato a Rabat, viveva in Italia da una vita e non aveva mai avuto problemi di integrazione. Anzi.
letture: 1928
19 agosto 2017 di Michele Ciorra
Mi.CioNarrativa e Poesia: Un giorno dopo l'altro Racconto breve. (2)
letture: 2524
02 aprile 2016 di Michele Ciorra
MiCioNarrativa e Poesia: L'immigrato Racconto breve.
letture: 2213
15 marzo 2016 di Michele Ciorra








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Il david del Bronx
letture: 4147
02 maggio 2020
Lilly Brogi parla di Modigliani. L'anima dipinta.
letture: 3350
10 aprile 2020
Mauro Pietro Paolo Montacchiesi poeta, critico e italianista scrive su Carmen Moscariello
letture: 3051
31 marzo 2020
Lo scandalo dei nudi di Modigliani
letture: 3114
16 febbraio 2020
Il più bello del Branco di Carmen Moscariello
letture: 3089
21 gennaio 2020
Dante Maffia candidato al Nobel per la Letteratura, scrive della Poesia di Carmen Moscariello
letture: 3099
18 gennaio 2020
Premio mondiale Tulliola Renato Filippelli
letture: 3844
14 ottobre 2019
Indelebile come un tatuaggio
letture: 2349
11 settembre 2019
L'ultimo buncker
letture: 5732
08 settembre 2019
Premio per la Legalità contro le mafie (VII Edizione)
letture: 3586
01 settembre 2019