Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 14/09 al 20/12 Golfo di Gaeta: Circolo fotografico-culturale "l'altro sguardo"
letture: 5219
dal 01/10 al 26/10 Roma: San Remo Festival Cafe.
letture: 1822
dal 03/10 al 03/02 Roma: Al Vittoriano arriva il mondo di "Andy Warhol
letture: 1932
21/10 Gaeta: Giornata del Buon Gioco
letture: 298
22/10 Musica e dintorni: "Pillole di counseling" senza controindicazioni...
letture: 228
25/11 Formia: Le Vie di Bacco
letture: 1238
dal 19/10 al 21/10 Avellino: Sagra della Castagna di Salza Irpina - XXXV Edizione
letture: 1948
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.549
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
21
ottobre
S. Orasola m.
Compleanno di:
sex associazione...
sex ladestraterr...
sex lello1948
sex permigliorar...
sex torino
nel 1520: Durante la circumnavigazione della Terra, Ferdinando Magellano scopre uno stretto che battezza: "Di Tutti i Santi".
nel 1879: Dopo 14 mesi di esperimenti riesce a far funzionare il prototipo della lampadina elettrica. Il filamento incandescente resta acceso per 13 ore e mezza.
nel 1925: Viene presentata la cellula fotoelettrica. Un congegno che misurando la luce naturale permette di accendere o spegnere quella artificiale.
nel 1950: Nasce a Riga Uljana Semionova. Crescerà fino a 2.11 m. Vincerà due ori olimpici con la nazionale sovietica di basket e tutte le coppe possibili con la Daugawa Riga.
nel 1969: Si spegne il poeta della beat.generation, lo scrittore Jack Kerouac.
dw

Home » News » Latina » Gaeta » Rapporto sulle condizioni del ...
martedì 18 settembre 2018
Rapporto sulle condizioni del lavoro stagionale 2018
letture: 1421
PARTITO COMUNISTA
PARTITO COMUNISTA
Gaeta: L'inchiesta operaia anonima sul lavoro stagionale condotta dal Partito Comunista di Gaeta sui comuni del basso Lazio presso i dipendenti che hanno lavorato negli ultimi 3 anni si è svolta tra la prima settimana di Luglio 2018 e la prima settimana di Settembre 2018. Il campione esaminato rappresenta 63 lavoratori. Gli anni in cui sono avvenuti i rapporti di lavoro sono per il 69,81% il 2018, per il 18,86% il 2017, per l'11,33% il 2016. I dipendenti esaminati sono per il 77,35% di sesso maschile e per il 22,65% di sesso femminile. Le fasce di età rappresentate sono del 18,86% fino ai 20 anni, del 35,84% tra i 21 e i 25 anni, dell'11,32% tra i 26 e i 30 anni, del 16,98% tra i 31 e i 40 anni, del 15,09% tra i 41 e i 50 anni, dell'1,88% dai 51 anni in poi. Il 52,83% dei dipendenti è residente a Gaeta, il 13,20% a Itri, il 9,43% a Formia, il 3,77% a Fondi, l'1,88% a Minturno, il 18,86% in altri comuni. L'83,01% dei rapporti di lavoro si è svolto presso la città di Gaeta, il 7,54% presso Formia, il 5,66% presso Sperlonga, l'1,88% presso Itri, l'1,88% presso Minturno. I settori interessati sono quello della balneazione per il 49,06%, della ristorazione per il 24,53%, del commercio per il 9,43%, del settore alberghiero-ricettivo per il 7,54%, dell'intrattenimento per il 5,66%, dell'agricoltura per l'1,89% e della pubblicità per l'1,89% (volantinaggi). Da questi primi dati si evince che il campione esaminato è rappresentativo soprattutto della realtà gaetana e dei settori della balneazione e della ristorazione, anche se emerge chiaramente un quadro omogeneo in altre città del comprensorio e in altri ambiti lavorativi. Si evince inoltre che tali lavori vengono condotti prevalentemente da una manodopera in media molto giovane anche se non mancano fasce di età ben rappresentate superiori ai 40 anni.


Il 56,60% degli intervistati ha dichiarato di avere avuto un regolare contratto di lavoro, il 39,62% no, il restante 3,78% di essere stato retribuito attraverso Vaucher. Il 45,28% del campione ha dichiarato di aver svolto una singola mansione lavorativa, il 54,72% di averne svolte molteplici. Il 9,61% dei rapporti di lavoro esaminati è durato complessivamente 1 mese, il 19,23% due mesi, il 42,30% 3 mesi, il 15,38% 4 mesi, il 3,84% 5 mesi, il 7,69% 6 mesi, l'1,92% 7 mesi. Il 58,49% dei dipendenti esaminati ha lavorato 7 giorni su sette, senza giorno di riposo, il 32,07% per 6 giorni settimanali, l'1, 88% per 5 giorni settimanali, l'1,88% per 3 giorni settimanali, il 3,77% per 2 giorni settimanali, l'1,88% per 1 giorno settimanale. Il 26,92% dei dipendenti ha dichiarato di aver lavorato dalle 6 alle 8 ore giornaliere, il 44,24% di aver lavorato 9 o 10 ore giornaliere, il 28,84% ha dichiarato di aver lavorato dalle 11 alle 13 ore giornaliere. Il 30,76% dei lavoratori ha dichiarato di non avere avuto diritto a nessuna pausa durante la giornata lavorativa, il 55,76% di avere avuto diritto ad una pausa, il 9,61% a 2 pause, il 3,84% a 3 pause giornaliere. Dei "fortunati" che hanno avuto diritto ad una o più pause il 2,78% afferma che la durata di una singola pausa è stata di 5 minuti, l'8,34% afferma che tale durata è stata di 10 minuti, il 13,89% afferma di avere avuto a disposizione 15 minuti, la stessa percentuale dichiara di avere avuto a disposizione 20 minuti, il 19,44% 30 minuti, il 41,66% oltre 30 minuti. L'8,16% dei lavoratori ha dichiarato di aver ricevuto una paga netta giornaliera pari o inferiore ai 20 Euro, il 20,41% tra i 21 e i 30 Euro, il 48,98% tra i 31 e i 40 Euro, il 18,37% tra i 40 e i 50 Euro, il 4,08% superiore ai 50 Euro. Il calcolo delle paghe orarie, da noi eseguito, mostra che il 2,04% dei dipendenti ha percepito tra 1 e 2 Euro l'ora, il 28,57% tra i 2 e i 3 euro l'ora, il 32,65% tra i 3 e i 4 euro l'ora, il 24,48% tra i 4 e i 5 euro l'ora, il 6,12% tra i 5 e i 6 euro l'ora, il 4,08% tra i 6 e i 7 euro l'ora, il 2,04% tra gli 8 e i 9 euro orari. I dati estrapolati mostrano chiaramente che anche nei casi in cui venga stipulato un regolare contratto quasi mai esso viene rispettato, rimanendo in una sfera di totale illegalità in quanto a retribuzioni, ore effettive di lavoro, mansioni svolte. Tempi e ritmi di lavoro risultano pertanto inaccettabili, spesso senza alcuna pausa di riposo o con pochissimi momenti di pausa, solitamente anche molto brevi. Se le clausole contrattuali venissero rispettate, pur non essendo certo ottimali alla luce dell'attuale legislazione vigente in questi settori, oltre a rendere più umano il lavoro svolto produrrebbero molti posti occupazionali aggiuntivi, circa il doppio alla luce delle ore lavorative dichiarate.


Il 58,49% dei dipendenti dichiara di aver già avuto in passato altri rapporti di lavoro con lo stesso datore, mentre il 41,51% dichiara di non averne avuti. Il 33,96% dei lavoratori afferma di avere avuto una formazione specifica per il lavoro svolto, il 66,04% no. Solo il 5,67% dei dipendenti afferma di avere avuto contatti con rappresentanti sindacali o altre figure destinate a far valere i propri diritti, il 94,33% degli intervistati afferma invece di non avere avuto rapporti con essi durante il periodo lavorativo. Tuttavia il 54,72% afferma che saprebbe a quali figure rivolgersi, il restante 45,28% no. Inoltre il 75% dei lavoratori dichiara che sarebbe disponibile ad intraprendere eventuali iniziative di rivendicazione e di lotta per ottenere i propri diritti negati e migliorare la propria condizione. Il 35,85% degli addetti dichiara che durante il proprio rapporto di lavoro ha ricevuto dal datore trattamenti umilianti, offensivi, che hanno leso la propria dignità umana e di lavoratore/trice. I dati mostrano che il padronato locale predilige dipendenti che oltre alla giovane età e alla scarsa esperienza già sottolineate non abbiano una formazione specifica per il lavoro svolto, malgrado la presenza sul nostro territorio di scuole come gli istituti alberghieri e corsi di vario genere che formano personale qualificato nei settori indicati. Ciò contribuisce a rendere i lavoratori meno consapevoli del proprio valore e più facilmente assoggettabili. E' inoltre presente un continuo ricambio del personale consentito dal grande bacino di disoccupati pronto a rimpiazzarlo, adoperando quest'ultimo come strumento di ricatto su chi lavora, invece di favorire la stabilizzazione e la formazione del dipendente. Tali fattori non possono che incidere negativamente anche sulla qualità dei servizi erogati all'utenza, spesso a caro prezzo. Il fatto che malgrado il trattamento emerso pochissimi tra i lavoratori intervistati dichiarino di avere avuto rapporti col sindacato, nonostante la maggior parte di essi affermi che saprebbe a chi rivolgersi ed il 75 % dichiari che vorrebbe intraprendere iniziative di mobilitazione, manifesta alcuni elementi rilevanti. Tra essi sicuramente il timore di ritorsioni nei propri riguardi, anche da parte di altri datori di lavoro legati al proprio attuale, l'isolamento e la debolezza dei lavoratori in assenza di forme di coordinamento e di organizzazione, una grande difficoltà o una scarsa propensione dei sindacati nell' intercettare le istanze di questi operai e venire a contatto con essi. Il dato concernente la frequenza di trattamenti umilianti e irrispettosi da parte del datore di lavoro rappresenta l'altra faccia della stessa medaglia indicando l'arroganza di chi si sente forte di una posizione predominante in assenza di una controparte consapevole, combattiva e organizzata.


Ai dipendenti che hanno dichiarato di aver firmato un regolare contratto di lavoro sono state rivolte alcune domande aggiuntive. Il 10% di essi ha dichiarato che gli è stato imposto di firmare una lettera di licenziamento alla stipula del contratto, chiaramente come monito e arma ricattatoria. Al 23,34% non è stata consegnata copia del proprio contratto di lavoro. Di conseguenza la stessa percentuale ha dichiarato di non conoscere quanto previsto dal proprio contratto. L'80,95% di coloro che conoscono quanto previsto ha dichiarato di aver svolto più ore lavorative di quelle previste. Il 14,28% di essi dichiara di aver ricevuto una paga effettiva inferiore a quella prevista dal contratto firmato. Il 59,10% dichiara di aver svolto mansioni e compiti non previsti dal proprio contratto di lavoro. Il 70% dei dipendenti dichiara che la durata del rapporto gli ha dato o gli darà diritto a percepire un'indennità di disoccupazione, il restante 30% no. Questo significa che il 60,02% del campione totale esaminato, comprendente anche chi non ha un contratto, non percepirà alcuna indennità al termine del rapporto.


I dati emersi delineano un quadro a dir poco sconcertante delle condizioni lavorative nei settori interessati all'interno del nostro territorio. Chi troppo a lungo ha fatto finta di non vedere una realtà sotto gli occhi di tutti da oggi non potrà più nascondersi facilmente dietro ad un dito. Ciò che abbiamo riscontrato genera una rabbia ancor maggiore se si pensa che avviene in settori come quello della balneazione che vedono come controparte i profitti altissimi di pochi fortunati che operano indisturbati ed in condizioni di scarsissima concorrenza grazie a concessioni su suolo demaniale. Carenza occupazionale e soprattutto pessime condizioni lavorative sono alla base del noto fenomeno dell'emigrazione giovanile che sta producendo da decenni l'atrofia del nostro territorio. Quanto emerso rappresenta un atto d'accusa senza precedenti nei riguardi della legislazione nazionale sul lavoro e dei governi che l'hanno favorita alimentando il quadro della deregolamentazione, degli organi di controllo, Ispettorato e Guardia di Finanza in primis, che si mostrano del tutto inadeguati al compito assegnatoli, del mondo politico locale e degli amministratori che non sanno o non vogliono intervenire al fine di limitare un fenomeno così diffuso e favorirne il superamento, del sindacato o di gran parte di esso che sembra non possedere la capacità di rappresentare questi lavoratori.



PARTITO COMUNISTA - SEZIONE "MARIANO MANDOLESI" - GAETA

di: Benedetto Crocco


BannerGaeta: Giornata del Buon Gioco Insieme per dire che l'azzardo è una dipendenza
letture: 298
18 ottobre 2018 di marcellino
logo ANPI GaetaGaeta: Delega a Ciaramaglia atto gravissimo del Sindaco Mitrano (3)
letture: 977
13 ottobre 2018 di OiOiOi
Gaeta: Quale futuro per l'asilo nido di Gaeta?
letture: 1543
07 ottobre 2018 di SEL Gaeta
Gaeta: Perché la tiella è solo gaetana L'intervento di Bruno Di Ciaccio, autore dei libri "La cucina di Gaeta" e "La cucina al tempo dei Borbone".
letture: 1991
29 settembre 2018 di mn
Gaeta: P.P.I. (Punto di Primo Intervento) ULTIMO ATTO
letture: 1445
20 settembre 2018 di SEL Gaeta
don antonio cairoGaeta: Quando a insultare era don Antonio Cairo Dov'era la solidarietà dei vertici della Chiesa locale durante gli anni di aggressioni del parroco di San Nilo a chiunque osasse criticarlo? (2)
letture: 4360
20 settembre 2018 di mn
don antonio cairoGaeta: Le minacce a don Antonio Cairo, solidarietà e qualche dubbio Minacce al parroco per le spese sulla festa di San Nilo. E l'arcivescovo Vari stavolta scende in campo per difenderlo.
letture: 3173
19 settembre 2018 di mn
Simbolo giornata internazionale della paceGaeta: Giornata mondiale della pace INDETTA DALL'ONU
letture: 1549
19 settembre 2018 di marcellino
teatro Ariston GaetaGaeta: Novità in arrivo per il Centro Polivalente d'Arte e Spettacolo La Ribalta di Gaeta Entusiasmo Creatività Passione (2)
letture: 1584
15 settembre 2018 di Centro La Ribalta
Gaeta: Che futuro per Gaeta dopo Mitrano, cosa resterà oltre a dossi e macerie ? La Città non appartiene a chi la governa (4)
letture: 4142
14 settembre 2018 di mafariello








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
PARTITO COMUNISTA
Rapporto sulle condizioni del lavoro stagionale 2018
letture: 1422
18 settembre 2018
PARTITO COMUNISTA,
Assemblea pubblica sul tema del lavoro stagionale (1)
letture: 1414
11 settembre 2018
PARTITO COMUNISTA
IL PC sulla spiaggia di Serapo contro lo sfruttamento.
letture: 1107
26 agosto 2018
PARTITO COMUNISTA
Punto di Primo Intervento: né con i complici, né con i servi. (5)
letture: 1987
10 agosto 2018
PARTITO COMUNISTA
Ottimo riscontro dell'iniziativa del PC contro lo sfruttamento del lavoro stagionale
letture: 2674
27 luglio 2018
PARTITO COMUNISTA
Il Partito Comunista al fianco dei lavoratori ECOCAR (1)
letture: 2277
22 luglio 2018
Partito Comunista
Il Partito Comunista lancia un'inchiesta operaia sul lavoro stagionale. (4)
letture: 1884
07 luglio 2018
Partito Comunista
Mobilitazione del Partito Comunista contro Acqualatina e per la ripubblicizzazione dell'acqua.
letture: 2535
11 giugno 2018
Ospedale
Il Partito Comunista denuncia l'imminente chiusura del Primo Intervento.
letture: 2997
25 maggio 2018
Partito Comunista
Pulizia degli arenili non in concessione, oltre il danno la beffa.
letture: 2381
16 maggio 2018