Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 3455
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 6807
dal 04/12 al 08/12 Roma: Più Libri Più Liberi, gli eventi della Regione Lazio
letture: 1578
14/12 Formia: Incontro sull'epistolario di Franz Kafka a Milena Jesenská
letture: 130
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej
letture: 87
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 381
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.604
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
giovedì
05
dicembre
II° Avvento S. Nicezio
Compleanno di:
sex tommaso1965
sex Umberto87
nel 1932: Il fisico tedesco Albert Einstein ottiene il visto per recarsi negli Stati Uniti, per sfuggire ai provvedimenti razziali del suo paese nei confronti degli ebrei.
nel 1971: Amarildo viene espulso per la decima ed ultima volta in serie A, Accade in Roma-Cagliari 2-2. Il focoso brasiliano ha meritato complessivamente 37 giornate di squalifica.
nel 1978: Viene approvato lo SME, il sistema monetario europeo.
dw

Home » News » Webzine » Spettacoli e Cultura » "GOMORRA" E IL RISCHIO DI EMUL...
mercoledì 13 dicembre 2017
"GOMORRA" E IL RISCHIO DI EMULAZIONE
LA FICTION TELEVISIVA HA SUSCITATO LE CRITICHE DEI MAGISTRATI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
letture: 1826
Spettacoli e Cultura: Roberto Saviano ha dovuto di nuovo difendersi dalle critiche mosse alla fiction "Gomorra" ispirata all'omonimo libro che lo ha reso famoso in tutto il mondo e di cui è sceneggiatore insieme a Leonardo Fasoli, Maddalena Ravagli e Ludovica Rampoldi. Questa volta le critiche sono arrivate da magistrati impegnati da anni nella lotta alla criminalità organizzata. Il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, il capo della Dda di Napoli Giuseppe Borrelli e il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, come riportato da diversi quotidiani e in particolare da "La Repubblica" che in "Rep:" pubblica la risposta di Saviano, hanno affermato che in "Gomorra vi è una "rappresentazione folcloristica e pericolosa" della camorra; si compie l'errore di "mostrare la camorra come fosse un'associazione come tante altre" ma, invece, "la camorra è fatta soprattutto di violenza", del "rischio di emulazione dietro l'angolo". Ecco la critica più pesante, l'argomento che suscita l'esigenza di riflettere sui contenuti, sulle modalità di rappresentazione di un fenomeno e sugli effetti di un'opera cinematografica o televisiva: il rischio di emulazione. Saviano si difende sostenendo che "quando un libro, un film, una serie tv raccontano le ferite senza edulcorarle, mettono a soqquadro la percezione della realtà facendo nascere una domanda: ma davvero questo accade? Una serie che racconta il male, mostra la ferita, produce sofferenza e quindi cambiamento e crescita".
A sostegno di questa affermazione pronuncia la solita domanda retorica che viene tirata fuori nelle tante discussioni di questo tipo che, di solito, riguardano la possibilità di esercitare una qualche forma di censura sull'arte: "Chi guarda il padrino diventerà Michael Corleone? Chi legge Shakespeare diventerà Riccardo III?" Ora, a meno che Saviano non voglia porre il suo libro sullo stesso piano del romanzo di Puzo e paragonare se stesso al celebre bardo, non credo che la questione possa essere liquidata con una battuta. Per tre motivi. Primo, perché se esiste un mondo di persone colte ed avvedute che sanno benissimo distinguere tra finzione e realtà, che sanno leggere criticamente il racconto di un fenomeno e trarne le dovute conseguenze superando razionalmente le pulsioni istintive; ne esiste un altro, sempre più vasto, di persone prive di uno spessore affettivo ed emotivo, dei riferimenti culturali, sociologici, di conoscenza dell'attualità necessari per condividere, come dice Saviano "la sofferenza che il male produce per avviare dentro di sé un processo di cambiamento e crescita", di persone che non sanno distinguere con chiarezza cosa sia il male e cosa sia il bene e che da "Gomorra" assorbono solo gli aspetti superficiali legati alle azioni che compioni i personaggi, più o meno simpatici, più o meno dritti ( con le palle, secondo una certa retorica che fa da sottofondo alla serie), di sicuro presentati con una certa dose di fascino e autoreferenziali al mondo e al modo in cui vivono, senza alcuna dialettica. Da qui un possibile rischio di emulazione. A questo si aggiunga che nel nostro paese la dimensione morale ed etica è spesso uno spazio vuoto o confuso. Secondo, perché attraverso il genere della fiction televisiva, per definizione popolare, si veicolano veri e propri modelli culturali che orientano i gusti, le idee, le propensioni delle persone in generale. Quindi, una narrazione senza filtri, senza una logica oppositiva al suo interno, in cui chiunque può avere alcune caratteristiche positive, anche il soggetto più crudele e violento, può produrre simulazione. Terzo, perché se - per restare all'esempio proposto da Saviano, ma è una caratteristica, per fortuna, della letteratura di ogni secolo - nel Riccardo III di Shakespeare la ferocia e l'ambizione del duca di Gloucester, che guarda un po' non è fascinoso, ma gobbo e deforme, dà luogo ad una lunga serie di bassezze, atti malvagi oltre ogni dire ed efferati delitti per il potere che trovano dei chiari e limpidi oppositori, per atti, parole e valori, nel duca di Buckingham e nel conte di Richmond, che nella battaglia di Boswort ucciderà il malvagio; in "Gomorra", Saviano compone un'epica della camorra e del camorrista. Un'epica, si, un racconto di eroi moderni, belli e dannati con il taglio di capelli all'ultima moda e vestiti con abiti che tra i giovani adolescenti fanno tendenza che si combattono tra di loro. Eroi dallo sguardo intenso carico di chissà quali sottesi significati e che nascondono profonde verità che nei momenti di maggiore tensione calano con poche e smozzicate parole, ma con solennità perché non potrebbe essere altrimenti. Eroi che dettano il modo di stare al mondo. Da bravi. Uno dei personaggi principali della terza serie, Enzuccio "sangue blu" - un soprannome che suggerisce una innegabile accezione positiva - dice: "due cose contano nella vita: la sorte e i compagni". Che bello, che animo nobile. Che cavaliere. Che non salva nessuno però. Infatti, quando deve uccidere un operaio che si è ribellato di fronte al pizzo che deve pagare sul salario lo fa davanti al figlio disabile, purtroppo - e qui proprio non va bene - non senza dover ritornare sui suoi passi perché sul suo volto gli autori ci fanno intuire qualche ripensamento. Come per Malamore, che prima di uccidere senza pietà la figlia bambina di Ciro si fa il segno della croce. Ciro, poi, l'immortale - soprannome mitico - salva addirittura una prostituta albanese dal suo amaro destino. In fondo, sono bravi questi personaggi di Saviano. Basta capire e rispettare il loro codice e si può andare avanti senza problemi ed essere felici in un mondo che ha un senso. Le figure positive, i normali che tengono faticosamente in piedi una società fondata sui valori della libertà, della giustizia, dell'onestà, del rispetto - quello vero - per gli altri spariscono in un amen, sono senza spessore, non possono esprimere una visione diversa, un altro modo di essere uomini. Insomma, dove sono gli eroi positivi? Dove il confronto tra il bene e il male? Dove sono il duca di Gloucester e il conte di Richmond? Marco D'Amore, l'attore che interpreta Ciro Di Marzio, a proposito delle polemiche nate attorno alla terza serie di "Gomorra", come viene riportato su "Rep:" ha commentato: "La nostra è una fiction, non un documentario. Siamo liberi di raccontare la savana dal punto di vista del leone o della gazzella. E non penso sia sbagliato un modo o l'altro". Caro Di Marzio, mi perdoni, ma io credo che oggi sia davvero molto importante il punto di vista dal quale e con il quale si raccontano le storie. Noi uomini onesti, insegnanti e genitori vorremmo leggere un racconto in cui le parti siano ben definite, dove a vincere siano le ragioni ed il punto di vista della giustizia, dove i fenomeni criminali siano intesi come tali, senza mezzi termini o ambiguità. Per costruire, anche con la letteratura, anche con la fiction, anche con il cinema un'epica di pace. di Alberto Forte

postato da: philleas  


 Spettacoli e Cultura: Padiglione Europa I migliori artisti internazionale rendono omaggio all'Arte Europea
letture: 2912
06 novembre 2019 di ufficiostampastart
 Spettacoli e Cultura: Gianni Dunil celebrato nelle opere dei principali artisti italiani
letture: 1851
29 ottobre 2019 di ufficiostampastart
Paolo Del Prete PlatinumSpettacoli e Cultura: Il gioco terrestre di Paolo Del Prete. L' ultimissima uscita del Polistrumentista - Compositore Paolo Del Prete è già un Cult!
letture: 2668
29 ottobre 2019 di ladjlady
 Spettacoli e Cultura: Natura, Vita significativa Nino Perrone e un'arte che risveglia i sensi
letture: 1832
10 ottobre 2019 di ufficiostampastart
Astra Roma BalletSpettacoli e Cultura: Il balletto "IL FLAUTO MAGICO" al teatro comunale di Priverno Sabato 15 dicembre la nuova produzione dell'Astra Roma Ballet.
letture: 1531
13 dicembre 2018 di philleas
Miseria e nobiltàSpettacoli e Cultura: "MISERIA E NOBILTÀ": Un grande classico in scena al teatro comunale di Priverno Giovedì 29 novembre con la direzione artistica di Matutateatro
letture: 1412
28 novembre 2018 di philleas
Claudio Baglioni, direttore artistico del Festival di SanremoSpettacoli e Cultura: Sanremo Giovani, prorogati i termini per partecipare
letture: 1657
02 ottobre 2018 di simonilla
Regione campaniaSpettacoli e Cultura: Festival del Libro a Padula dal 12 al 14 maggio
letture: 2194
06 maggio 2017 di descartes
 Spettacoli e Cultura: Stefano Simondo torna sul set L'attore romano d'adozione nel cast di "Battipaglia 1969"
letture: 1383
02 ottobre 2016 di matoo
 Spettacoli e Cultura: 57.Esposizione Internazionale d'Arte - La Biennale di Venezia Palazzo Albrizzi sarà sede del Padiglione Nazionale Guatemala curato da Daniele Radini Tedeschi
letture: 1653
28 settembre 2016 di RosadeiVenti








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
L'iniziativa del Bianchini
Quarto sciopero "GLOBAL STRIKE FOR FUTURE"
letture: 614
28 novembre 2019
Il DS Trani con Gabriele Subiaco e Anna Giannetti
L'ITS A. BIANCHINI testimonial di Legambiente nazionale come scuola sostenibile
letture: 2721
06 novembre 2019
LA LOCANDINA DEL CONVEGNO
Sana alimentazione e prevenzione oncologica primaria
letture: 1785
26 ottobre 2019
La 16^ granfondo nazionale trapiantati fa tappa a Terracina
letture: 2069
15 ottobre 2019
NO ALLA PLASTICA
Libera la scuola dalla plastica
letture: 1935
12 ottobre 2019
La pista dell'ITS Bianchini
L'ITS BIANCHINI va a canestro
letture: 1620
06 ottobre 2019
STUDENTI IN FORMAZIONE
Il 12 e 13 le giornate FAI d'autunno a Terracina
letture: 1751
05 ottobre 2019
Il DS Trani
"GET AP" Strategie per una cittadinanza globale nell'agro pontino
letture: 1887
22 settembre 2019
CONVEGNO APERTO A TUTTI
Presentazione 2° rapporto Legambiente dell'ecosistema urbano di Terracina
letture: 1957
26 marzo 2019
Il DS Trani e Associazione Demetra
Presso l'ITS BIANCHINI la conferenza di chiusura del progetto NATUR-ABILITY
letture: 2584
22 febbraio 2019

Links correlati:
01:
02:
03:
04:
05:
06:
07:
08:
09: