Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 13726
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 6801
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 4745
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.623
visitatori:302
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
06
luglio
S. Maria Goretti
Compleanno di:
sex aleabateruss...
sex miriam75
sex Supermarco
nel 1885: Louis Pasteur esegue la prima iniezione antirabbica, ad un ragazzo morso da un cane infetto
nel 1952: Per la prima volta una tappa del Tour de France si conclude in Italia,al Sestriere. A 72 km dal traguardo Fausto Coppi vola via. Lo spagnolo Ruiz arriva secondo 7' dopo il Campionissimo.
dw

Home » News » Webzine » San Tommaso ci spiega il "non ...
lunedì 11 dicembre 2017
San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 2522
"Non abbandonarmi quando declinano le mie forze"
Webzine: .

San Tommaso d'Aquino, Dottore della Chiesa Universale.
img
Alcuni peccano e poi, desiderando di ottenere il perdono dei loro peccati, li confessano e se ne pentono, senza però impegnarsi a fondo, come dovrebbero, per non ricadervi.


Ma non è davvero bello che uno, da una parte, pianga i propri peccati quando si pente, e dall'altra accumuli motivi di pianto tornando a peccare. Infatti sta scritto: "Lavatevi, purificatevi, togliete il male dalle vostre azioni, dalla mia vista. Cessate di fare il male, imparate a fare il bene" (Is 1,16).


Per questo motivo Cristo, mentre nella precedente domanda ci insegnava a chiedere perdono dei peccati, in questa ci insegna a chiedere di poterli evitare, ossia di non essere indotti nella tentazione per la quale scivoliamo nel peccato, e ci fa dire: "Non ci indurre in tentazione".


A proposito di questa domanda, ci poniamo tre interrogativi:

1) che cos'è la tentazione,

2) come e da chi l'uomo viene tentato,

3) come viene liberato dalla tentazione.



Quanto al primo interrogativo, diciamo che tentare non è altro che saggiare o mettere alla prova, sicché tentare l'uomo vuol dire provare la sua virtù. Il che può compiersi in due maniere, secondo le due esigenze della virtù dell'uomo, che sono: operare nel bene, ossia comportarsi bene, ed evitare il male, secondo il monito del salmo: "Sta' lontano dal male e fa' il bene" (Sal 33,15).


La virtù dell'uomo viene pertanto provata alle volte quanto al bene da fare, e altre volte circa il male da evitare.


Nel primo caso, l'uomo è messo alla prova affinché si veda se egli è pronto al bene; e se sarai trovato pronto al bene vuol dire che la tua virtù è grande. Ebbene, qualche volta Dio saggia l'uomo in questo modo, non perché egli non conosca la sua virtù, ma per far sì che tutti la conoscano e sia a tutti di buon esempio. Fu a questo scopo che egli tentò Abramo e Giobbe; ed è con questa intenzione che egli manda spesso le tribolazioni ai giusti, affinché cioè, sopportandole con pazienza, appaia la loro virtù e facciano maggiore progresso. Dice infatti il Deuteronomio: "Il Signore vostro Dio vi mette alla prova per sapere se amate il Signore vostro Dio con tutto il cuore e con tutta l'anima" (Dt 13,4). Risulta perciò chiaro che Dio tenta incitando al bene.


Nell'altro caso, la virtù dell'uomo viene messa a prova dall'istigazione al male. Se egli resiste e non acconsente alla tentazione, la sua virtù è grande. Se invece soccombe, la sua virtù è nulla. Ma in questa maniera nessuno è tentato da Dio, perché egli, come dice Giacomo, "non tenta nessuno al male" (Gc 1,13).



In risposta al secondo interrogativo (come e da chi l'uomo viene tentato), si noti che l'uomo viene tentato al male in tre modi:


-dalla propria carne,

-dal diavolo

-e dal mondo.


Dalla carne viene tentato in due maniere.


La carne infatti istiga al male, perché ricerca sempre i propri piaceri nei quali, trattandosi di piaceri carnali, spesso c'è il peccato per il fatto che chi si lascia assorbire da essi trascura quelli dello spirito. Dice al riguardo S. Giacomo: "Ciascuno è tentato dalla propria concupiscenza, che lo attrae e lo seduce, poi la concupiscenza concepisce e genera il peccato" (Gc 1,14).


La carne poi tenta distogliendo l'uomo dal bene. Mentre infatti lo spirito, per quanto dipende da lui, si diletta sempre dei beni spirituali, la carne col suo peso gli è di impaccio, perché "un corpo corruttibile appesantisce l'anima" (Sap 9,15). S. Paolo scrive in proposito: "Acconsento nel mio intimo alla legge di Dio, ma nelle mie membra vedo un'altra legge, che muove guerra alla legge della mia mente e mi rende schiavo della legge del peccato che è nelle mie membra" (Rm 7,22 23).


E questa tentazione della carne è molto grave perché questo nostro nemico, cioè la carne, è congiunto a noi; e, come dice Boezio, "non c'è per noi peste più nociva di un nemico che sia della nostra famiglia" (De consolatione philosophiae III,5). Contro la carne perciò si deve vigilare: "Vegliate e pregate, per non cadere in tentazione" (Mt 26,41).



A sua volta, il diavolo tenta con estrema violenza.


Una volta infatti che si abbia vinta la carne, si scatena questo altro nostro nemico, il diavolo, contro il quale dobbiamo sostenere una grande battaglia: "La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti" (Ef 6,12).


Per questo satana è detto espressamente il tentatore (Mt 4,3; I Ts 3,5). Il diavolo nel tentare usa molta astuzia. Come un abile capitano che assedia una fortezza, prima studia il punto debole della persona che vuol far cadere e poi la tenta là dove la scorge più vulnerabile.


Perciò una volta che gli uomini hanno resa inoffensiva la propria carne, Satana li tenta in quei vizi verso i quali sono più inclinati, quali l'ira, la superbia ed altri vizi spirituali. Dice S. Pietro: "Il vostro nemico, il diavolo, come leone ruggente va in giro, cercando chi divorare" (1Pt 5,8).


Quando poi egli tenta, mette in atto due espedienti.


Da principio non propone subito alla persona tentata un oggetto palesemente cattivo, ma qualcosa che abbia l'apparenza di bene, per stornarla inizialmente in tal modo dal suo proposito fondamentale e poterla poi in seguito indurre più facilmente al peccato, una volta che è riuscito a distoglierla sia pure di poco dal bene: in altre parole, "Satana si maschera da angelo di luce" (2Cor 11,14).


In seguito poi, quando l'ha indotta al peccato, la lega talmente alla colpa da impedirle di distaccarsene, perché, al dire di Giobbe, "i nervi delle sue cosce si intrecciano saldi" (Gb 40,17). Cosicché due cose fa il diavolo: prima inganna e poi trattiene nel peccato chi ha ingannato.



Il terzo tentatore è il mondo, il quale tenta anch'esso in due maniere.


Prima di tutto con un eccessivo e smoderato desiderio dei beni temporali, perché come dice l'Apostolo: "L'attaccamento al denaro è la radice di tutti i mali" (1Tm 6,10).


Servendosi dei persecutori e dei tiranni, tenta poi anche incutendo terrore, per cui dice il Libro di Giobbe: "Anche noi siamo avvolti nelle tenebre" (Gb 37,19) e S. Paolo aggiunge: "Tutti quelli che vogliono vivere piamente in Cristo Gesù saranno perseguitati" (2Tm 3,12). Ma il Signore ci rassicura: "Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima" (Mt 10,28).



Dalle cose dette risulta perciò chiaro che cos'è la tentazione e come e da chi l'uomo viene tentato.


Rimane da vedere in qual modo l'uomo venga liberato dalla tentazione.


Su quest'ultimo punto va notato che Cristo ci insegna a chiedere non di non essere tentati, ma di non essere indotti nella tentazione.


Se infatti l'uomo vince la tentazione merita la corona; ed è per questo che Giacomo ci ammonisce: "Considerate perfetta letizia, miei fratelli, quando subite ogni sorta di prove" (Gc 1,2), e l'Ecclesiastico aggiunge: "Figlio, se ti presenti per servire il Signore, preparati alla tentazione" (Eccli 2,1).


Ecco perché ci viene insegnato a chiedere di non essere indotti nella tentazione prestandole consenso; e S. Paolo commenta: "Nessuna tentazione vi ha finora sorpresi se non umana; infatti Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d'uscita e la forza per sopportarla" (1Cor 10,12).


Essere tentati è infatti cosa umana, ma consentirvi è cosa diabolica.



Forse Dio induce al male dal momento che ci fa dire: "non ci indurre in tentazione"?


Rispondo che si dice che Dio induce al male nel senso che lo permette, in quanto, cioè, a causa dei suoi molti peccati precedenti, sottrae all'uomo la sua grazia, tolta la quale, egli scivola nel peccato. Per questo noi diciamo col salmista "Non abbandonarmi quando declinano le mie forze" (Sal 70,9).


Dio però sostiene l'uomo, perché non cada in tentazione, mediante il fervore della carità che, per quanto sia poca, è sufficiente a preservarci da qualsiasi peccato. Infatti che "le grandi acque non possono spegnere l'amore" (Ct 8,7).


Lo sostiene inoltre col lume dell'intelletto, col quale ci istruisce sulle cose da fare; poiché, come dice il Filosofo: "Ogni peccatore è un ignorante".


E, siccome Dio per bocca sua aveva promesso: "Ti farò saggio, t'indicherò la via da seguire" (Sal 31,8), questo dono Davide lo chiedeva invocandolo: "Signore mio Dio, conserva la luce ai miei occhi, perché non mi sorprenda il sonno della morte, perché il mio nemico non dica: l'ho vinto" (Sal 12,4 5).


Noi otteniamo tutto questo col Dono dell'Intelletto, mediante il quale, se non consentiamo alla tentazione, conserviamo un cuore puro, del quale viene detto "Beati i puri di cuore" (Mt 5,8).


In questa maniera perverremo alla visione beatifica, alla quale ci faccia giungere il Signore.


(S. Tommaso, Commento al Padre nostro, 6)

postato da: sweda  


Su ali d'aquilaNarrativa e Poesia: Su ali d'aquila Il romanzo di Roberta Rubino edito da "deCOMPORRE.
letture: 328
04 luglio 2020 di Sandra Cervone
 Webzine: Quelli che...o tutti o nessuno e poi vogliono la secessione! Lo sproloquio del saggista e sociologo storico Antonio Giangrande. Da far riflettere...
letture: 2714
08 giugno 2020 di CONTROMAFIE
DiavolangeloNarrativa e Poesia: "Maria Cristina e Lello" Da "Racconti brevi e breviritratti" di prossima pubblicazione
letture: 3538
02 giugno 2020 di Michele Ciorra
De rerum naturaWebzine: Peste di Atene e Covid 19 De rerum natura
letture: 3416
29 maggio 2020 di Sergio Andreatta
Bando della Regione LazioCinema e Teatro: Dalla regione un aiuto per le sale cinematografiche
letture: 3074
20 maggio 2020 di simonilla
Mjriam MasciandaroMusica e dintorni: Quattro chiacchiere "Distanti" con Mjriam Masciandaro... e a breve il suo ritorno al sociale e alla musica...
letture: 3103
19 maggio 2020 di Tonyr
Facciata dell'OspedaleSanità: Giornata del malato oncologoco 2020 IFO: NON CI SIAMO MAI FERMATI E IN ALCUNE AREE DI ATTIVITÀ ABBIAMO AUMENTATO LA PRESA IN CARICO DEI PAZIENTI
letture: 2602
17 maggio 2020 di descartes
Il libro di Di MilleNarrativa e Poesia: I "Sogni vissuti" di Cosmo Di Mille E' uscito il nuovo libro di un "marinaio del '900"
letture: 2695
30 aprile 2020 di Sandra Cervone
Logo dell'Ospedale REGINA ELENASalute e Benessere: Biopsia liquida e tumore colon retto CONCRETE LE PROMESSE DI DIAGNOSI PRECOCE E MIRATA nell'Istituto Regina Elena: nuovo studio su Journal of Experimental & Clinical Cancer Research
letture: 2291
27 aprile 2020 di descartes
DiavolagneloNarrativa e Poesia: Ho vissuto Ho vissuto tempi e luoghi che avevano un futuro inimmaginabile.
letture: 2311
23 aprile 2020 di Michele Ciorra








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un genocidio silenzioso
The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 2603
16 dicembre 2017
Chi non è stato tentato che cosa sa?
Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 2648
16 dicembre 2017
Fedeli alla Vera Dottrina
Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 2204
12 dicembre 2017
San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 2523
11 dicembre 2017
«Per il suo superiore, Bergoglio non era adatto a fare il vescovo» (5)
letture: 2768
11 dicembre 2017
Il Padre celeste non poteva fare per la nuova Eva meno di quanto aveva fatto per l'antica.
8 Dicembre Immacolata Concezione della Santa Vergine Maria
letture: 2391
08 dicembre 2017
Il diavolo ha trovato la strada giusta.
Cristo si è fermato a Vienna?
letture: 2163
07 dicembre 2017
.
Papa Francesco corregge Gesù: vuole cambiare il Pater Noster!
letture: 2583
06 dicembre 2017
Dio non lascia cadere l'uomo, ma permette che venga messo alla prova.
"Non ci indurre in tentazione" Papa Benedetto lo spiegò 10 anni fa.
letture: 2541
06 dicembre 2017
Non gli basta Lutero..
Perché mai Bergoglio in Myanmar, se non in missione "Americana"?
letture: 2311
01 dicembre 2017