Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 21/07 al 31/12 Gaeta: Bonus Asilo Nido INPS: al via le domande... ecco le istruzioni tecniche
letture: 15957
dal 01/09 al 31/12 Gaeta: Mettiamoci in gioco!
letture: 10453
dal 15/09 al 17/12 Formia: XVIII corso di fotografia digitale
letture: 12691
dal 01/10 al 31/12 Gaeta: Qui si fa teatro! (1)
letture: 8299
dal 15/10 al 31/12 Gaeta: Il Grillo Canterino
letture: 6864
dal 18/10 al 15/01 Latina: Premio Letterario By Mimesis "Modernità in metrica". Partecipazione gratuita
letture: 6452
dal 21/11 al 04/04 Gaeta: CINEMA TEATRO ARISTON Stagione Teatrale 2017-18
letture: 6977
dal 03/12 al 31/12 Golfo di Gaeta: Gli Studenti dell'I.T.E. Filangieri di Formia in Alternanza Scuola Lavoro
letture: 1466
dal 03/12 al 03/03 Formia: Nessuna barriera ferma l'arte. Neppure la diversità
letture: 549
dal 07/12 al 17/02 Formia: Il Dio dimenticato
letture: 1744
dal 08/12 al 06/01 Gaeta: CONCORSO "Il Presepe di Casa Mia"
letture: 1664
dal 08/12 al 07/01 Sperlonga: Un Natale ricco di eventi
letture: 1101
dal 08/12 al 07/01 Fondi: A Natale a Fondi c'è di più!
letture: 1121
17/12 Itri: Tutto pronto per il concerto "In...canto di Natale"
letture: 716
21/12 Gaeta: Natale a Gaeta è anche beneficenza
letture: 282
dal 24/12 al 07/01 Gaeta: PUER NATUS MOSTRA IMMAGINETTE SACRE
letture: 308
26/12 Itri: Un evento esclusivo, ad Itri, il 26 Dicembre arriva "La Notte di Luci al Centro Storico"
letture: 3243
dal 26/12 al 30/12 Golfo di Gaeta: "Sì... comunque vada!"
letture: 705
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.518
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
17
dicembre
S. Lazaro
Compleanno di:
sex AntonioNatal...
sex aurelio123
sex carlomicaliz...
sex Enry84
sex FLYPOINT
nel 1830: In Colombia si spegne il patriota sud-americano Simón Bolívar.
nel 1903: Dopo molti tentativi i fratelli Orville e Wilbur Wright riescono a volare a bordo dell'aeroplano da loro costruito.
nel 1965: Nino Benvenuti supera ai punti Sandro Mazzinghi e conserva il titolo mondiale dei medi jinior che Benvenuti aveva strappato allo stesso Mazzinghi,a San Siro.
dw

Home » News » Webzine » Perché mai Bergoglio in Myanma...
venerdì 01 dicembre 2017
Perché mai Bergoglio in Myanmar, se non in missione "Americana"?
letture: 1015
Non gli basta Lutero..
Non gli basta Lutero..
Webzine: .

da Maurizio Blondet
img
MB: Che ci è andato a fare El Papa in uno stato buddhista, senza cristiani, per di più a prendere le parti della minoranza musulmana sovversiva, istigata dagli occidentali e dall'Arabia Saudita? Mi accingevo a scrivere un articolo per provare a spiegare - ma vedo che Federco Dezzani ne ha gà scritto uno molto migliore. La sua frase chiave:


"Gli USA [...] per aumentare la pressione mediatica su Rangoon si sono limitati ad inviare in viaggio apostolico Jorge Mario Bergoglio, che in Asia come in Medio Oriente, dimostra così di seguire pedissequamente l'agenda dei poteri che l'hanno portato al soglio petrino".


Esegue come un automa, o teleguidato, la politica che nell'area era stata dettata da Hillary e da Obama. Una "politica papale" grottesca).


img


"CRISI UMANITARIA" IN BIRMANIA: E' SEMPRE QUESTIONE DI PETROLIO E INFRASTRUTTURE


di Federico Dezzani


Nella ex-Birmania, oggi Myanmar, è riesplosa la tensione tra la minoranza mussulmana e la maggioranza buddista. Washington e Londra hanno istallato ai vertici dello Stato il premio Nobel Aung San Suu Kyi, perché avvallasse la secessione della strategica regione mussulmana dell'Arkan. La giunta militare birmana, però, non intende cedere ed ha rafforzato i legami con la Cina: in palio ci sono i giacimenti di idrocarburi e la strategica via di comunicazione che unirebbe Pechino all'Oceano Indiano, senza passare dallo Stretto di Malacca. Si ripropone lo stesso schema sperimentato durante l'occupazione del Giappone, durante cui buddisti e mussulmani combatterono rispettivamente contro e a favore degli inglesi.


I mussulmani Rohingya, una vecchia conoscenza dell'impero britannico


Trascorrono gli anni, i decenni ed i secoli, ma la geopolitica non cambia e con lei restano immutati gli elementi basilari del contesto umano-geofrafico: divisioni religiose, minoranze etniche, catene montuose, stretti marittimi, vie di comunicazione, etc. etc. Certo, gli attori che si contendono l'egemonia non sono sempre gli stessi, ma il teatro dove si sfidano subisce pochissimi cambiamenti: è quindi sufficienti studiare cosa accade in passato, per capire il presente ed anticipare il futuro.


Corre l'anno 1942: l'impero nipponico è al suo apogeo, estendendosi dalla Manciuria alle isole Salomone, passando per la strategica Singapore che presidia lo Stretto di Malacca e separa l'Oceano Pacifico da quello Indiano. La Cina, schierata a fianco degli Alleati, riceve armi e mezzi attraverso una via di comunicazione costruita ad hoc: è la "Burma road" che consente ai rifornimenti angloamericani di passare dall'Oceano Indiano alla Cina continentale, attraverso la Birmania sotto controllo britannico. La volontà di tagliare questa strategica via di comunicazione, unita alla sete di materie prime, spinge Tokyo ad invadere la Birmania, partendo dalla Thailandia occupata.


Nel marzo 1942 cade la capitale Rangoon, obbligando gli inglesi a ritirarsi nella vicina India. I giapponesi possono avvalersi nella loro avanzata del sostegno di alcuni strati della popolazione birmana: i giovani nazionalisti ed i buddisti salutano con favore l'ingresso dell'occupante asiatico, che promette la liberazione dal giogo inglese. Al contrario, la minoranza mussulmana rimane fedele alla corona inglese e riceve armi ed equipaggiamenti da Londra per frenare la marcia dei giapponesi e dei loro alleati locali. La regione di Arkan, oggi Rakhine, è teatro di sanguinosi scontri etnici tra i buddisti-filogiapponesi ed i mussulmani-anglofili.Questi ultimi, concentrati nel litorale settentrionale, vicino al moderno Bangladesh, si chiamano Rohingya.


Una strategica via di comunicazione che unisce la Cina all'Oceano Indiano raggirando Singapore, la presenza di idrocarburi, una maggioranza buddista schierata su posizioni nazionaliste-militariste, una minoranza mussulmana su posizioni anglofile: sono questi gli elementi che, rimasti immutati a distanza di 75 anni, permettono di capire quanto sta avvenendo in Birmania.


Oggetto di un colpo di Stato di ispirazione socialista nel 1962, la Birmania rimane ai margini della Guerra Fredda. Fomentate nel 1988 alcune rivolte studentesche che anticipano la tentata rivoluzione colorata di Piazza Tienanmen, crollato il Muro di Berlino nel novembre 1989, anche Rangoon è sospinta dagli angloamericani verso "la democrazia".


Nel maggio del 1990, si svolgono le prime elezioni libere dall'avvento dei militari, dominate dalla figura di Aung San Suu Kyi: figlia del "padre della patria" che contrattò con gli inglesi l'indipendenza del 1947, educata in Inghilterra, trascorsi alle Nazioni Unite, sposata con un cittadino britannico, Aung San ha tutte la carte in regola per traghettare la Birmania dall'economia pianificata al libero mercato. La giunta militare, conscia delle spinte centrifughe che attraversano il Paese, non ha però nessuna intenzione di abdicare: rifiutato l'esito delle elezioni, l'altisonante "Consiglio di Stato per la Pace e lo Sviluppo" scioglie l'assemblea ed arresta i leader politici d'opposizione. Lo smacco, per Washington e Londra, è cocente: assegnare il Premio Nobel per la Pace a Aung San Suu Kyi (1991) è una contromisura d'effetto, sebbene di scarsa efficacia. Gli anni '90 ed i primi dieci anni del XXI secolo trascorrono, infatti, senza che Rangoon mostri segni di ravvedimento, lasciando Aung San relegata agli arresti domiciliari.


D'altronde, le priorità degli Stati Uniti sono altre in quel momento: Bill Clinton deve espandere la NATO ad Est e ridisegnare i Balcani, George W. Bush sogna di ridisegnare il Medio Oriente e piantare la bandierina in Afghanistan, cuore dell'Eurasia. Mentre gli angloamericani dilapidano migliaia di miliardi di dollari in Iraq, la Cina cresce però vorticosamente: l'establishment liberal realizza che lo stesso Paese dove le aziende americane hanno delocalizzato sarà anche la maggior minaccia all'egemonia statunitense. Barack Hussein Obama lascia il Medio Oriente, dopo aver scientificamente appiccato l'incendio (Primavere Arabe del 2011), per focalizzarsi sull'Oceano Pacifico e su Pechino: è il "pivot to Asia", che mira a contenere l'avanzata cinese con una serie di accordi politici-militari-economici (in primis, il TTP).


La Birmania, quindi, torna prioritaria. Il Segretario di Stato Hillary Clinton incontra Aung San Suu Kyi nel 2011, durante la sua visita ufficiale nel Paese asiatico1, ribadendo la predilezione di Washington per il Nobel della Pace, Nel 2015 si svolgono le elezioni legislative cui può partecipare anche la formazione della Aung San Suu Kyi, Lega Nazionale per la Democrazia: la vittoria arride, ovviamente, al "nuovo". Alla Suu Kyi toccherebbe la presidenza, ma il passaporto britannico del defunto marito e dei figli le impediscono di assumere formalmente la carica, obbligandola ad assumere funzione equipollente di "Consigliera dello Myanmar": con grande soddisfazione, Barack Obama riceve il premio Nobel alla Casa Bianca nel novembre 2016, affermando che è finalmente giunto il momento di revocare le sanzioni economiche alla Birmania.(2)


Il progetto di "democratizzazione" della Birmania contempla però, qui come in molte altre realtà (Russia, Iraq, Libia, Siria, etc. etc.), anche la frantumazione della Birmania, attraverso la secessione di importanti zone del Paese, dove vivono minoranze etniche e linguistiche. L'installazione ai vertici della Birmania di Aung San Suu Kyi dovrebbe infatti facilitare la secessione del mussulmano Arakan: la quasi concomitante comparsa nel 2016 dell' Arkan Rohingya Salvation Army, formazione militare con forti legami con l'Arabia Saudita (3), scatena la violenza nella regione e l'immediata reazione dello Stato centrale. Le tensioni riesplodono e, come ai tempi dell'occupazione giapponese, il Paese si polarizza: la giunta militare, espressione della maggioranza buddista-nazionalista, cerca appoggio presso la potenza asiatica emergente, la minoranza mussulmana, i celebri rohingya, è adoperata dagli angloamericani per i propri scopi.


Nel 2017, la potenza asiatica emergente non è ovviamente il Giappone, bensì la Cina: eppure l'interesse di Pechino per la Birmania è dettato dalle stesse ragioni che spinsero Tokyo ad allargare la propria sfera di influenza fino a Rangoon. Materie prime (la Birmania è un importante produttore di gas naturale e petrolio) e vie di comunicazioni. Come gli inglesi costruirono la "Burma Road" per raggiungere la Cina dall'Oceano Indiano, senza passare dallo Stretto di Malacca, oggi i cinesi progettano di sboccare sull'Oceano Indiano attraverso la Birmania, raggirando così Singapore ed un eventuale blocco angloamericano dello Stretto. La moderna "Burma Road" scorre, ovviamente, sui binari dei treni ad alta velocità/capacità ed è parte integrante della "Nuova Via della Seta", il grande piano di infrastrutture ferroviarie/marittime/aeroportuali con cui la Cina vuole coprire l'intera Eurasia (4).


La minoranza mussulmana dei rohingya è invece utile agli angloamericani come, e forse più, del 1942. Oltre ad essere in ottimi e storici con Londra e Washington, quest'etnia di fede islamica, da sempre ostile ai buddisti-nazionalisti, è concentrata nella regione dell'Arkan (oggi Rakhine) dove le ferrovie e gli oleodotti cinesi dovrebbero sfociare nell'Oceano Indiano 5. La secessione della regione mussulmana, oltre a seppellire l'attuale Stato birmano, servirebbe quindi a vanificare la strategia di Pechino per raggirare lo Stretto di Malacca.


Gli angloamericani si sarebbero attesi dal premio Nobel una pubblica presa di posizione a favore dell'insurrezione mussulmana, primo passo verso l'indipendenza: la Aung San Suu Kyi, però, consapevole che tale mossa comporterebbe la sua immediata deposizione da parte della giunta militare che controlla ancora de facto il Paese, ha sinora taciuto, attirandosi pesantissime critiche dagli ambienti anglofoni che ne hanno curato l'ascesa.


La difesa dei rohingya è sinora toccato alla solita Amnesty International, basata a Londra, ed all'americana Human Rights Watch: "Burma: Military Massacres Dozens in Rohingya Village6", "Myanmar: contro i rohingya è pulizia etnica (7)", etc. etc. Gli USA, attraverso il nuovo Segretario di Stato, Rex Tillerson, hanno avvalorato la tesi della "pulizia etnica" ai danni dei mussulmani, ma si sono sinora astenuti dall'imposizione di nuove sanzioni: per aumentare la pressione mediatica su Rangoon si sono limitati ad inviare in viaggio apostolico Jorge Mario Bergoglio, che in Asia come in Medio Oriente, dimostra così di seguire pedissequamente l'agenda dei poteri che l'hanno portato al soglio petrino.

img


Di fronte all'aumentare della violenza interna e degli assalti mediatico-diplomatici, la giunta militare ha reagito rafforzando ulteriormente il dialogo con la Cina: il comandante in capo delle forze armate birmane, il generale Min Aung Hlaing, si è recentemente intrattenuto sei giorni a Pechino, incontrando il Presidente Xi Jinping ed il suo omologo cinese 8. Un'analoga visita dovrebbe prossimamente essere svolta anche dalla Aung San Suu Kyi9, testimoniando che il Nobel per la Pace, di fronte al rischio di balcanizzazione del suo Paese, si sta allontanando dai vecchi mentori.


La dinamica di fondo, lo spostamento del potere da Washington a Pechino, gioca a favore della giunta militare e dell'integrità della Birmania. Qualche pericoloso colpo di coda da parte dell'impero angloamericano è però inevitabile: l'imposizione di nuove sanzioni o, più probabilmente, la comparsa anche a Rangoon e dintorni dell'ISIS e dei "mujaheddin stranieri".


-

1http://www.bbc.com/news/av/world-asia-15992030/clinton-meets-aung-san-suu-kyi-on-myanmar-visit

2https://www.reuters.com/article/us-usa-myanmar/obama-meeting-with-suu-kyi-says-u-s-ready-to-lift-myanmar-sanctions-idUSKCN11K0B4

3http://www.bbc.com/news/world-asia-41160679

4https://www.ft.com/content/ed033dae-6c69-11e7-b9c7-15af748b60d0

5http://www.ramree.com/2014/07/31/china-says-abandoned-kunming-kyaukpyu-railway/

6https://www.hrw.org/news/2017/10/03/burma-military-massacres-dozens-rohingya-village

7https://www.amnesty.it/myanmar-rohingya-pulizia-etnica/

8http://www.chinadaily.com.cn/world/2017-11/24/content_34945712.htm

9https://www.ft.com/content/265168ca-d361-11e7-8c9a-d9c0a5c8d5c9#comments



Federico Dezzani

http://federicodezzani.altervista.org/crisi-umanitaria-in-birmania-e-sempre-questione-di-petrolio-e-infrastrutture/


---

FRANCESCO IN MYANMAR. IL NODO ROHINGYA E LE OMBRE CINESI

img

di Aldo Maria Valli


I generali hanno voluto subito mettere le cose in chiaro. Chiedendo di essere ricevuti a poche ore dall'arrivo del papa, prima di ogni altro incontro di Francesco in Myanmar, hanno dimostrato che qui comandano ancora loro, sebbene la transizione verso la democrazia sia formalmente incominciata.


Cinque i generali che sono andati da Francesco nella residenza dell'arcivescovo (a Yangon non c'è ancora una nunziatura perché le relazioni diplomatiche con la Santa Sede sono state allacciate da poco). Proprio la transizione politica verso un sistema più democratico, ha riferito il portavoce vaticano Greg Burke, è stato l'argomento al centro del dialogo, durato circa quindici minuti, con un sacerdote cattolico in veste di traduttore. Ma, al di là dei contenuti, l'incontro ha avuto un valore simbolico. I generali in un certo senso hanno "marcato" il territorio, ed è significativo che nelle stesse ore il cardinale birmano Chrales Bo abbia suggerito al papa di non pronunciare mai, nel corso dei tre giorni in Myanmar, la parola Rohingya, il nome dell'etnia musulmana alla quale il Myanmar non riconosce alcun diritto di cittadinanza e nemmeno considera una delle centotrentacinque etnie presenti nel paese. Sono soltanto profughi, dicono i governanti, che vietano di fare riferimento ai Rohingya anche perché li ritengono assimilabili a un gruppo terroristico.


Quantificabili in poco più di un milione, i Rohngya fuggono verso il Bangladesh, dove Francesco si recherà per la seconda e ultima tappa di questo suo viaggio in Asia, e fanno da spia di una situazione che, sotto il profilo dei diritti umani, qui resta precaria. È vero che Myanmar e Bangladesh nei giorni scorsi hanno siglato un accordo sul rimpatrio di oltre seicentomila persone, ma, più in generale, sul Myanmar pesa la tentazione del nazionalismo, con il contributo dei buddisti radicali.


Il paese è buddista al novanta per cento. I musulmani sono il quattro per cento, così come i cristiani. I cattolici poco più dell'uno per cento. "Love and peace" dice il logo ufficiale della visita di Francesco, ma per amore e pace il cammino sembra davvero complicato, anche per gli interessi economici in gioco.


Negli ultimi anni, sotto questo profilo, si è fatta sempre più intensa l'iniziativa cinese, con investimenti notevoli proprio nel Rakhine, la regione dei Rohingya nel Myanmar occidentale, ritenuta strategica nell'ambito del progetto di Pechino per la realizzazione di una nuova "via della seta", marittima e terrestre, allo scopo di ottenere sbocchi commerciali e conquistare mercati sempre più vasti. Di qui un ruolo di "mediazione" da parte della Cina, che per mettere a frutto i suoi investimenti ha bisogno di un'area sgombra da tensioni etnico-religiose e dal rischio di scontri.


Proprio l'immediato cessate il fuoco nel Rakhine è quanto ha chiesto giorni fa il ministro degli esteri cinese durante una visita in Myanmar. Al secondo punto, tra le richieste di Pechino, negoziati concreti tra Myanmar e Bangladesh per risolvere il problema dei rifugiati. Terzo, sviluppo economico per l'area interessata, così da tagliare le radici alle violenze che affondano anche nel terreno della povertà e del disagio sociale.


I governi di Naypyitaw (la capitale del Myanmar) e Dhaka (quella del Bangladesh) hanno risposto positivamente e ora si vedrà. La fase è delicata e quindi anche le mosse di papa Francesco saranno osservate e valutate attentamente.


I Rohingya hanno un braccio armato (Arakan Rohingya Salvation Army) che per il governo birmano è un vero e proprio gruppo terroristico, responsabile di attacchi contro posti di polizia e dell'esercito. Il Myanmar ha dunque scatenato una repressione, con l'obiettivo di rendere inoffensivi i militanti. In realtà l'azione ha colpito anche i civili e interi villaggi sono stati distrutti. Una crisi umanitaria che da tempo è sotto osservazione da parte della Santa Sede e della quale il papa ha parlato apertamente durante l'Angelus del 27 agosto scorso, quando ha detto: "Sono arrivate tristi notizie sulla persecuzione della minoranza religiosa, i nostri fratelli Rohingya. Vorrei esprimere tutta la mia vicinanza a loro; e tutti noi chiediamo al Signore di salvarli e suscitare uomini e donne di buona volontà in loro aiuto, che diano loro i pieni diritti. Preghiamo per i fratelli Rohingya".


Il problema Rohingya ha origini lontane, nel periodo coloniale, ed ha varie componenti, non esclusa quella religiosa, perché, in quanto musulmano, questo popolo è stato preso di mira dai gruppi armati buddisti. Così per molti la fuga è diventata una scelta obbligata. Scappano verso Bangladesh, Thailandia, India, Malesia e Indonesia. Solo che anche questi paesi spesso li rifiutano e quindi migliaia di Rohingya sopravvivono in campi profughi privi di tutto.


Ce la farà la Cina, grande potenza politica ed economica, a risolvere la situazione? Per ora Pechino appoggia le azioni del governo birmano contro quelli che definisce "gli estremisti terroristi", e a dimostrazione di questo appoggio ha anche fermato possibili risoluzioni Onu contro il Myanmar circa le violazioni dei diritti umani


Per meglio comprendere le ragioni di Pechino occorre dare un'occhiata alla carta geografica. Lo Stato del Rakhine, sul Golfo del Bengala, è area strategica per il passaggio di fonti energetiche (petrolio, gas) e altri prodotti. Inoltre al largo del Rakhine sono stati trovati giacimenti di gas. La sorte dei diritti umani è dunque legata a quella di oleodotti e gasdotti? Non sarebbe la prima volta.


La Cina ha inoltre stretti legami commerciali con il vicino Bangladesh, paese che ha accolto migliaia di Rohingya. Di qui gli aiuti che Pechino sta fornendo a Dhaka per ospitare i profughi. Un "do ut des".


Secondo molti analisti, tuttavia, i Rohingya, poveri e discriminati, non hanno molto da sperare dall'iniziativa cinese. Assai probabile è che i progetti di sviluppo andranno piuttosto a favore di investitori stranieri e dei birmani doc, buddisti e nazionalisti.


La partita che si sta giocando è dunque complessa e i giocatori sono numerosi. Tra questi c'è anche Francesco, portatore di "love and peace" in una terra che ne ha estremo bisogno ma, per tante ragioni, sembra attenta a ben altri messaggi.

28 nov 2017

postato da: sweda  


Un genocidio silenziosoWebzine: The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 79
16 dicembre 2017 di sweda
Chi non è stato tentato che cosa sa?Webzine: Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 78
16 dicembre 2017 di sweda
 Spettacoli e Cultura: "GOMORRA" E IL RISCHIO DI EMULAZIONE LA FICTION TELEVISIVA HA SUSCITATO LE CRITICHE DEI MAGISTRATI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA
letture: 303
13 dicembre 2017 di philleas
Webzine: Piazza Fontana: una strage di matrice neofascista
letture: 468
12 dicembre 2017 di anpiformia
Fedeli alla Vera DottrinaWebzine: Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 545
12 dicembre 2017 di sweda
Webzine: San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 582
11 dicembre 2017 di sweda
Webzine: «Per il suo superiore, Bergoglio non era adatto a fare il vescovo» (5)
letture: 761
11 dicembre 2017 di sweda
novità orario invernaleWebzine: Trenitalia, arriva l'orario invernale più Frecce nelle ore del primo mattino e della sera; 11 nuove corse, 7 prolungamenti
letture: 763
10 dicembre 2017 di simonilla
Do not click!Webzine: L'israeliano che usa il vostro smartphone. E si fa pagare per questo.
letture: 739
10 dicembre 2017 di marinta
Biden ridiculous quotesWebzine: Come costruire i nemici del popolo
letture: 795
09 dicembre 2017 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un genocidio silenzioso
The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 79
16 dicembre 2017
Chi non è stato tentato che cosa sa?
Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 78
16 dicembre 2017
Fedeli alla Vera Dottrina
Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 545
12 dicembre 2017
San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 582
11 dicembre 2017
«Per il suo superiore, Bergoglio non era adatto a fare il vescovo» (5)
letture: 761
11 dicembre 2017
Il Padre celeste non poteva fare per la nuova Eva meno di quanto aveva fatto per l'antica.
8 Dicembre Immacolata Concezione della Santa Vergine Maria
letture: 926
08 dicembre 2017
Il diavolo ha trovato la strada giusta.
Cristo si è fermato a Vienna?
letture: 864
07 dicembre 2017
.
Papa Francesco corregge Gesù: vuole cambiare il Pater Noster!
letture: 938
06 dicembre 2017
Dio non lascia cadere l'uomo, ma permette che venga messo alla prova.
"Non ci indurre in tentazione" Papa Benedetto lo spiegò 10 anni fa.
letture: 1060
06 dicembre 2017
Non gli basta Lutero..
Perché mai Bergoglio in Myanmar, se non in missione "Americana"?
letture: 1016
01 dicembre 2017