Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 08/11 al 06/01 Roma: Corrado Cagli in mostra a Roma
letture: 4525
dal 18/11 al 29/02 Formia: All'Ariston di Gaeta tutto pronto per la Stagione Teatrale 2019-20
letture: 7900
23/12 Formia: A Gianola sulle Orme di Pasquale Mattej (1)
letture: 1234
05/01 Itri: Ad Itri il prossimo 5 Gennaio Terza Edizione per Notte di Luci al Centro Storico.
letture: 1480
dal 10/01 al 19/04 Golfo di Gaeta: XX corso di fotografia digitale
letture: 832
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.605
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
16
dicembre
Compleanno di:
sex luciana
sex nonnotore
sex PepeNero
sex polpo58
sex thebest
sex virgicos
nel 1631: Spaventosa eruzione del Vesuvio in Campania. 6 paesi vengono distrutti e oltre 4000 persone muoiono.
dw

Home » News » Frosinone » Picinisco » Entri dal cancello con l'istin...
giovedì 12 ottobre 2017
Entri dal cancello con l'istinto della fuga...
I nomi delle molte vittime incisi su una lapide.
letture: 1778
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.
Picinisco: Entri dal cancello con l'istinto della fuga ma sai già che, se saprai resistergli, si aprirà per te un'altra antologia di Spoon River. Quante storie soffocate da queste pagine di pietra, basterebbe forse alleggerirle un pò per farle uscire dal dimenticatoio. Nel sotto-portico della medievale abbazia di Santa Maria, già inventariata da papa Pasquale II, mi viene incontro una grande lapide cementata dall'Amministrazione comunale, sopra i nomi delle vittime dell'inabissamento dell'Arandora Star e dei molti civili di guerra.
di Sergio Andreatta
Picinisco, millenaria Abbazia di Santa Maria con il cimitero.
Picinisco, millenaria Abbazia di Santa Maria con il cimitero.
Ecco un nome che mi richiama una foto vista altrove, è quello di un Cesidio Di Ciacca, piciniscano-scozzese sulla cui tragica vicenda mi sono soffermato in uno scritto precedente. Giovane, non meno degli altri pieno di speranze e con tanta voglia di vivere quel primo Cesidio, subendo la sorte comune, fu costretto all'imbarco per il Canada. Ma il siluro tedesco, già in agguato fuori della baia di Plymouth, non gli avrebbe lasciato alcuno scampo, come ad altre mille persone. 17 gli affogati del paese, centinaia gli italiani di tutte la regioni, molti di Bardi nel parmigiano. Era questa la guerra tomba delle illusioni! Tra le vittime civili ricorrono i cognomi di tante famiglie storiche del paese e anche di un parente di mia moglie. Albino Antonelli con gli occhi legati alla malinconia ma un po' avido di avventure aveva risposto puntualmente alla chiamata alle armi e da sottotenente dell'esercito italiano era partito da Civitavecchia per la guerra sul destinato fronte greco-albanese...
A Londra, dove era nato, i suoi genitori (Giovanni e Mariuccia Mancini) gestivano un ben avviato snak-bar dalle parti di Portobello. Con i loro floridi proventi avevano potuto costruire fin dal 1924 in Viale San Martino una bellissima palazzina in stile liberty e questo era per tutti l'inconfutabile contrassegno di un'emigrazione di successo. I sentori di guerra li avevano, però, consigliati ad un precipitoso rientro in Italia, giusto in tempo per evitarsi il naufragio dell'Arandora. Completava la famiglia l'adolescente, un pò ribelle, Antoniuccio. Nello svolgersi degli avvenimenti bellici, impensabilmente Picinisco si era trovata al fronte, nell'epicentro montano della Linea Gustav, così tra dicembre '43 e i primi mesi del '44 molte genti furono obbligate ad un sofferto sfollamento. Gli Antonelli-Mancini inglesi, che erano andati ad abitare a Roma in Via Tuscolana 42, appena l'aria della capitale divenne insostenibile, si erano spostati nella più tranquilla Ciociaria, ma non nella loro casa indisponibile di Picinisco, bensì a Ripi dalla nipote Olga nel frattempo andata sposa al forestale, poi mio suocero. Dopo varie vicissitudini personali e tragici coinvolgimenti diretti, per le sue precarie condizioni di salute Albino era potuto rientrare dal fronte. E ora si poteva riunire a tutti gli altri a Ripi. Intanto la patria Picinisco, in Valle di Comino, era stata invasa dai tedeschi e così anche la loro casa dove sulla porta della cantina, una profonda grotta scavata nella roccia, davanti alle botti piene avrebbero vergato un'immortale preghiera al vino. Il castello medioevale sarebbe stato a breve bombardato da un impietoso raid aereo americano, l'alta torre circolare sfarinata per castigo. Ma, dopo lo sfondamento alleato a Monte Cassino, i nazisti si convinsero che non era più il caso di resistere stando lì e si ritirarono e nel farlo non tralasciarono di trafugare da casa alcuni quadri, un pianoforte tedesco di marca ed una statua, copia ridotta di quella della libertà di N.Y., che si erigeva in basso all'inizio della scala. Albino, Antonio e anche la loro cugina convivente Olga Mancini avevano potuto frequentare una delle migliori high-school di Londra. I fratelli suonavano meravigliosamente i loro strumenti musicali, accoppiandosi al pianoforte e al violino. Intanto le malvagie e punitive incursioni aeree U.S.A. si mangiavano i castelli ducali e, uno dietro l'altro, i paesi antichi della Valle. Il terrore aveva le forme di un imprevedibile drago di fuoco che pioveva dal cielo. Ma Ripi, no. Ripi sembrava più sicura, fuori da ogni obiettivo. Bisogna avere la giovinezza ma non doverla rimpiangere la volta che ti capita e proprio a maggio, il mese dell'amore e della poesia. Perché gioirebbe altrimenti la natura e si risveglierebbe il sangue nelle vene? Guerra e pace, con la seconda ad incalzare le speranze di guardare avanti. L'ufficiale in congedo, pur appassionato di arte e abbeverato di cultura, sapeva di non essere l'unico ad aspirare a una vita piena di bellezza e di libertà. Le sue note musicali ora gli riempivano la testa frastornandolo e l'animo, l'animo gli appariva più leggero del solito stamattina, così prese per mano il piccolo figlio del forestale Pirri e s'incamminò per la rua.
E percepì subito il rumore, l'aereo si avvicinava, la rombante sordità dei suoi motori non poteva sfuggire all'orecchio esperto di un ufficiale. Ci fu un attimo interminabile, solo un intervallo di pochi istanti, per pensare alla salvezza. Poi le bombe gli esplosero intorno frammentandosi al suolo. Albino, squarciato, non ebbe neanche il tempo di lanciare al cielo la sua maledizione ma il piccolo Leandro di quattro anni si sarebbe salvato. Il sottotenente del 207° Reggimento Fanteria "Taro", 6a Compagnia, era un giovane partito, seppur senza grandi entusiasmi, "col cuore oltre la meta" come gli aveva inculcato la martellante propaganda fascista. Dalle zone di guerra in Albania e Montenegro e ovunque le successive strategie l'avevano portato, aveva scritto solo pensieri di grande sentimento per la patria e di forte attaccamento ai suoi monti della Meta. Mai che avesse fatto trapelare ai familiari le sue emozioni, le sue trepidazioni se non quando, nelle lettere e nella cartoline postali alla madre in attesa nella casa di Roma, forse in cerca di protezione, si era concesso ad accorate suppliche alla Madonna di Pompei di cui era molto devoto. © - Sergio Andreatta, Riproduzione riservata per testo e foto dell'Archivio familiare.

di: Sergio Andreatta


Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,Picinisco: Arandora Star, la cattiva memoria. 2.07.1940, ore 6,58: un grave misfatto, più che solo un increscioso incidente, di W. Churchill.
letture: 2160
22 luglio 2019 di Sergio Andreatta
Dom Edmer abate di PiciniscoPicinisco: La benedizione delle case, emigrazione da un rito. Come accetta questo rito una società multietnica, multireligiosa e diffusamente laicizzata?
letture: 2154
03 aprile 2016 di Sergio Andreatta
Orso marsicano (Corpo Forestale)Picinisco: Picinisco, tutti pazzi per l'orso Lorenzo di Sergio Andreatta da www.andreatta.it (anche per le foto). Poco prima di mezzanotte scende in paese un orso bruno marsicano.
letture: 5420
17 agosto 2013 di Sergio Andreatta
I Ciacca di PiciniscoPicinisco: Quando le pietre di un piccolo mondo antico tornano a parlare A I Ciacca, antico borgo rurale di Picinisco, rinasce una barbatella di speranza.
letture: 3587
13 agosto 2013 di Sergio Andreatta
Picinisco, Cascata sul fiume MelfaPicinisco: Spettacolo Melfa Tra balzi e cascatelle spettacolari i giochi d'acqua del fiume Melfa nel territorio di Picinisco.
letture: 4372
10 luglio 2013 di Sergio Andreatta
Madonna Pastora da www.andreatta.itPicinisco: E nel clou del Pastorizia in Festival,appare a Picinisco la Madonna Pastora La Madonna Pastora ritorna alla luce dopo così tanto inspiegabile oblio (da: www.andreatta.it)
letture: 4481
16 agosto 2011 di Sergio Andreatta
Aurelio Picca (sx), M.R. Valentini (dx), scrittori al II Festival delle Storie - PiciniscoPicinisco: "Antonia" l'ultimo romanzo di Maria Rosaria Valentini II Festival delle Storie della Val di Comino, da www.andreatta.it
letture: 3861
08 agosto 2011 di Sergio Andreatta
regione lazioPicinisco: La Regione Lazio non rispetta la cultura popolare della Valle di Comino Duro Comunicato Stampa dell'ing. Giancarlo Ferrera: penalizzata la tradizione, il turismo e l'economia estiva della Valle.
letture: 2965
04 luglio 2011 di Sergio Andreatta
Religiosità di Luigi GiannettiPicinisco: RELIGIOSITA', un libro di fotografia di Luigi Giannetti Quando il più profondo legame comunitario, il sentimento religioso di un paese, Picinisco, diventa un'opera d'arte.
letture: 5752
08 agosto 2009 di Sergio Andreatta
Picinisco 2009, Il sentiero della ragazza perdutaPicinisco: Picinisco. Il sentiero della ragazza perduta Per ritrovarsi bisogna prima un po' perdersi...
letture: 5033
04 agosto 2009 di Sergio Andreatta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Latina, Monumento a Eunice Kennedy
Monumento a Latina per Eunice Kennedy
letture: 133
15 dicembre 2019
L'Ambasciatrice indiana a Roma e il Sindaco Damiano Coletta
La Comunità Sikh dona 550 piante a Latina
letture: 179
15 dicembre 2019
Roma, partecipata mobilitazione dei D.S.
Dirigenti scolastici in agitazione per la sicurezza delle scuole
letture: 2745
08 novembre 2019
Come il Daily riferisce il tragico fatto sminuendolo,
Arandora Star, la cattiva memoria.
letture: 2160
22 luglio 2019
Convegno Missionario Diocesano a Latina
Convegno Missionario Diocesano 2018 a Latina
letture: 1746
01 dicembre 2018
Latina, Ritratto di Città (copertina)
Fabio Benvenuti, LATINA, Ritratto di Città
letture: 1480
27 novembre 2018
Il teologo luterano  prof. Martin Wallraff
"Protestantesimo e cultura italiana"a 500 anni (1517/2017) dalla Riforma di Martin Lutero
letture: 2226
15 dicembre 2017
Giorgio_Bozza, Camminare nella propria anima
Giorgio Bozza, Camminare nella propria anima
letture: 2285
11 dicembre 2017
Il reparto del tenente Albino Antonelli sul fronte greco-albanese.
Entri dal cancello con l'istinto della fuga...
letture: 1779
12 ottobre 2017
Samaritana al pozzo, opera di Giorgia-Eloisa Andreatta, 2017
"La Samaritana al pozzo", iconografia di Giorgia-Eloisa Andreatta
letture: 2917
15 marzo 2017