Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 15/06 al 23/06 Itri: IX Torneo internazionale di basket "PASQUALE STRAVATO"
letture: 2385
dal 15/06 al 06/07 Minturno: Torna "Libri sulla sabbia": a Scauri 5 grandi autori (1)
letture: 1584
21/06 Golfo di Gaeta: L'altro sguardo a Itri con Balducci per la giornata mondiale del rifugiato
letture: 783
dal 01/07 al 30/09 Gaeta: FORME, MATERIE E COLORI
letture: 3459
05/07 Gaeta: E' una "Opera seMiseria" ... (4)
letture: 4999
15/07 Formia: Strada del Gusto e dell'Arte 2018
letture: 10996
dal 19/07 al 22/07 Gaeta: Torna il Gaeta Jazz Festival
letture: 384
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.539
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
mercoledì
20
giugno
S. Silverio P.
Compleanno di:
sex gio76
nel 1901: La Canottieri Aniene organizza la prima gara di motonautica sul Tevere. I sovrani assistono da un barcone e premiano i vincitori.
nel 1969: Il chitarrista Jimi Hendrix riceve il più alto assegno mai pagato per una singola apparizione in un concerto. L'evento è il Jazz Festival di Newport per il quale gli organizzatori hanno versato ad Hendrix 125.000 dollari.
dw

Home » News » Webzine » San Giuseppe, patrono della Ch...
mercoledì 15 marzo 2017
San Giuseppe, patrono della Chiesa. I suoi soccorsi, i suoi rimedi potentissimi (2'parte)
letture: 1040
Scapolare San Giuseppe
Scapolare San Giuseppe
Webzine: L'autorità di San Giuseppe su Gesù è frutto della volontà divina e ci incita a porci sotto la Sua amorevole protezione : non facciamo altro, per questo mezzo, che imitare Cristo.
img


"A Gesù comando io."

(San Giuseppe a Suor Consolata Betrone)




In questo 2017, anniversario delle apparizioni di Nostra Signora a Fatima (1917), l'azione malvagia delle massonerie di ispirazione luciferina sembra aver raggiunto un livello ragguardevole di intensità e di efficacia. L'apostasia delle gerarchie ecclesiali si è, infine, resa perfettamente evidente dopo anni di 'tentennamenti'. La generazione attuale, per i 'valori' a cui si ispira e per le convinzioni che propaga sempre più attraverso i media, può dirsi pienamente perversa. Ebbene, nonostante tutto questo, Dio continua ancora a tendere la mano al mondo. Questo santo tempo quaresimale ce lo dimostra. Esso inizia sotto i migliori auspici in corrispondenza del mese di Marzo, mese di San Giuseppe. Come abbiamo visto nelle pubblicazioni precedenti, il glorioso Patriarca è patrono universale della Chiesa (proclamato tale da Pio IX l'8 dicembre 1870) e grande amico dell'anime alle quali assicura teneramente il Suo patrocinio senza limiti presso Dio, che lo trovo così degno da affidargli le persone di Gesù e Maria. Oltre al 'Sacro Manto' di cui abbiamo già parlato, vorremmo parlarvi anche dello Scapolare di San Giuseppe, confezionato dalle Clarisse di Morgon. Ma prima di questo, memori delle parole di Santa Teresa d'Avila, vorremmo riportare un tenerissimo (e assai giocondo!) episodio in cui la grandezza di San Giuseppe si manifesta in tutta evidenza e semplicità


Rammentiamo prima le esortazioni di Santa Teresa d'Avila


Chiedo solo per amore di Dio che chi non mi crede ne faccia la prova, e vedrà per esperienza come sia vantaggioso raccomandarsi a questo glorioso Patriarca ed essergli devoti. Gli devono essere affezionate specialmente le persone di orazione, perché non so come si possa pensare alla Regina degli Angeli e al molto che ha sofferto col Bambino Gesù, senza ringraziare S. Giuseppe che fu loro di tanto aiuto.
Chi non avesse maestro da cui imparare a far orazione, prenda per guida questo Santo glorioso, e non sbaglierà.



Secondo la Madre, la devozione a San Giuseppe è, dunque, un soccorso infallibile per i bisogni spirituali e materiali. L'episodio di cui fu protagonista Suor Consolata Betrone ne è un esempio.


Maria Consolata Betrone, al secolo Pierina Betrone (1903-1946), è stata una religiosa italiana, clarissa cappuccina.


Nata da una numerosa e modesta famiglia, con questa si trasferisce nel 1917 a Torino dove, il 17 aprile 1929 entra in convento nel monastero delle Clarisse Cappuccine. Durante la sua vita monastisca svolge i lavori più umili (cuoca, portinaia e ciabattina) e, una volta trasferita a Moncalieri, ricopre anche incarichi di maggiore responsabilità (infermiera e segretaria). Si dedica anche alla conversione dei «peccatori», che chiamava «moribondi induriti dal rifiuto dei sacramenti»; la serva di Dio è nota soprattutto per il suo 'Atto d'amore continuo' ispiratole da un'apparizione del Sacro Cuore : "Gesù, Maria, vi amo, salvate anime". Suor Consolata occupò tutta la sua vita nell'interiorizzarlo e farne un reale strumento di preghiera mediante il quale, come Nostro Signore le aveva promesso, molte anime si sarebbero salvate, in terra e in Purgatorio. Suor Consolata godeva anche di una grande confidenza con San Giuseppe. Ella racconta nel suo diario (Suor Maria Consolata Betrone, Ed. Monastero Clarisse Capuccine, Testona (Torino), 1998, p. 53.)


"Il 20 marzo del 1935 Franca [sorella di Consolata, ndt] mi scrisse una lettera nella quale mi annunciava la malattia di mio padre e la sua angoscia. La Madre Priora mi ripeteva, certe volte, che dovevo pregare per mio papà. La mattina del 17 aprile, alla comunione, io offrii il mio papà a Gesù perché, se era la sua volontà, lo portasse con sé prima della fine dell'anno. Quello stesso giorno egli morì. Io stavo facendo la fila per confessarmi e pregavo il rosario, ignorando la sua morte. La Priora non volle darmi la notizia fino al pomeriggio. Perché Gesù non mi aveva informata della morte di mio padre? Allora glielo chiesi:


«Gesù, dov'è mio papà?»

«È in purgatorio, Consolata.»

«Liberalo, te ne supplico.»

«Lo libererò sabato mattina.»

«Fino a sabato?»



Il pomeriggio del giovedì santo udii la voce angosciata di mio papà che mi diceva in dialetto: «Soffro tanto!» E Gesù era inesorabile: «No, no, fino a sabato non lo posso liberare». Allora mi affidai a san Giuseppe, scegliendolo come padre. Ed egli mi apparve con la Vergine dicendomi: «Consolata, cos'hai? Sei triste?»


«San Giuseppe, mio padre è in purgatorio e Gesù non vuole liberarlo fino a sabato mattina.»

«Non ti preoccupare, lo libererà domani, Venerdì Santo.»


«Ma Gesù non vuole, glielo ho chiesto tanto...»

«Oh, comando io Gesù e domani libererà tuo padre.»


Il Venerdì Santo, durante la funzione liturgica, mi appare mio papà, appena uscito dal purgatorio. La visione di mio papà non la dimenticherò mai. Il suo volto lasciava capire che aveva sofferto ma aveva una pace profonda. Mi parlò in dialetto e mi spiegò che se ne andava in paradiso e che là avrebbe pregato per me e per tutta la nostra famiglia."


Una ragione in più, allora, per porci sotto la tutela di San Giuseppe! Attraverso questo episodio, capiamo che Egli esercita in Cielo quella che fu in terra la sua autorità paterna.


Tra le più insigni e meritevoli devozioni vi è lo scapolare. Sappiamo che gli scapolari sono dei sacramentali che ci assicurano (quando ad essi corrisponde da parte nostra una vita cristiana arricchita dai Sacramenti in spirito di penitenza, preghiera, adorazione e riparazione) grandi grazie e, soprattutto, la perseveranza finale. Essi rappresentano nell'economia dell'azione divina un pegno d'amore del Cielo col quale rivestirci, rammentandoci nella quotidianità a Chi apparteniamo e Chi vogliamo e dobbiamo amare.


Questa devozione deve la sua orgine a Madre Maria di Gesù, terziaria regolare delle francesca dell'Immacolata Concezione di Lons-Le-Saunier, e superiora, la quale fu aiutata nella sua opera da un religioso di veneranda memoria, il padre Pierre-Baptiste, cappuccino. Grande devota di San Giuseppe, Madre Marie ebbe l'intuizione e l'ispirazione di creare, sul modello dei numerosi scapolari cattolici e in particolare quello di Nostra Signora del Monte Carmelo, uno scapolare dedicato a San Giuseppe in ringraziamento dei tanti benefici e grazie ricevuti. Lo scapolare fu, così, approvato il 23 gennaio 1893 (festa dello sposalizio della Vergine e di san Giuseppe) da papa Leone XIII, che ne affidò la diffusione ai Frati Minori Cappuccini. Attualmente la fiaccola dello scapolare è stata trasmessa alle Clarisse di Villié-Morgon, religiose di grande austerità e serafica letizia, sul modello del loro santo fondatore Francesco, che ne diffondo la devozione in tutto il mondo (si veda in basso per i recapiti)


Descrizione dello scapolare e rituale di imposizione


Lo scapolare di San Giuseppe consta di due rettangoli uniti da due cordicine bianche. I colori rimandano ad una simbologia propria : il bianco è un riferimento alla perfetta castità di san Giuseppe, mentre il viola (retro dello scapolare) e il giallo rappresentano rispettivamente l'umiltà - e la modestia- , e la santità e la giustizia del guardiano di Gesù. I rettangoli sono anche abbelliti da due immagini che riassumono il ruolo celeste di San Giuseppe : sul lato anteriore l'immagine del padre putativo di Gesù recante un giglio con la scritta "Sancte Joseph, Protector Ecclesiae, ora pro nobis" (San Giuseppe, Protettore della Chiesa, prega per noi!"), sul lato posteriore la colomba che sovrasta la Tiara papale, la Croce e le chiavi petrine con i basso la scritta "Spiritus Domini, ductor ejus" ("Egli è condotto dallo Spirito del Signore"). Quest'ultimo riferimento ricorda il patrocinio di San Giuseppe sulla Chiesa Universale : come Egli protesse, sotto il Suo manto e il Suo tetto, il Divino Maestro e la Sua Santa Madre, così si protrae la Sua azione benefica verso la Chiesa militante in terra.


Tre sono le principali ragioni d'essere dello scapolare :

. San Giuseppe ci procura i soccorsi necessari nelle lotte quotidiane esortandoci a seguire le sue virtù che sono : l'umiltà, la castità e la giustizia.

. Per invocare la Sua protezione sulla Chiesa, unica mediatrice delle grazie divine

. Per impetrare il Suo soccorso nell'ora dell'agonia, essendo Egli patrono della buona morte.


Per ottenere le grazie legate a questa devozione, lo scapolare dovrà essere imposto da un sacerdote secondo il rituale annesso. Lo scapolare va ovviamente portato giorno e notte (salvo necessità di ordine pratico) e, possibilmente, accompagnato dalla pia invocazione "San Giuseppe, nostro protettore, pregate per noi!"


Coloro che sono già stati investiti di un altro scapolare possono portare quest'ultimo a condizione di non cucirli in modo che non ne formino uno solo (per mantenerne i singoli privilegi). Per motivi di praticità è, però, possibile legare o cucire le estremità dei cordoncini, lasciando i rettangoli di tessuto liberi. In caso di grave necessità (permanenza in ospedale, lavoro etc...da sottoporre al vaglio di un sacerdote) lo scapolare può essere sostituito con una medaglina benedetta di San Giuseppe.


Di tutto cuore vi auguriamo un santo mese di Marzo e un santo inizio di Quaresima : che sia un tempo di santa lotta spirituale sotto il patrocinio di San Giuseppe, il quale assicuri tanta pace e serenità a voi, alle vostre famiglie, ai vostri cari, alla Santa Chiesa e al mondo intero!


E per i più scettici ripetiamo le parole di Santa Teresa : "Fate la prova!!!"


Per richiedere lo Scapolare: in assenza di rivenditori che lo forniscano (come ad esempio i priorati FSSPX), bisogna scrivere alle Clarisse di Morgon che vi invieranno anche il rituale di imposizione. L'offerta per ogni scapolare è di due euro. È possibile anche richiedere il libretto (in francese) sulla storia dello scapolare e sulla devozione a San Giuseppe (costo 6 euro) : Le Scapulaire de Saint Joseph, préface de l'abbé Régis de Cacqueray, Versailles, Via Romana, 2013.


È sufficiente (se non si conosce la lingua francese) inviare un bigliettino con scritto "Ma révérende Mère Prieure, mes chères sœurs, je vous prie par la présente de m'envoyer 1 (2) scapulaire(s) de Saint Joseph et une copie de votre livret sur cette dévotion. En vous remerciant de votre charité, je vous prie d'agréer l'expression de mon respectueux souvenir"


Indirizzo (le suore non hanno né telefono, né mail) : Monastère de Sainte Claire Morgon, 69910, Villié-Morgon, FRANCE.



img

[Radio Spada]

postato da: sweda  


Prof. C. Di Micco-Dott.ssa E. Bozzella-Dir. Scol. R. MontiScuola e società: Alternanza Scuola-Lavoro al Filangieri Cerimonia conclusiva di Fine Anno
letture: 1040
11 giugno 2018 di ElioRusso
Mjriam Masciandaro dagli studi Formia tvMusica e dintorni: Pillole di counseling" senza controindicazioni...! Rubrica ideata e condotta da Mjriam Masciandaro
letture: 2272
20 maggio 2018 di fabcol
 Webzine: La RAI, Youtube e la censura Tutto inizia e finisce con una E-mail.
letture: 2105
20 maggio 2018 di CONTROMAFIE
Alcune delle produzioni discografiche di Paolo Del Prete uscite nel 2018 (dallo Store internazionale iTunes)Musica e dintorni: Paolo Del Prete: Il Segreto. Estratti da intervista radiofonica.
letture: 2582
02 maggio 2018 di ladjlady
M.MMusica e dintorni: "Le pillole di saggezza"a Radio 1 New York! Nuovo programma per la speaker, mediatrice Mjriam Masciandaro!
letture: 1565
27 aprile 2018 di fabcol
 Webzine: Immigrazione/emigrazione. Dimmi dove vai, ti dirò chi sei. Rendiconto analitico del dr Antonio Giangrande.
letture: 1994
02 aprile 2018 di CONTROMAFIE
Storia del territorio: Morte di Cicerone ad opera dei sicari di Marco Antonio nei pressi di Monte di Conca a Gaeta. Recensione di un opuscolo di Erasmo Valente.
letture: 3161
18 marzo 2018 di Agostino Di Mille
M.MMusica e dintorni: Gli eventi di Illuminiamoci di musica...! Su Radio1 N.Y e su Rcs!
letture: 1803
13 marzo 2018 di fabcol
M.MMusica e dintorni: Illuminiamoci di neve! Gli appuntamenti con il programma di Mjriam Masciandaro ed il concorso vota la foto innevata.
letture: 1466
04 marzo 2018 di fabcol
M.MMusica e dintorni: Illuminiamoci di Mjriam! Ogni mercoledì!
letture: 1213
22 gennaio 2018 di fabcol








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Un genocidio silenzioso
The Lancet: nel mondo 56 milioni di aborti ogni anno
letture: 1660
16 dicembre 2017
Chi non è stato tentato che cosa sa?
Una cosa è essere indotto in tentazione e un'altra essere tentati
letture: 1677
16 dicembre 2017
Fedeli alla Vera Dottrina
Fedeli alla dottrina non ai pastori che sbagliano. Decine di associazioni pro-vita si schierano
letture: 1276
12 dicembre 2017
San Tommaso ci spiega il "non ci indurre in tentazione"
letture: 1309
11 dicembre 2017
«Per il suo superiore, Bergoglio non era adatto a fare il vescovo» (5)
letture: 1531
11 dicembre 2017
Il Padre celeste non poteva fare per la nuova Eva meno di quanto aveva fatto per l'antica.
8 Dicembre Immacolata Concezione della Santa Vergine Maria
letture: 1304
08 dicembre 2017
Il diavolo ha trovato la strada giusta.
Cristo si è fermato a Vienna?
letture: 1178
07 dicembre 2017
.
Papa Francesco corregge Gesù: vuole cambiare il Pater Noster!
letture: 1291
06 dicembre 2017
Dio non lascia cadere l'uomo, ma permette che venga messo alla prova.
"Non ci indurre in tentazione" Papa Benedetto lo spiegò 10 anni fa.
letture: 1496
06 dicembre 2017
Non gli basta Lutero..
Perché mai Bergoglio in Myanmar, se non in missione "Americana"?
letture: 1357
01 dicembre 2017