Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 26/02 al 01/11 Sermoneta: Giardino di Ninfa, via alle prenotazioni online
letture: 13726
dal 01/05 al 31/05 Golfo di Gaeta: Il Maggio dei Libri
letture: 6800
dal 23/05 al 01/11 Cisterna: Il giardino di Ninfa riapre con nuove regole e un nuovo calendario
letture: 4743
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.623
visitatori:342
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
lunedì
06
luglio
S. Maria Goretti
Compleanno di:
sex aleabateruss...
sex miriam75
sex Supermarco
nel 1885: Louis Pasteur esegue la prima iniezione antirabbica, ad un ragazzo morso da un cane infetto
nel 1952: Per la prima volta una tappa del Tour de France si conclude in Italia,al Sestriere. A 72 km dal traguardo Fausto Coppi vola via. Lo spagnolo Ruiz arriva secondo 7' dopo il Campionissimo.
dw

Home » News » Webzine » Spazio Aperto » Bufala papale - Il Papa scrive...
venerdì 28 agosto 2015
Bufala papale - Il Papa scrive all'autrice dei libri gender: "Vai avanti". Il Vaticano smentisce
Sala stampa vaticana: «Nessun incoraggiamento di papa Francesco su libri gender»
letture: 1851
Papa Francesco ancora una volta strumentalizzato da lobby mistificatrici e deliranti
Papa Francesco ancora una volta strumentalizzato da lobby mistificatrici e deliranti
Spazio Aperto: Ormai non passa giorno in cui la macchina della propaganda Lgbt non si inventi un "nemico" da abbattere nel segno dell'anti omofobia e una storiella da bulli del mainstream per saturare l'aria del solito messaggio intollerante, esibizionista e aggressivo.
Ma questa mattina, 28 agosto, vigilia dell'ultimo week-end vacanziero, la macchina ha puntato al bersaglio grosso e ha indotto il Corriere della Sera (versione online) a un titolo da bufala dell'anno: «Papa Francesco scrive all'autrice dei libri gender. "Vai avanti"».
Non si tarda a capire che la notizia ha il sapore dell'imboscata: serve a colpire il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, colpevole di avere le sue idee sul gay pride ("carnevale") e, soprattutto, di non aver accettato di confermare la linea della precedente amministrazione di sinistra che aveva imposto nella città lagunare la "letteratura" gender nelle scuole per l'infanzia.
Ecco allora la presunta notizia bomba: una delle autrici di Piccolo uovo, improbabile apologo di una coppia di pinguini gay che adottano un pinguinetto rimasto orfano, dice di aver ricevuto dal Papa una missiva in cui la signorina autrice della favoletta Lgbt ci ha visto un incoraggiamento alla diffusione dell'ideologia gender.
Scrive infatti il Corriere.it: «Il Papa, in una lettera firmata per suo conto da monsignor Peter B. Wells, a Pardi ha detto: "Auspico che tu vada avanti". Particolare toccante, "alla vista della lettera, la scrittrice, che con la sua compagna Maria Silvia Fiengo ha fondato la casa editrice per l'infanzia Lo Stampatello, si è sorpresa ed emozionata per le parole del Papa. "Mi ha auspicato ad andare avanti e mi ha impartito la benedizione" ».
La comunicazione allineata del corriere.it prosegue con una virata verso la sponda del sindaco di Venezia («L'augurio del Papa non farà probabilmente cambiare idea a Brugnaro») e si conclude con la citazione dell'orchestra internazionale solidale con gli insulti che Elton John rivolse qualche settimana orsono all'indirizzo del sindaco "bifolco" e "ignorante".
Insomma, il solito film dell'imbeccata confezionata per lo scaldaletto di giornata. Peccato che dalla sala stampa vaticana venga una secca smentita alla signorina Pardi&C da parte di padre Ciro, numero due di padre Federico Lombardi, che così dice a tempi.it: «Come è noto, non è affatto singolare e, anzi, è di prammatica che la segreteria di Stato risponda alle missive inviate al Papa. È un adempimento di routine, ma è da escludere che nel cortese invito ad "andare avanti" ci sia un incoraggiamento alla teoria Lgbt. Tra l'altro, nella lettera si invita - testuale - "alla diffusione degli autentici valori umani e cristiani". Aggiungo che il Santo Padre ne ha parlato chiaramente e diffusamente in più occasioni e il suo giudizio, a quanto ci risulta, resta immutato. Cito dal discorso del 15 aprile scorso all'udienza generale in piazza san Pietro: "Per esempio mi domando, se la cosiddetta teoria del gender non sia anche espressione di una frustrazione e di una rassegnazione, che mira a cancellare la differenza sessuale perché non sa più confrontarsi con essa. Sì, rischiamo di fare un passo indietro". E ancora: "La rimozione della differenza è il problema, non la soluzione. Per risolvere i loro problemi di relazione, l'uomo e la donna devono invece parlarsi di più, ascoltarsi di più, conoscersi di più, volersi bene di più. Devono trattarsi con rispetto e cooperare con amicizia. Con queste basi umane, sostenute dalla grazia di Dio, è possibile progettare l'unione matrimoniale e familiare per tutta la vita. Il legame matrimoniale e familiare è una cosa seria, e lo è per tutti, non solo per i credenti". E in conclusione: "Dio ha affidato la terra all'alleanza dell'uomo e della donna: il suo fallimento inaridisce il mondo degli affetti e oscura il cielo della speranza. I segnali sono già preoccupanti, e li vediamo". Ripeto: non è vero niente dell'interpretazione della lettera messa in circolazione. E quanto alla benedizione impartita mi sembra inutile che le ricordi che è data alla persona non a una teoria».
Dopo di che, come direbbe Woody Allen, "Provaci ancora Sam". E raccontatene un'altra Pardi&C.


Fonte: http://www.tempi.it/

_____________________________________


Papa e gender, un altro pasticcio in Vaticano

Andiamo al sodo: se io dovessi scrivere al Papa una lettera in tono educato che inneggia al satanismo oppure che richiama la necessità - sempre in tono educato e rispettoso - di sterminare una parte dell'umanità, magari tramite aborto ed eutanasia, dovrei dunque aspettarmi una risposta dalla Segreteria di Stato, a nome del Papa, che mi augura «una sempre più proficua attività al servizio della diffusione degli autentici valori umani e cristiani»?

Domanda idiota? Eppure è quello che la Santa Sede vorrebbe farci credere, a leggere la nota con cui si chiarifica l'ennesimo pasticcio della comunicazione vaticana. Ieri mattina è infatti rimbalzata sui giornali di tutto il mondo la notizia lanciata dal Corriere della Sera, in cui si annunciava che papa Francesco aveva scritto a Francesca Pardi, fondatrice della casa editrice per bambini Lo Stampatello insieme alla sua compagna Maria Silvia Fiengo. Motivo del clamore? Il fatto che la suddetta casa editrice è specializzata nella pubblicazione di storielle che fanno passare la cultura omosessualista insieme al latte del biberon (Piccolo uovo e Perché hai due papà sono fra i più noti). Guarda caso, alcuni di questi libretti risultano fra quelli vietati nelle scuole comunali di Venezia dal sindaco Brugnaro.

È stata la stessa Pardi a raccontare l'emozione indescrivibile nel ricevere e aprire la lettera arrivata dal Vaticano; figurarsi poi quando ha letto che papa Francesco auspicava per lei «una sempre più proficua attività al servizio delle giovani generazioni e della diffusione degli autentici valori umani e cristiani» e le impartiva una solenne benedizione. A dire il vero la Pardi e il Corriere si sono fatti anche un po' prendere la mano e nel titolo del Corrierone auspici e benedizione diventavano anche un forte incoraggiamento ad «andare avanti» nel suo lavoro. Ma si sa, quando c'è da promuovere una buona causa si può anche gonfiare un po', Repubblica docet. Tanto poi a tornare indietro si fa sempre in tempo, si salva la faccia ma intanto il risultato è ottenuto e nessuno riprende la rettifica. La solita operazione cialtronesca. Che però in questo caso non riuscirebbe se non trovasse un'ottima sponda in Vaticano, e non è certo la prima volta.

In realtà il Papa non ha mai letto la lettera della Pardi né si è sognato di scriverle in prima persona. Semplicemente la lettera - come tantissime altre indirizzate al Santo Padre - si è fermata in Segreteria di Stato dove c'è un apposito ufficio che si incarica di rispondere pazientemente a tutti: la firma è dell'assessore Peter B. Wells, che a nome del Papa, usa a seconda delle lettere una serie di risposte standard (ovviamente sono diverse le persone che vi lavorano e non tutto passa dalle mani di Mons. Wells). Ed è quello che è successo con la Pardi, come ha poi spiegato il comunicato ufficiale della Sala Stampa della Santa Sede (ma solo a mezzogiorno dopo che la notizia aveva già fatto il giro del mondo almeno tre volte). Insomma si tratterebbe di una forma di rituale cortesia strumentalizzata a fini ideologici. Dice infatti il comunicato vaticano:

«In risposta ad una lettera al Santo Padre di Francesca Pardi, dai toni educati e rispettosi, la Segreteria di Stato ha accusato ricezione della medesima con uno stile semplice e pastorale, precisando in seguito che si trattava di una risposta privata e quindi non destinata alla pubblicazione (cosa che purtroppo è avvenuta).
In nessun modo la lettera della Segreteria di Stato intende avallare comportamenti e insegnamenti non consoni al Vangelo, anzi auspica "una sempre più proficua attività al servizio delle giovani generazioni e della diffusione degli autentici valori umani e cristiani". La benedizione del Papa nella chiusa della lettera è alla persona e non a eventuali insegnamenti non in linea con la dottrina della Chiesa sulla teoria del gender, che non è minimamente cambiata, come più volte ha ribadito anche recentemente il Santo Padre. Quindi è del tutto fuori luogo una strumentalizzazione del contenuto della lettera».

Tutto chiarito allora? Eh no, manco per niente. Un fatto del genere è di una gravità tale da non poter non suscitare qualche domanda; senza considerare che è solo l'ultimo (per ora) di una serie di equivoci ed incidenti nella comunicazione che vanno tutti nella stessa direzione.

Chi cerca di minimizzare (si fa per dire) dice che in Segreteria di Stato sfornano queste risposte standard quasi meccanicamente, senza starsi troppo a soffermare su chi e cosa scrive. Il che però non è del tutto vero: anzitutto non tutti quelli che scrivono al Papa ricevono risposta (e tanti cattolici, anche consacrati, se ne lamentano); la stessa Pardi afferma di aver già inviato in precedenza un'altra lettera rimasta senza risposta (incredibile la fede con cui questa donna continua a rivolgersi al Papa). Quindi vuol dire che un qualche meccanismo di selezione esiste. In secondo luogo, il contenuto e il tenore della lettera non poteva passare inosservato. Insieme alla lettera, il cui testo integrale è stato pubblicato dalla Pardi su Facebook, sono arrivati tutti i libri finora stampati dalla casa editrice (una trentina): l'editrice voleva infatti dimostrare al Papa che non c'è in questi testi un tentativo di indottrinamento gender.

Nella lettera, «con toni educati e rispettosi» (ci mancherebbe), la Pardi accusa tanti cattolici (più o meno quelli della manifestazione del 20 giugno) di diffamarla in continuazione, «infangando» il suo lavoro e «aizzando» la gente contro lei e la sua compagna (citandole addirittura per nome negli incontri pubblici). E pensare che loro invece fanno tutto per «amore verso il prossimo», con grande sacrificio, senza aiuti economici da parte di nessuno. Invece «diverse organizzazioni cattoliche si stanno abbassando a comportamenti indegni, deformano la realtà di proposito, proprio loro che dovrebbero mostrare una tempra morale superiore: vorrei tanto che le fermasse». E via di questo passo.

Si può anche essere superficiali e sbrigare il lavoro meccanicamente ma è un po' difficile leggere una lettera del genere (perché anche per trovare le risposte standard adeguate bisogna almeno leggere le lettere) e non sentire un campanellino d'allarme. Una donna accusa delle peggiori cose una buona parte del mondo cattolico, chiede al Papa di fermarle, e la Segreteria di Stato si mostra «grata per il delicato gesto e per i sentimenti che lo hanno suggerito», ringrazia, incoraggia e benedice? Ma quando mai si è vista una cosa del genere?

E a dire il vero non è che la Sala Stampa si sia poi scaldata più di tanto: oltre alla lentezza di riflessi si tratta di una precisazione, il minimo sindacale per chiarire che l'insegnamento della Chiesa sulla teoria del gender non è cambiato, ma non prima di aver giudicato «educata e rispettosa» una lettera infamante per una fetta consistente dell'associazionismo cattolico.

Se il tutto fosse davvero avvenuto per superficialità bisognerebbe dire con molta schiettezza che in quell'ufficio della Segreteria di Stato ci sono degli imbecilli, di cui ci si aspetta l'immediata rimozione per dare almeno un segnale di serietà e rispetto per il Papa, che non può essere esposto a queste figuracce mondiali (al proposito sarebbe interessante sapere se il tutto è avvenuto anche alle spalle di Mons. Wells).

Oppure dobbiamo pensare che accanto a qualche funzionario superficiale ce ne sia anche qualcuno interessato. Del resto di ecclesiastici tesi a promuovere l'agenda gay se ne notano sempre di più, anche ai piani alti del Vaticano. E anche per quel che riguarda la letteratura per bambini non si tratta del primo incidente. I lettori della Bussola più attenti ricorderanno che appena pochi mesi fa aveva creato notevole imbarazzo in Argentina e in Spagna (clicca qui) l'uscita su alcuni quotidiani nazionali di racconti per l'infanzia titolati "Con Francesco vicino a me", sponsorizzata anche da una fondazione creata dall'allora arcivescovo Bergoglio: ebbene furbescamente i curatori dell'opera avevano inserito racconti sul modello di quelli dell'editrice Lo Stampatello, con promozione di tanti tipi di famiglie. Ovviamente tutto era stato fatto all'insaputa del Papa, ma intanto passava l'idea che Bergoglio fosse d'accordo con questi testi.

E anche in questo caso, malgrado le chiarificazioni, quel che resta nell'opinione pubblica è l'idea che Papa Francesco abbia compiuto un ennesimo gesto di rottura. E non sono solo i giornali laici a fare da grancassa. Oltre ai ritardi e alle timidezze della Sala Stampa, non si può non evidenziare che a concedere ulteriore pubblicità alle idee della Pardi sia stato un sito cattolico di informazione come Aleteia (clicca qui), molto legato ad ambienti vaticani. La furba editrice chiarisce a sua volta che il Papa non le ha scritto "Vai avanti", come suggeriva il titolo del Corriere, anzi sicuramente non è cambiato l'insegnamento della Chiesa in materia. Però, «le parole del Papa certificano un cambiamento di tono nel confronto» (e questo va anche nel titolo) e giù a raccontare di quanto sia bella una famiglia omogenitoriale e di come sia giusto e cristiano rispettarla. Cosa che il Papa infatti fa, mica come quelli del 20 giugno, che invece la diffamano. E ovviamente si pubblica il tutto senza distinguo.

Chissà perché vengono alla mente quelle parole scritte in un documento della Congregazione per la Dottrina della Fede (firma: Ratzinger) datato 1 ottobre 1986. Il documento si intitola "Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica sulla cura pastorale delle persone omosessuali", è breve e semplice, e vale la pena rileggerlo tutto. In questa occasione vorrei però richiamare soprattutto i punti 8 e 9, laddove si dice:

«...Oggi un numero sempre più vasto di persone, anche all'interno della Chiesa, esercitano una fortissima pressione per portarla ad accettare la condizione omosessuale, come se non fosse disordinata, e a legittimare gli atti omosessuali. Quelli che, all'interno della comunità di fede, spingono in questa direzione, hanno sovente stretti legami con coloro che agiscono al di fuori di essa. Ora questi gruppi esterni sono mossi da una visione opposta alla verità sulla persona umana, che ci è stata pienamente rivelata nel mistero di Cristo».

E ancora: «Anche all'interno della Chiesa si è formata una tendenza, costituita da gruppi di pressione con diversi nomi e diversa ampiezza, che tenta di accreditarsi quale rappresentante di tutte le persone omosessuali che sono cattoliche. Di fatto i suoi seguaci sono per lo più persone che o ignorano l'insegnamento della Chiesa o cercano in qualche modo di sovvertirlo. Si tenta di raccogliere sotto l'egida del Cattolicesimo persone omosessuali che non hanno alcuna intenzione di abbandonare il loro comportamento omosessuale. Una delle tattiche usate è quella di affermare, con toni di protesta, che qualsiasi critica o riserva nei confronti delle persone omosessuali, delle loro attività e del loro stile di vita, è semplicemente una forma di ingiusta discriminazione.
È pertanto in atto in alcune nazioni un vero e proprio tentativo di manipolare la Chiesa conquistandosi il sostegno, spesso in buona fede, dei suoi pastori, nello sforzo volto a cambiare le norme della legislazione civile».

Più chiaro di così: già trenta anni fa, il cardinale Ratzinger avvertiva che c'è una lobby gay nella Chiesa che in combutta con quelle esterne lavora per sovvertire l'insegnamento cattolico. Forse l'origine dell'incidente di ieri non c'entra con questo ma la sensazione che in questi trent'anni certi lobbysti abbiano fatto una bella carriera ecclesiastica è molto forte.


di Riccardo Cascioli
Fonte: http://www.lanuovabq.it/

postato da: Nuccio  


Famiglia cristiana: La morte di un giornale cattolicoSpazio Aperto: La morte di un giornale cattolico - Se Famiglia Cristiana e padre Spadaro perdono la testa È una vera e propria isteria, alimentata da una concezione del cristianesimo solo orizzontale: la salvezza eterna ha lasciato il posto alla soluzione dei problemi terreni.
letture: 3085
26 luglio 2018 di Nuccio
Il fenomeno sarà visibile almeno fino al 7 novembreSpazio Aperto: Stasera tutti con il naso all'insù: ci sarà il più grande spettacolo di stelle cadenti dell'anno.
letture: 1689
21 ottobre 2017 di marinta
ft BaronioSpazio Aperto: La DIGOS ha scoperto il colpevole (1)
letture: 1617
06 febbraio 2017 di sweda
Sua SantitàSpazio Aperto: " A France'..." A Roma è tornato Pasquino (6)
letture: 1676
04 febbraio 2017 di marinta
Eppur si muove!Spazio Aperto: 7 minuti e 18 manovre per parcheggiare
letture: 1611
03 gennaio 2017 di marinta
maternitàSpazio Aperto: Il Fertility Day e l'Italia che non vuole vedere il proprio futuro. Le solite polemiche di carattere politico accolgono la necessaria iniziativa del Ministero della Sanità.
letture: 1862
02 settembre 2016 di philleas
Molti in giappone sono usciti pazzi. Letteralmente.Spazio Aperto: Pokemon Go può farti guadagnare 15 euro all'ora Catturare i Pokemon non è più soltanto un gioco, ma si potrà guadagnare diventando allenatori professionisti
letture: 1948
28 luglio 2016 di marinta
Uau!Spazio Aperto: Italiani razzisti? "Siete cafoni e volgari", Feltri sbotta in diretta tv e lascia il collegamento
letture: 2049
09 luglio 2016 di marinta
genereSpazio Aperto: Misogini, omofobi, razzisti: come sono gli italiani su Twitter secondo un nuovo studio
letture: 2044
14 giugno 2016 di marinta
Spazio Aperto: Trans per trans ecco "Transspecies" la comunità degli uomini-cane
letture: 2756
04 giugno 2016 di marinta








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Famiglia cristiana: La morte di un giornale cattolico
La morte di un giornale cattolico - Se Famiglia Cristiana e padre Spadaro perdono la testa
letture: 3085
26 luglio 2018
San Giovanni Battista, patrono di Formia
Festeggiamenti di San Giovanni spostati ad agosto per le elezioni comunali
letture: 3539
09 maggio 2018
Palazzo comunale
Riunione di politici del centrodestra ma è un fake: mistero sulla lettera di convocazione
letture: 2253
04 novembre 2017
Papa Clemente VIII - Al Papa venne potata una tazza di caffè caldo. Quando lo sorseggiò, dice la leggenda, disse:
Papa Clemente VIII e il "BATTESIMO" del caffè
letture: 2121
10 ottobre 2017
San Giovanni in processione a Formia
Processioni, chiese in rivolta (10)
letture: 3427
06 ottobre 2017
Stazione di Minturno,
I Comuni del sud pontino si coalizzano contro i nuovi orari (2)
letture: 2625
25 ottobre 2016
Stazione ferroviaria di Minturno
Nuovo orario treni dicembre 2016 linea Roma-Napoli: avviata raccolta firme (11)
letture: 2723
18 ottobre 2016
Giuseppina Norcia e la cappellina del Bambinello di Gallinaro
Il Papa ha scomunicato i fedeli del 'Bambino Gesù di Gallinaro' (7)
letture: 4265
05 giugno 2016
Romolo Del Balzo e Pino Sardelli
Caso Ego Eco: assolti in appello Del Balzo, Sardelli, Violo, Fini e Ruggeri (3)
letture: 3019
10 marzo 2016
Nichi Vendola, lo pseudo
Nichi Vendola, in nome di quale progresso hai tolto quel bambino a sua madre? (4)
letture: 2255
29 febbraio 2016