Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 10435
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 7977
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 2602
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.590
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
22
settembre
S. Maurizio m.
Compleanno di:
sex didlina
sex Donna23
sex GENTILESALVA...
sex giuve
nel 1955: Fa la sua comparsa in Gran Bretagna la televisione commerciale. Può trasmettere al massimo 6 minuti di pubblicità ogni ora, e non può diffondere programmi la domenica mattina.
nel 1991: Sul ghiacciaio Similaun, al confine tra Italia e Austria, viene ritrovato il corpo di un guerriero perfettamento mummificato nel ghiaccio. Sulla base degli oggetti ritrovati con lui, avrebbe 4000 anni fa.
dw

Home » News » Webzine » Politica » Trattativa Stato-mafia, la Cor...
giovedì 25 settembre 2014
Trattativa Stato-mafia, la Corte: "Napolitano deve testimoniare in aula"
Il Capo dello Stato chiamato a deporre per decisione del presidente della Corte d'Assise di Palermo che celebra il processo. "Non si può escludere un testimone perché afferma di non essere informato".
letture: 3495
Giorgio Napolitano
Giorgio Napolitano
Politica: Giorgio Napolitano testimonierà al processo sulla Trattativa tra pezzi dello Stato a Cosa Nostra, ma verrà ascoltato al Quirinale, senza l'accesso del pubblico e senza la presenza degli imputati, rappresentati dai loro legali. Lo ha deciso Alfredo Montalto, presidente della Corte d'Assise che, nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo, sta processando boss mafiosi, politici e alti ufficiali dei carabinieri per il patto segreto che portò Cosa Nostra a sedere allo stesso tavolo delle istituzioni lungo il biennio al tritolo che sconquassò il Paese tra il 1992 e il 1994.

"In assenza di norme specifiche, ci atteniamo a quanto dettato dettato dall'articolo 502 del codice di procedura penale", ha detto Montalto emanando l'ordinanza che ammette la testimonianza del capo dello Stato: Napolitano dunque verrà ascoltato al Quirinale, alla sola presenza dei legali, senza la presenza degli imputati e senza l'accesso del pubblico. Sarà sempre il Colle a comunicare alla Corte d'Assise le date utili per fissare il giorno della deposizione del presidente della Repubblica. A chiedere di citazione come teste di Napolitano era stata la procura di Palermo, che l'aveva ottenuta già il 17 ottobre del 2013.

La tesi dei giudici, fissata nell'ordinanza della Corte d'assise, è che non si può escludere il diritto delle parti di chiamare un testimone su fatti rilevanti per il processo solo perché il testimone ha escluso di essere informato sui fatti stessi, come ha fatto appunto Napolitano: "La superfluità o irrilevanza di una prova testimoniale - scrivono i magistrati - deve essere valutata dal giudice esclusivamente in relazione ai fatti oggetto dell'articolato e alla sua riferibilità al teste indicato e non già in relazione a o in previsione di ciò che il teste medesimo può sapere o non sapere". Alcuni legali avevano infatti preso spunto dalla lettera con cui Napolitano ha fatto sapere ai giudici di non essere a conoscenza di elementi utili al processo per chiedere alla corte di ripensarci e non ascoltare il presidente della Repubblica.

Ma la richiesta non è stata accolta: "Infatti - sui legge nell'ordinanza - non si può di certo escludere il diritto di ciascuna parte di chiamare e interrogare un testimone su fatti rilevanti per il processo solo perché quel testimone abbia, in ipotesi anche e persino, in una precedente deposizione testimoniale, escluso di essere informato dei fatti medesimi. E ciò quantomeno al fine di consentire alla parte richiedente di acquisire nel contraddittorio e nelle forme previste, prescritte per il processo, quel contenuto dichiarativo che, seppure negativo, riguardo alla conoscenza di determinati fatti, potrebbe tuttavia assumere una valenza non necessariamente neutra nel contesto delle altre acquisizioni probatorie e della loro valutazione interpretativa". Non c'è dubbio, secondo i giudici, che la testimonianza del capo dello Stato sia "oltre che ammissibile, "né superflua né irrilevante.

L'oggetto principale della testimonianza del capo dello Stato è rappresentato dalla missiva che Loris D'Ambrosio scrive a Napolitano il 18 giugno del 2012, poco dopo la chiusura dell'indagine sulla Trattativa: in quella lettera il consulente giuridico del Quirinale confessa al Presidente il suo timore per essere stato "utile scriba di indicibili accordi" tra la fine degli anni '80 e i primi anni '90, quando era in servizio all'Alto Commissariato Antimafia. Sempre in quei giorni vengono depositate le intercettazioni tra D'Ambrosio e Nicola Mancino, oggi imputato di falsa testimonianza. E Napolitano dovrà essere sentito anche sulla lettera inviata nell'aprile 2012 all'allora procuratore generale della Cassazione Vitaliano Esposito in cui si esponevano le lamentele dell'ex presidente del Senato.

Dopo l'ordinanza della Corte d'Assise di Palermo che ammetteva la testimonianza del capo dello Stato, dal Quirinale era giunta una lettera in cui Napolitano riferiva ai giudici di non avere "da riferire alcuna conoscenza utile al processo". "Sottopongo queste precisazioni alla sua attenzione - scriveva Napolitano a Montalto il 31 ottobre 2013 - affinché la Corte possa valutare nel corso del dibattimento, a norma dell'art. 495, co.4, c.p.p., il reale contributo che le mie dichiarazioni, sulle circostanze in relazione alle quali è stata ammessa la testimonianza, potrebbero effettivamente arrecare all'accertamento processuale in corso".

Dopo la lettera del Colle sia l'Avvocatura dello Stato sia la difesa dell'ex senatore Marcello Dell'Utri (oggi condannato definitivamente per concorso esterno a Cosa Nostra) avevano chiesto alla corte di cancellare la testimonianza di Napolitano: i giudici avevano scelto di riservarsi nell'udienza del 28 ottobre 2013. Oggi, dopo quasi un anno, la riserva è stata sciolta: nonostante la lettera in cui diceva di non avere "da riferire alcuna conoscenza utile al processo", Napolitano salirà comunque sul banco dei testimoni, seppur senza pubblico e alla sola presenza degli avvocati degli imputati, in una sala del Quirinale.

La decisione della corte d'assise di Palermo arriva alla fine di un'udienza in cui l'ex presidente del consiglio Ciriaco De Mita è stato ascoltato come teste. I pm hanno chiesto all'ex premier ragguagli sulla sostituzione di Vincenzo Scotti con Nicola Mancino alla guida del ministero degli Interni nel giugno 1992, proprio tra la strage di Capaci e quella di Via D'Amelio. De Mita, che ha 86 anni ed è attualmente sindaco di Nusco, ha però collocato l'attentato che uccise Paolo Borsellino addirittura nel 1993. "Ricorda quando avvenne la strage di via D'Amelio?", ha chiesto il pm Nino Di Matteo. "Mi pare un anno dopo quella di Falcone" ha risposto De Mita che all'epoca era presidente della Democrazia Cristiana. In realtà le due stragi sono separate da soli 57 giorni. Nonostante i suoi 86 anni, De Mita ha però ricordato molto lucidamente diversi aneddoti degli anni Novanta, dalla sostituzione di Vincenzo Scotti con Nicola Mancino al Viminale, all'incontro con Giovanni Falcone dopo l'omicidio di Salvo Lima.

(di Giuseppe Pipitone) Il Fatto Quotidiano


Riforma giustizia, il presidente Napolitano: "Non più rinviabile"
"Al Parlamento è affidato l'impegno di restituire efficienza ad una macchina giudiziaria lenta e caotica, il cui funzionamento è largamente insoddisfacente" dice il capo dello Stato alla cerimonia di commiato del Csm uscente

img

Ci sono ormai "nuove ragioni di attualità e non rinviabilità dei problemi di riforma della giustizia". Il presidente Giorgio Napolitano, nel giorno in cui il Tribunale di Palermo fa sapere che dovrà testimoniare al processo sulla Trattativa, ritorna a chiedere alla politica l'impegno di portare avanti il progetto di riforma del sistema giudiziario, fermo allo stato ai dieci punti del governo Renzi. E lo fa davanti al Csm, alla cerimonia di commiato del Consiglio superiore della magistratura, per cui il Parlamento ha fatto fatica a eleggere i membri laici.

È la spiegazione del Quirinale che però sorprende: "Questo è ormai un nodo essenziale da sciogliere per ridare competitività all'economia. Al Parlamento è affidato l'impegno di restituire efficienza ad una macchina giudiziaria lenta e caotica, il cui funzionamento è largamente insoddisfacente. Le esigenze di corretto, lineare, spedito funzionamento del sistema giudiziario sono apparse e - prosegue - appaiano vitali al fine di dare le certezze e le garanzie di cui ha indispensabile bisogno lo sviluppo dell'attività economica e dell'occupazione, lo sviluppo di iniziative e progetti di investimento da parte di operatori pubblici e privati, italiani e stranieri. Questo - rimarca - è ormai un nodo essenziale da sciogliere per ridare dinamismo e competitività all'economia italiana".

"Il Csm, nella sua componente togata, non è un assemblaggio di correnti". Per cui sono dannosi "estenuanti, impropri negoziati nella ricerca di compromessi e malsani bilanciamenti tra correnti" prosegue il Quirinale ricordano il pantano in cui si è ritrovato il Parlamento prima di riuscire a eleggere i componenti laici.

Il Fatto Quotidiano

postato da: SteveRogers  


PoltronistaPolitica: I trasformisti della poltrona Dai tronisti ai poltronisti
letture: 1815
28 agosto 2019 di mario2010
Virginia RaggiPolitica: Raggi indagata per lo stadio dopo la denuncia di un ex grillino: abuso d'ufficio La Raggi indagata per la questione stadio da un ex esponente grillino e abuso d'ufficio.
letture: 1731
22 aprile 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Dalle infrastrutture ai migranti: i nodi che dividono il governo Tav, legittima difesa, Venezuela e immigrazione, ma anche droghe leggere e sport: il governo gialloverde è in stallo
letture: 2598
17 febbraio 2019 di Emiliano Ziroli
Di MaioPolitica: Lega-M5S, settimana di tensioni Di Maio: dall'alleato mi aspetto lealtà Il vicepremier e leader 5 Stelle con Di Battista missione a Strasburgo. Salvini sul referendum: senza intese sceglie il popolo
letture: 2819
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
cesare battistiPolitica: Battisti in volo per l'Italia. Salvini: "Io sarò in aeroporto" L'aereo dei servizi è decollato dalla Bolivia. Arriverà a Roma domani alle 12:30. Il ministro: "Orgoglioso e commosso"
letture: 2803
14 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Quota 100 e reddito di cittadinanza. I decreti slittano di una settimana Erano attesi per oggi ma la Ragioneria generale dello Stato sta ancora esaminando i provvedimenti. La nuova data utile sarebbe venerdì della prossima settimana.
letture: 2991
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
SalviniPolitica: Salvini: "Da Conte nessuno sgarbo". Ma adesso tira aria di crisi Fonti leghiste lanciano l'allarme: rottura prima delle Europee: "Come si fa ad andare avanti? Tav sì, tav no, migranti sì, migranti no"
letture: 2989
10 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
sindaciPolitica: Fanno i solidali con le nostre tasse Chi si oppone al dl Sicurezza dovrebbe spiegare con quali soldi pensa di pagare i costi del "nobile atto" umanitario
letture: 2221
05 gennaio 2019 di Emiliano Ziroli
.Politica: Ecco le misure più importanti della manovra 2019 Nel testo della manovra, alcune importanti novità come il raddoppio Ires per gli enti no profit, il taglio degli aumenti alle pensioni. Novità anche per le famiglie e per gli stabilimenti balneari
letture: 2066
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli
InpsPolitica: Stangata una pensione su tre. I tagli assegno per assegno Dal 2019 scattano le penalizzazioni su tutti gli assegni che superano i 2000 euro lordi. C'è chi perde fino a 1000 euro.
letture: 1830
31 dicembre 2018 di Emiliano Ziroli








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
Polizia
Retata al tribunale: arrestati magistrato, cancelliere, sottufficiale Gdf, tre commercialisti (1)
letture: 3110
20 marzo 2015
Luis Miguel Chiasso, il carabiniere trovato morto in caserma a Roma
Carabiniere si spara in caserma: «Lavoro per i Servizi. Vogliono chiudermi la bocca»
letture: 4467
26 novembre 2014
Massoneria, libro shock del gran maestro Magaldi
Massoneria, libro shock del gran maestro Magaldi: "Ecco i potenti nelle logge"
letture: 3359
19 novembre 2014
Ebola: ospedale Dallas, morto paziente 'zero'
Ebola spaventa il mondo, 6 casi sospetti in Spagna
letture: 3627
09 ottobre 2014
Giorgio Napolitano
Trattativa Stato-mafia, la Corte: "Napolitano deve testimoniare in aula"
letture: 3496
25 settembre 2014
Beppe Grillo
Lavoro, Grillo: "L'art.18 non si tocca. L'Europa può andarsene a fanculo" (1)
letture: 3282
25 settembre 2014
Berlusconi-Renzi
Corriere: "Il patto del Nazareno odora di massoneria. Renzi pubblichi contenuto" (1)
letture: 3293
24 settembre 2014
Rifiuti tossici, il pentito Vassallo: Pagavamo tutti, mai avuto un controllo
Rifiuti tossici, il pentito Vassallo: "Pagavamo tutti, mai avuto un controllo"
letture: 3807
23 settembre 2014
Dalle cozze la supercolla che resiste all'acqua
Dalle cozze la supercolla che resiste all'acqua
letture: 3566
22 settembre 2014
Denis Verdini
Roma, indagine su compravendita: Verdini a giudizio. Lui: 'Solo finanziamento illecito' (6)
letture: 3530
22 settembre 2014