Home | News | Eventi | Links | Oroscopo | Community | Ricerca

TeleFree



Community
Nick:
Pass:
:: registrati!
:: persa la password?

sx Eventi dx
dal 13/06 al 22/09 Pomezia: Arriva l'Estate 2019: Pomezia e Torvaianica in Festival
letture: 10435
18/10 Roma: Il Senato della Repubblica ospita il Premio Mondiale "Tulliola Renato Filippelli"
letture: 7977
18/10 Gaeta: L'ultimo buncker
letture: 2602
Calendario Tutti gli Eventi
dw

sx Menù dx
 menu Home
 menu News
 menu Eventi
 menu Links
 menu Fototeca
 menu Oroscopo
 menu Ricerca

 menu Community
 menu Registrati
 menu Entra
 menu M. Pubblici
 menu M. Privati
 menu Invia una news
 menu Invia un link

 menu Info
 menu Disclaimer
 menu Netiquette
dw

sx Online dx
iscritti:15.590
dw

sx Links dx
 links Abbigliamento
 links Agenzie Immobiliari
 links Agriturismo
 links Alberghi
 links Artigianato
 links Associazioni
 links Auto - Moto
 links Aziende
 links Banche
 links Bar e Pasticcerie
 links Biblioteche
 links Centri Commerciali
 links Chiese
 links Cinema
 links Comuni
 links Cultura e Spettacolo
 links Enti Locali
 links Eventi
 links Farmacie
 links I siti degli utenti
 links Il Territorio
 links Imprese Edili
 links Informazione
 links Medicina
 links Nautica
 links Parchi
 links Partiti Politici
 links Piante e Fiori
 links Ristoranti & Pub
 links Scuole
 links Sport
 links Stabilimenti Balneari
 links Studi Cine-Foto
 links Supermercati
 links Terapisti
 links Viaggi e Turismo

Links Tutti i Links
dw

sx Eventi Storici dx
domenica
22
settembre
S. Maurizio m.
Compleanno di:
sex didlina
sex Donna23
sex GENTILESALVA...
sex giuve
nel 1955: Fa la sua comparsa in Gran Bretagna la televisione commerciale. Può trasmettere al massimo 6 minuti di pubblicità ogni ora, e non può diffondere programmi la domenica mattina.
nel 1991: Sul ghiacciaio Similaun, al confine tra Italia e Austria, viene ritrovato il corpo di un guerriero perfettamento mummificato nel ghiaccio. Sulla base degli oggetti ritrovati con lui, avrebbe 4000 anni fa.
dw

Home » News » Archivi di TF » "Storie di un paese di mare", ...
giovedì 25 ottobre 2018
"Storie di un paese di mare", la Gaeta minima che tutti sanno ma nessuno vede
Recensione del libro di racconti di Salvatore Mola.
letture: 2034
Data evento: mercoledì 17 nov 2004
gaeta
gaeta
Archivi di TF: È stato pubblicato un libro che parla di noi, che parla della gaetanità morente ma senza strepitare o sollevare scandali. Chi andrà a leggerlo scoprirà di conoscerne molti dettagli, di averlo già orecchiato e metabolizzato da tempo immemore, di abitarci dentro senza più la voglia di stupirsene. Il libro si intitola "Storie di un paese di mare", edizioni Barba di Giove, ed è stato scritto da Salvatore Mola.
Mola, che è uomo colto e attivista politico, stimato professore di storia della filosofia al liceo Fermi ma pure esponente dei Verdi e assessore all'Urbanistica negli anni del centrosinistra, si sarà divertito a scrivere questo piccolo libro, a infilarci dentro storie e personaggi, punzecchiature e caricature, gossip e malaffari, Hegel e l'avvocato Riganò, sempre precisando che ogni riferimento a fatti e persone realmente esistenti è - per carità - puramente casuale. Avrebbe potuto scrivere un altro volume sulla flora e la fauna del parco di Monte Orlando come già egregiamente fatto, ma in fondo Mola ha cambiato soggetto di osservazione lasciando invariato il metodo. Analizza la flora e la fauna del villaggio gaetano con lo stesso interesse clinico di quando analizzava gabbiani e betulle, squaderna i vizi e le virtù dell'identità paesana con la spietatezza di un entomologo. Per fortuna, nel libro di Mola non compaiono indignazioni solenni, inviti alla redenzione e nemmeno invocazioni alla concordia divina. E meno male che manca la retorica della "bella Gaeta", la gaetanità che è diventata alibi misterioso per ogni pigrizia, per ogni eccesso di stupidità o di pittoresco. Sono racconti tranquilli, a tratti minimalisti perché minimo è lo sfondo che cercano di narrare, ma dietro cui traspare una certa tensione intellettuale. O, almeno, una voglia di fissarle nella memoria certe cose e certi episodi: che non restino strilli di giornale condannati all'oblio, chiacchiere di corridoi comunali e di bar sulla piazza, o le solite ondate di lettere anonime a orologeria. Ci sono i compromessi onorevoli per le case a dieci metri dal cimitero, ci sono gli avvocati degli abusivi e gli amanti fedeli, ci sono le brave mogli assunte col concorso e i rispettabili preti che non vogliono i disabili a scuola, ci sono i morti dimenticati dai vivi e le cisterne che diventano ville. È la Gaeta minima che tutti sanno, ma nessuno vede. Un paese gattopardesco, la cui verità - per dirla alla maniera di Sciascia - è "in fondo al pozzo".

Chi è più addentro di noi nelle faccende paesane, sicuramente sarà in grado di riconoscere e soppesare molte scene del racconto, ma non è questo il punto. La tensione civile delle "Storie di un paese di mare" non è confinabile al who's who, al "chi è chi" del mondo locale, ma parla del destino anemico e limaccioso che questa città, Gaeta, si è confezionato con le sue stesse mani. «Quasi ogni giorno sembrava il tempo della morte in quella piccola città di provincia. I suoi abitanti s'inorgoglivano e continuavano a pensare che non ci fosse al mondo luogo più bello e ameno; ma in quel luogo sereno e placido, tra le pieghe dell'orgoglio, un giovane si sprofondava nel mare gettandosi dalla falesia di Monte Orlando, una donna si impiccava nella sua abitazione, un'altra si dissanguava nel bagno, un vecchio si precipitava dal quarto piano a bagnare del suo sangue lo stretto marciapiede. E nell'indifferenza generale tutto continuava ad andare come doveva andare. Gli impiegati in ufficio, gli avvocati in tribunale, gli insegnanti e gli scolari a scuola, gli operai in fabbrica, i preti in chiesa, le casalinghe al bar e al supermercato, i morti al cimitero».

E nel libro di Mola non manca una frecciata ai «sindaci capitani, che erano stati i più voraci, non solo i più distratti», e poi persino un sublime (e inaspettato) ritaglio di turgidità sessuali e fantasie masturbatorie sullo sfondo della "curva a U, una U molto larga" tra via Garibaldi, la litoranea e il camposanto. E naturalmente riconosciamo lo stesso Mola qua e là nel contesto del libro, a cominciare dal riflessivo professore di mezza età che cerca ossessivamente un'origine ai mali della città nel primordiale scontro Liceo vs Nautico, fino al malsopportato assessore di sinistra anti-abusivismo che se non è lui poco ci manca. D'altronde Mola ha impersonato, forse meglio di tanti altri, ascesa e caduta della sinistra gaetana, speranza integerrima di cambiamento prima e parafulmine per incapacità storiche e rinnovamenti mancati dopo.

E nelle "storie di un paese di mare", a rimanere immobile sullo sfondo è proprio il mare. Forse perché i gaetani non sanno nuotare, non conoscono più il proprio mare che pure li circonda, lo usano e lo snobbano. Eppure la sostanza di un uomo è innanzitutto il luogo in cui si trova, odori e profumi, terra e acqua, una sostanza che impieghiamo tutta la vita ad addomesticare. Chi la ignora, rischia di annegare in una spiaggia sabbiosa, a pochi metri dalla riva.


***************
http://www.barbadigiove.it/mola.htm

A Gaeta il libro si può acquistare in libreria e in edicola al prezzo di 12 euro. Copie del volume possono essere chieste via email: mosalvatore@libero.it . Le copie richieste saranno spedite in contrassegno.


***
Pubblicato su TeleFree.it il 17 novembre 2004
***

di: Luca Di Ciaccio


sciuscio con nino granataArchivi di TF: Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie Il principale esponente della tradizionale questua di Capodanno a Gaeta canta e racconta: "Ma quale re, io sono lo sgobbatore dello sciuscio gaetano".
letture: 4616
31 dicembre 2018 di Luca Di Ciaccio
Real Ginnasio - LiceoArchivi di TF: Il Real Ginnasio - Liceo "Vitruvio Pollione" Piccolo inserto di storia formiana (16)
letture: 8838
24 dicembre 2018 di Renato Marchese
D' Onorio e CairoArchivi di TF: Supplica alla Beata Vergine e ai Santi della città di Gaeta (31)
letture: 6020
18 dicembre 2018 di Logos
goaucheArchivi di TF: Mola e Castellone nei costumi di un tempo Piccolo inserto di storia formiana (3)
letture: 6582
16 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: IL TRIONFO DELL'ARBITRIO (3)
letture: 3252
11 dicembre 2018 di Logos
veduta di Mola nel 1678Archivi di TF: Torquato Tasso e Felix Mendelssohn a Formia Piccolo inserto di storia formiana (8)
letture: 4488
10 dicembre 2018 di Renato Marchese
Archivi di TF: Gaeta/ Restauro della Real Ferdinando? Ennesima occasione sprecata!
letture: 2658
04 dicembre 2018 di Logos
il porto Capossele nel 1900Archivi di TF: Il porto di Formia Piccolo inserto di storia formiana (14)
letture: 4913
03 dicembre 2018 di Renato Marchese
corredoArchivi di TF: Il corredo nuziale Tradizione e costume della nostra terra (1)
letture: 3497
30 novembre 2018 di mneme
 Archivi di TF: Gaeta/ Restauro a San Domenico? Meglio autentiche rovine... (4)
letture: 3195
29 novembre 2018 di Logos








:: Archivio News
:: Pagina Stampabile
:: Invia ad un amico
:: Commenta


News dello stesso autore:
locandina compromessi sposi
I compromessi paesani
letture: 3198
30 gennaio 2019
gaeta
Luminarie e scion scion (1)
letture: 3150
06 gennaio 2019
sciuscio con nino granata
Intervista a Nino Cocchetto: ho salvato glie sciuscie
letture: 4616
31 dicembre 2018
gaeta
"Storie di un paese di mare", la Gaeta minima che tutti sanno ma nessuno vede
letture: 2035
25 ottobre 2018
scimmie
La via formiana allo spinello (5)
letture: 2008
18 ottobre 2018
antonio ciano
La verità su TMO e il Masaniello dell'etere
letture: 4168
05 ottobre 2018
scissure
Famiglie, nudisti e rave party: la doppia vita di una spiaggia
letture: 6741
28 settembre 2018
gaeta
L'estate del nostro scontento
letture: 2206
06 settembre 2018
Sdoganiamo Gigione! (2)
letture: 2102
04 settembre 2018
massimo magliozzi
E Gaeta si consegnò alla destra, ma tornò alla vecchia Dc. (6)
letture: 2443
02 settembre 2018